L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 4 settembre 2019

Yemen e gli avvoltoi occidentali, Francia, Gran Bretagna, Stati Uniti

L'ONU incolpa gli Stati Uniti, Regno Unito e la Francia per crimini di guerra nello Yemen


Le Nazioni Unite considerano gli Stati Uniti, il Regno Unito e la Francia come i principali complici dei crimini di guerra commessi nello Yemen per il loro sostegno militare all'Arabia Saudita.

In un rapporto pubblicato oggi, rilanciato dalla Reuters, un gruppo di esperti dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) ha accusato il regime saudita e i suoi alleati di massacrare la popolazione civile durante le sue offensive aeree sullo Yemen, oltre a "negare deliberatamente loro l'accesso a aiuti umanitari al paese minacciato dalla carestia.

Il dossier sottolinea inoltre che, nel caso di conferma da parte della commissione di crimini di guerra da parte dell'Arabia Saudita, si potrebbero indicare che i governi degli Stati Uniti, del Regno Unito e della Francia hanno partecipato come complici dell'enorme sostegno per le armi che hanno dato a Riyad durante la guerra allo Yemen.

Gli esperti delle Nazioni Unite hanno comunicato di aver inviato un elenco riservato indirizzato all'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, identificando "le persone che potrebbero essere responsabili di crimini internazionali" commesse nel conflitto nello Yemen .

Il rapporto ha anche allegato un elenco dei nomi di oltre 160 "attori principali" nel conflitto armato yemenita, inclusi alti funzionari dell'Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti (Emirati Arabi Uniti), senza menzionare se sono le persone sono anche incluse nell'elenco dei possibili criminali di guerra.

Gli individui legati al governo dell'ex presidente fuggitivo yemenita, Abdu Rabu Mansur Hadi, e "Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti, potrebbero aver effettuato attacchi aerei in violazione dei principi di distinzione, precauzione e proporzionalità e avrebbero potuto usare la fame come arma di guerra, atti che potrebbero costituire un crimine di guerra", si legge nel documento.

Inoltre, si precisa che "la legalità dei trasferimenti di armi da parte di Francia, Regno Unito, Stati Uniti e altri Stati rimane discutibile ed è oggetto di vari procedimenti giudiziari nazionali".

Fonte: Reuters
Notizia del: 03/09/2019

Nessun commento:

Posta un commento