L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 15 novembre 2019

100 miliardi l'anno per cinque anni e l'economia riparte. Ma in Euroimbecilandia non si può vige il Progetto Criminale dell'Euro


Una provocazione, come immettere 300 miliardi nell’economia

Davide 15 Novembre 2019 , 5:10

DI PAOLO BECCHI E GIOVANNI ZIBORDI

milanofinanza.it

Il problema fondamentale dell’economia italiana (non l’unico, ma il più importante) è che mancano circa 300 miliardi di euro in circolazione perché possa funzionare normalmente, come le economie degli altri paesi industriali avanzati. Perché diciamo circa 300 miliardi? Perché le banche hanno tagliato il credito alle imprese da 930 miliardi nel 2008 a circa 640 miliardi. Ora è questo il denaro che circola. Come noto rispetto a dieci anni fa la nostra produzione industriale è calata di più del 20%, il reddito procapite di circa l’8%, 300mila giovani in larga parte laur sono emigrati e la natalità è crollata al livello più basso del mondo (il più basso in assoluto). Questo è l’effetto di togliere quasi 300 miliardi da un economia da 1.700 miliardi l’anno di pil. Allo stesso tempo però la ricchezza finanziaria in Italia non è calata ed è tuttora (procapite) una delle più alte del mondo, siamo in surplus con l’estero e i nostri Btp hanno reso l’80% circa negli ultimi dieci anni, a dispetto dello “spread”. Anche come come debito complessivo, cioè di stato, famiglie, banche e imprese siamo nella media Ocse.

Ok… il titolo del nostro pezzo oggi su MilanoFinanza non è corretto, con questa soluzione sposti soldi che gli italiani hanno nei conti correnti e prodotti finanziari a finanziare il Tesoro ..però è difficile riassumere il discorso in uno spazio limitato https://t.co/GDozPQOpIJ

— Giovanni Zibordi (@gzibordi) November 11, 2019

La capacità di produrre, beni e servizi, ma anche proprio di riprodursi con i figli in Italia è peggiorata più che ogni altro paese industriale (eccetto la Grecia, che però non è un vero paese industriale). Il nostro paese è però solido dal punto di vista finanziario, come conti con l’estero e come ricchezza finanziaria. Ad esempio contrariamente a quello che hanno instillato anni di propaganda sul debito pubblico, alla fine chi avesse detenuto BTP avrebbe guadagnato 80% circa dal 2009, vale a dire più che con qualsiasi altro titolo di stato simile al mondo. Il primo aspetto, crollo della produzione, del reddito e della natalità indica che mancano soldi in circolazione. Ma il secondo aspetto, buona ricchezza finanziaria, alti rendimenti e buoni conti con estero, indica che i soldi si possono “trovare”. Un paese infatti molto indebitato e in passivo con l’estero effettivamente “non ha soldi”, ma il nostro caso è diverso, noi non abbiamo questi problemi, da noi mancano soldi che circolino tra le imprese e i consumatori. Se fossimo un paese con la propria Banca Centrale potremmo farle stampare i soldi che mancano come fanno in Cina, Giappone e Usa e farle finanziare i deficit. La Bce in realtà lo fa anche lei, ma pone come condizione di non aumentare i deficit e il governo italiano deve obbedire. Draghi ora che non è piu Presidente della banca centrale ha detto che sarebbe meglio aumentare i deficit visto che la Bce di fatto li finanzia comprando Btp, ma non poteva dirlo quando era in carica.
La soluzione qual è allora restando nell’euro, visto che 
ormai neppure (gli euroimbecilli del) la Lega vuole (vogliono) uscire
Cambiare le regole europee? Consentiteci un modesto scetticismo al riguardo. A noi è venuta in mente un’altra idea e ci illudiamo che si possa aprire un dibattito su questo. Gli italiani hanno in banca, oltre 4mila miliardi di cui 1.400 in conti correnti e il resto in fondi, polizze, titoli, gestioni e prodotti vari che offrono le banche. Occorre che lo Stato offra un nuovo tipo di debito pubblico, che possa essere usato come moneta, cioè per effettuare ogni tipo di pagamenti esattamente come il conto corrente. La tecnologia attuale e il funzionamento dei mercati moderni consente di farlo. È possibile predisporre un circuito per cui si depositano i soldi presso il Tesoro e non in banca, il Tesoro paga questo denaro come un Btp a 5 anni, quindi circa un 1% e però si offre la possibilità di usare bancomat e carta di credito direttamente da questo conto remunerato dal Tesoro.

In cambio di questo servizio lo Stato cosa riceve? Questo nuovo tipo di debito pubblico non ha scadenza, è permanente, ma se uno vuole rivenderlo lo Stato lo compra alla pari, cioè non oscilla di prezzo. Perché oggi questa non sarebbe una cattiva idea? Perchè oggi siamo in un momento storico in cui persino i titoli di stato greci rendono zero e quelli tedeschi o francesi meno di zero e i Bot pure meno di zero. Se lo stato ti offre invece un rendimento e in più ti consente di usare questo conto per qualunque pagamento, centinaia di miliardi si sposteranno su questo tipo di debito pubblico permanente. In pratica lo Stato trasforma il debito pubblico in moneta, denaro che si può utilizzare immediatamente, liquidità che si può immettere nell’economia, quella liquidità che manca e che continuerà a mancare perché l’ Unione europea ci impedisce di aumentare il deficit. Questa soluzione, abbastanza geniale, per la verità non è nostra, viene da un economista noto di Chicago, John Cochrane che l’ha pensata per gli Stati Uniti, quando si troveranno in difficoltà coi loro 22mila miliardi di debito pubblico, ma secondo noi è perfetta per l’Italia. Già oggi. Vogliamo parlarne o dobbiamo continuare a parlare solo della “caccia alle streghe“? (riproduzione riservata)

Paolo Becchi e Giovanni Zibordi

Fonte: www.milanofinanza.it

Link: https://www.milanofinanza.it/news/una-provocazione-come-immettere-300-miliardi-nell-economia-201911111723541934

11.11.2019
 

Nessun commento:

Posta un commento