L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 11 settembre 2019

L'Isis/al Qaeda nascono dal wabismo coccolato e protetto dagli Stati Uniti, Arabia Saudita ed ebrei


LA PROVA documentale CHE LO STATO ISLAMICO è ARMATO DGLI STATI UNITI 

Maurizio Blondet 10 Settembre 2019 

1 settembre 2019

Dilyana Gaytandzhieva è la celebre giornalista investigativa bulgara, corrispondente in Medio Oriente che negli ultimi due anni ha pubblicato una serie di rapporti rivelatori sulle forniture di armi ai terroristi in Siria e Iraq. Il suo lavoro attuale si concentra sulla documentazione di crimini di guerra e esportazioni illecite di armi nelle zone di guerra di tutto il mondo.

fra i terroristi ISIS un istruttore delle Forze Speciali USA. Nemico comune, quello indicato da Israele: l’IRAN

Mentre il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si vanta della sconfitta dello Stato islamico in Siria, le armi acquistate dal governo degli Stati Uniti appaiono nelle mani dei terroristi dello Stato islamico nello Yemen.

Di recente ho ricevuto in modo anonimo documenti esplosivi dalle società armate statali serbe Krusik e Jugoimport SDPR, tra cui e-mail, memo interni, contratti, foto, programmi di consegna e liste di imballaggio con un numero elevato di armi e dei loro acquirenti. Tra i documenti trapelati ho anche ricevuto passaporti scannerizzati di trafficanti di armi e funzionari governativi di Stati Uniti, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti. Sono stati coinvolti nel traffico di almeno 3 milioni di pezzi di armi serbe (proiettili di mortaio e razzi) verso lo Yemen e la Siria negli ultimi tre anni.

Rintracciando il numero di lotto di queste armi serbe sono stato in grado di identificare e rintracciare i proiettili di mortaio nelle mani dei terroristi dello Stato islamico nello Yemen fino al loro acquirente – il governo degli Stati Uniti.

Questi documenti rivelano la più grande menzogna della politica estera degli Stati Uniti: combattere ufficialmente il terrorismo e segretamente sostenerlo.

La guerra nello Yemen è una guerra per procura per il controllo di uno dei paesi più poveri del mondo. Ha portato, secondo le Nazioni Unite, alla peggiore crisi umanitaria del mondo, con circa 24 milioni di persone (circa l’80% della popolazione) che hanno urgente bisogno di protezione e assistenza. Ciò include due milioni di bambini sotto i cinque anni che muoiono di fame. È una guerra tra l’Iran, da un lato, e gli Stati Uniti, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, dall’altro. Lo Stato islamico, tuttavia, svolge anche un ruolo significativo in questo conflitto armato. Il gruppo terroristico nello Yemen combatte principalmente contro i ribelli Houthi appoggiati dall’Iran che controllano lo Yemen settentrionale.

La “ditta” USA dei fornitori ufficiosi di armi all’ISIS in Siria e Iran hanno ricevuto un premio dal CENTCOM….

Utente finale: lo Stato islamico

Il 27 luglio 2019 il gruppo dello Stato islamico ha pubblicato un video di propaganda con la sua filiale nello Yemen. Il video mostra scene barbare di atrocità, tra cui scene scioccanti di decapitazioni di persone tenute in cattività dallo Stato islamico nello Yemen. Un frame di 5 secondi mostra le armi acquistate dal governo degli Stati Uniti nelle mani dei terroristi. Ecco come l’ho scoperto. La sigla sulle confezioni dei proiettili è chiaramente visibile – 82 mm M74 HE KV lotto 04/18. Le due lettere KV indicano che i proiettili di mortaio sono stati fabbricati dalla fabbrica di armi serba Krusik (K sta per Krusik e V – per Valjevo, la città in cui si trova la fabbrica). Le seguenti cifre 04/18 indicano che i gusci di malta sono lotto 04, prodotto nel 2018.

(Il seguito dell’ammirevole reportage qui:



Nessun commento:

Posta un commento