L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 21 settembre 2019

Niente di nuovo il Fondo monetario internazionale di Lagarde ha messo di nuovo sul lastrico l'Argentina di Macri

L’Argentina di Macri alla fame. Varata una legge che dichiara l’emergenza


Il Parlamento argentino all’unanimità ha approvato una legge presentata dalle opposizioni al governo neo-liberista di Macri che riconosce l'emergenza alimentare generata dai fallimenti di un paese tornato schiavo del Fondo Monetario Internazionale.

La Legge sull'emergenza alimentare obbliga lo Stato ad estendere la sua assistenza nelle sale da pranzo della comunità alle aree più vulnerabili e alle scuole pubbliche.

Ora l'esecutivo argentino, presieduto da Mauricio Macri, avrà un periodo di dieci giorni per iniziare l'esecuzione della legge. L'annuncio è stato fatto da varie organizzazioni sociali che dall'anno scorso hanno richiesto un'attenzione alimentare speciale ai bambini e agli anziani, che soffrono fortemente dell'attuale crisi economica nel paese.

La proposta è stata fatta dal deputato del movimento Evita, Leonardo Grosso, il quale ha affermato che l'attuale crisi supera quella del 2001 e colpisce principalmente il cibo della popolazione.

Secondo l'Osservatorio del debito sociale dell'Università cattolica argentina (UCA), la povertà estrema è aumentata di cinque punti percentuali dall'inizio del governo di Macri, dal 29 al 34,6 percento.

Per fortuna a breve nel paese ci saranno le elezioni presidenziali e poi l'incubo Macri sarà solo il peggiore dei ricordi per gli argentini.

Nessun commento:

Posta un commento