L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 27 ottobre 2019

Il governo delle tasse non conosce i meccanismi economici che fanno da lavatrice ai soldi delle mafie, ma ci propina che togliere i contanti significa lottare contro di loro quando invece è il controllo sociale dei soldi risparmiati è il vero scopo

Mondo
Chi deve temere di più dal sistema bancario ombra

di Giuseppe Gagliano 
27 ottobre 2019



L’approfondimento di Giuseppe Gagliano

Il riciclaggio di denaro è definito come il travestimento dei proventi di reato con mezzi legali. Se ci riferiamo al CIA Factbook, Londra è considerata come un centro nevralgico di riciclaggio di denaro e Transparency International non solo conferma questo risultato ma stima che 100 miliardi di sterline inglesi provengono dalla criminalità organizzata in Gran Bretagna. Inoltre, a dicembre 2018, Duncan Hames, direttore delle politiche di Transparency International UK, ha dichiarato: “La normativa antiriciclaggio del Regno Unito nel settore privato rimane debole, frammentata e priva di una deterrenza credibile. Il governo dovrebbe approvare le leggi sulla responsabilità aziendale promesse da tempo per imporre alle aziende di riferire sul loro ruolo nel riciclaggio di denaro sporco nel Regno Unito”.

Nonostante tutte le leggi, le misure e le convenzioni internazionali adottate contro il riciclaggio di denaro e la lotta contro il finanziamento del terrorismo, la Gran Bretagna mantiene un’evidente flessibilità nel modo in cui le società sono registrate e nel modo di nascondere i veri beneficiari economici. Le rivelazioni dei Panama papers mostrano una connessione diretta tra le giurisdizioni storicamente poste sotto la responsabilità della corona britannica e il riciclaggio di denaro.

La ONG Transparency International stima che oltre 86.000 proprietà immobiliari britanniche siano di proprietà di società straniere in giurisdizioni straniere, molto spesso all’interno del Commonwealth dove è impossibile identificare il loro proprietario fisico. Questa concorrenza sleale da parte dei tribunali e delle isole britanniche con uno status speciale avvantaggia il Regno Unito, dove i casi di riciclaggio di denaro sono attualmente stimati in oltre 90 miliardi di sterline all’anno.

In vista della Brexit, visibilmente senza un ragionevole accordo, il futuro economico e finanziario del Regno Unito sta destando crescente preoccupazione per le autorità del Regno Unito. Questi timori includono turbolenze economiche, volatilità del mercato azionario e prosciugamento degli investimenti. Come ha spiegato Antonio Maria Costa (capo dell’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga), durante la crisi dei subprime, diverse banche bisognose di denaro non hanno esitato a riciclare denaro per 325 miliardi di dollari. Lungi dal raggiungere questa portata, le autorità britanniche sono comunque preoccupate per questo rischio e tengono conto della reale minaccia dell’ascesa del riciclaggio di denaro. La National Crime Agency (NCA) ha riferito di aver ricevuto 463.938 segnalazioni di attività sospette nel 2018, quasi il 10% in più rispetto all’anno precedente. Le preoccupazioni per il riciclaggio di denaro sono aumentate del 20%, raggiungendo 22196 casi nel 2018. L’instabilità parlamentare del regno, lo scontro politico e l’indecisione popolare creano altrettante opportunità di “collocare “ capitale straniero in Gran Bretagna.

Con una Brexit senza accordo, i timori per la sicurezza del bilancio del Regno Unito stanno crescendo. Il Regno Unito diventerebbe così un polo di attrazione ancora più importante per il crimine dei colletti bianchi.


Usando implicitamente l’argomento fiscale ed economico, al fine di ottenere concessioni da Bruxelles, Londra brandisce la tesi della flessibilità e le aliquote fiscali più competitive, creando una zona di compiacenza e connivenza fiscale alle porte dell’Europa. Il Primo Ministro Johnson ha sottolineato infatti la possibilità di aree a vantaggio fiscale per attrarre capitali stranieri. Questa nuova situazione apre la strada a molte opportunità di riciclaggio di denaro, facilitate dalla vaghezza normativa e dall’incertezza del post -Brexit.

In tale contesto, vi è motivo di temere una potenziale attrazione della città per il capitale di origine criminale. Questa sete di investimenti ha portato l’economia del Regno Unito ad essere infiltrata dalla mafia. Nel 2018 il Sunday Time ha spiegato come la calabrese Ndrangheta abbia rilevato il vantaggio di un’esigenza di investimento, con la flessibilità contabile del Regno Unito. I casi più utilizzati alla Borsa di Londra sono i cosiddetti mirror trading che consiste nell’acquisto di prodotti azionari in una valuta e nella rivendita di questi stessi prodotti in euro o dollari. Questo è stato il caso del cliente di una banca con sede a Mosca, che ha convertito rubli in grado in dollari USA per un totale di almeno 6 miliardi di dollari . Una volta convertiti in una valuta facilmente trasferibile, queste attività possono essere trasferite ai conti di banche europee in paesi come Cipro, Malta, Estonia e Lettonia.

La Gran Bretagna ha altre strategie finanziarie a causa del suo ecosistema finanziario che raggruppa una serie di attori, che insieme possono indebolire l’Unione europea con il metodo del sistema bancario ombra. In effetti, i finanziatori, i broker e altri intermediari del credito non appartengono al settore bancario regolamentato in modo convenzionale e quindi hanno più libertà degli istituti bancari. Al di fuori della regolamentazione bancaria con un potere finanziario di 2,2 trilioni di sterline, il sistema bancario ombra britannico ha una capacità di destabilizzazione elevata. Poiché le banche del Regno Unito non hanno la possibilità di svolgere determinate azioni sui mercati, delegano i loro compiti a soggetti non bancari. In un contesto di guerra economica gli obiettivi sono azioni non quotate, derivati ​​non quotati o credit default swap al fine di destabilizzare istituzioni o giurisdizioni concorrenti.

Il sistema bancario ombra potrebbe portare al rischio di un collasso del sistema bancario europeo e all’insolvenza delle istituzioni europee in difficoltà, comprese le banche italiane e spagnole, nonché Deutsche Bank, Commerzbank e diverse banche regionali tedesche. Il recente studio della McKinsey spiega che una banca su tre è minacciata di estinzione in tutto il mondo. Proprio come Georges Soros speculò contro la sterlina britannica nel 1992, potremmo temere una situazione simile da parte dei nostri alleati britannici contro l’Europa.
 

Nessun commento:

Posta un commento