L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 7 novembre 2019

Gli ebrei palestinesi sono un cancro da estirpare - distorcono i fatti e i giornalisti giornaloni l'amplificano chiaramente in cattiva fede

"Lancio di missili da Gaza verso Israele": la vogliamo smettere di raccontare balle?


06/11/2019, 15:51

Mi capita spesso di leggere sui giornali - le rarissime volte che parlano degli attacchi israeliani contro gli abitanti di Gaza - i titoli che iniziano così: "Lancio di missili da Gaza verso le città israeliane. Gli israeliani rispondono colpendo obiettivi terroristici di Hamas". 

L'ultimo caso un paio di giorni fa. Sarebbero stati lanciati 10 missili contro Sderot, una città israeliana. Testimoni? Nessuno. E' stato pubblicato un video che dovrebbe rappresentare i missili che arrivano e il sistema antimissile Iron Dome che li intercetta, ma si vedevano solo dei lampi nel cielo nero. Poteva essere qualsiasi cosa. Anche un video fatto in studio. Un missile - hanno riferito alcuni giornali - ha colpito una casa a Sderot senza fare nè danni nè feriti. Testimoni? Nessuno. E allora, se nessuno ha visto, nessuno ha registrato danni, nessuno è stato ferito, come si fa a dire che un missile ha colpito l'abitazione? Non si sa. E' un atto di fede, come il cristiano che crede nel fatto che Dio esiste. Alla stessa maniera bisogna credere che i missili siano stati lanciati. 

E qui cominciamo a chiarire le cose dal punto di vista tecnico. Ogni tanto Gaza prova a rispondere agli attacchi israeliani, ma quelli che lancia non sono missili, sono razzi Qassam. Qual è la differenza? Innanzitutto la differenza è tecnica: il missile ha un sistema di guida, quindi colpisce il bersaglio con precisione (maggiore o minore a seconda del tipo); il razzo no. Per capirci, la V1 e la V2 tedesche, usate alla fine della Seconda Guerra Mondiale, sono catalogabili come razzi (anche se la V1 è al limite, dato che viaggiava solo a 700 Km/h.), in quanto venivano lanciati e non erano guidabili. I Tomahawk statunitensi, invece, sono missili, dato che hanno un sistema di guida che consente di decidere a che altezza volare, che traiettoria percorrere, ecc. Ora di per sè, questo può non voler dire niente: la V1 e la V2 hanno fatto parecchie vittime, quindi anche un razzo può essere letale. Non per niente i razzi fanno parte degli armamenti degli aerei e degli elicotteri da guerra. 

Ma il Qassam è poco più di un giocattolo. Io lo definisco un petardo con manie di grandezza. Infatti, è un razzo piccolo, lungo meno di un metro (si trasporta tranquillamente in mano o sotto un braccio) e con una testata che contiene solitamente 2 o 300 grammi di esplosivo. Al massimo 500 grammi. Ma almeno è esplosivo potente? Che so: tritolo, C4, Semtex, Octol? No, Anfo. Andateveli a cercare su Internet, per capire la differenza tra questi esplosivi e l'Anfo. Che non è altro che gasolio mischiato a certi fertilizzanti. Un esplosivo con bassissima capacità esplosiva, se non usato in enormi quantità. Per farvi capire, nel 1993 un gruppo di suprematisti ariani fece un attentato alle Twin Towers facendo esplodere nel garage sotterraneo dell'edificio una bomba fatta con 500 Kg. di Anfo (anche se alcune stime arrivano a 900 Kg.). Ripeto, 500 Kg., non i 500 grammi del Qassam. I danni furono così contenuti da danneggiare solo le auto e alcune strutture murarie secondarie. Quando fecero esplodere 400 Kg di gelatina da cava (un esplosivo comunque non esuberante) sotto l'autostrada di Capaci, l'effetto l'abbiamo visto in TV: il giudice Facone ucciso, insieme alla moglie e alla scorta, la strada devastata, una macchina lanciata a metri e metri di distanza. Questo per far capire quanto sia molto relativa la pericolosità dell'Anfo. 

E quindi che si ottiene facendone esplodere 300 o 500 grammi? L'ho detto, è un petardo. Ci sono petardi usati a Capodanno che sono più pericolosi. Per questo i palestinesi cercano di dargli un po' di pericolosità inserendo delle biglie di acciaio. Ma parliamo di un raggio che si misura in pochi metri. Per essere feriti o uccisi da un Qassam, ti deve esplodere praticamente in braccio. Per questo dal 1996 ad oggi sono stati lanciati oltre 50 mila razzi Qassam su Israele e hanno fatto 11 morti, di cui 7 erano anziani morti per infarto quando è suonato l'allarme antiaereo. Se mi metto a lanciare sassi dalla mia finestra dopo essermi bendato, sono più pericoloso dei razzi Qassam. 

In realtà, ci sono due motivi per questi articoli dal titolo fasullo. Il primo è sempre giustificare i bombardamenti israeliani. Perchè poi le bombe israeliane hanno colpito. E, come al solito, non un obiettivo di Hamas, ma una casa qualunque, uccidendo una persona e ferendone altre due. Entro due o tre anni tutti gli abitanti di Gaza saranno morti per malattia, visto che all'interno della striscia abitano 2 milioni di persone e non c'è acqua potabile nè medicine. Ma si vede che il governo israeliano ha fretta... 

Il secondo è far vedere che Israele non attacca, viene attaccato. Con armi iraniane. Infatti, ogni tanto poi passa la notizia che quelli lanciati sono missili veri e propri, con una testata da una tonnellata di esplosivo. Missili che l'Iran fa arrivare a Gaza. Peccato che qualcuno mi deve spiegare come si fa a far entrare in un posto completamente circondato da muri di cemento e di filo spinato degli affari lunghi oltre 3 metri e del peso di 4 tonnellate. La risposta che danno è "Attraverso i tunnel", ma anche questa è una balla. E' vero che Hamas fa scavare (o almeno ci prova) a far scavare dei tunnel sotto il confine con l'Egitto. Ma sono tunnel minuscoli, costruiti senza supporti (cioè sono solo scavati, non si usa il cemento per fissare il soffitto e le pareti) e così piccoli che spesso la gente deve inginocchiarsi per passare. Come fai a far passare e a trasportare a mano un missile di quelle dimensioni? Anche questa quindi è una balla. 

Poi invece non si parla mai di quello che Israele lancia su Gaza. Gli aerei israeliani (a proposito, annuncio per quei razzisti che lanciano continuamente raccolte firme contro i sardi per far chiudere la RWM, la società tedesca che produce bombe - anche in Sardegna - che poi vengono vendute all'Arabia Saudita che le sgancia sullo Yemen: Israele usa anche aerei italiani per bombardare i civili a Gaza. dal 2012 usa anche gli M-346 da addestramento: ci mette bombe vere sotto le ali e li manda a bombardare civili. Adesso li voglio vedere ad andare a Varese a chiedere la chiusura di quello stabilimento e il licenziamento di tutti gli operai) usano quelle che possiamo considerare le bombe standard dell'Occidente. Hanno due "misure": quella più piccola contiene l'equivalente di 750 Kg. di tritolo; la più grande il doppio. Prima ho parlato di Capaci, ma erano solo 400 Kg. Secondo voi che succede quando esplode una bomba potente il doppio? E quando ne esplode una potente quattro volte quella di Capaci? Potete capire anche voi quanto siano pretestuose le frasi di coloro che dicono che la colpa è di Hamas che costringe la gente a salire sui tetti per fare da scudi umani. Quando esplode dentro un palazzo una bomba grande quattro volte quella di Capaci, dovunque sei, sei morto. A meno che tu non sia ben lontano da quel palazzo. 

Sì, perchè è questa la differenza: Hamas può lanciare 1000 razzi Qassam, colpire lo stesso edificio (ammesso che sia possibile, per un razzo non guidato) e al massimo scrosta l'intonaco della parete esterna. Israele lancia un missile o una bomba e un edificio finisce in mille pezzi. Altro che "guerra diseguale", come la chiama qualcuno. Qui è un adulto (Israele) che prende a calci un bambino di 5 anni. E con il resto del mondo che sta a guardare senza intervenire. E anche questo è uno schifo. Uno schifo che però nessun giornale sottolinea. Come nessun giornale sottolinea quello che ho spiegato io. No, sia in Italia che in molti Paesi europei i giornali e le Tv si limitano a ricevere le veline da Israele e le spacciano per notizie. Spesso hanno anche un inviato a Gerusalemme, che però fa il giornalista embedded (cioè faziosamente di parte) per Israele. E le notizie vere? E i drammi dei palestinesi? Ma chissenefrega. 

L'ultimo episodio, che secondo me meritava una notizia in prima pagina, è di un paio di giorni fa. Ad un check point (uno dei posti di controllo che gli israeliani hanno messo intorno alle città palestinesi per controllare e angariare i cittadini palestinesi) un ragazzo palestinese viene perquisito. I soldati gli dicono di allontanarsi tenendo le mani alzate. Lui obbedisce, tenedo lo zaino con la mano destra e le mani alzate, al di sopra delle spalle. I soldati lo fanno allontanare di una trentina di metri, poi uno di loro gli spara una raffica di mitragliatrice nella schiena. Lo so, sembra un film, perchè spesso i cattivi dei film fanno questo. Ma in questo caso è successo davvero (ho visto il video, pubblicato su Facebook e su alcune testate arabe in lingua inglese). Altra notizia della settimana scorsa: un soldato israeliano uccide un bambino di 6 anni sparandogli una raffica di mitragliatrice nello stomaco da distanza ravvicinata. E' stato condannato ad un mese di prigione, non scontata. E il processo si è tenuto solo perchè l'omicidio è stato filmato, ma si è trattato dell'ennesimo episodio di violenza gratuita. Qualche giornale ne ha parlato? In Italia nessuno. 

Per non parlare della enorme cappa di silenzio scesa su Gaza. Dalla fine di marzo del 2018, ogni venerdì c'è una manifestazione a Gaza, nei pressi del muro che impedisce agli abitanti di Gaza di uscire. Una manifestazione in cui si chiede di poter tornare alle proprie case. In poco più di un anno e mezzo (sono una ottantina di manifestazioni) ci sono stati oltre 400 palestinesi uccisi, di cui una settantina sono quelli con meno di 14 anni, e oltre 30 mila feriti. La maggior parte colpiti da proiettili alle gambe. Sono proiettili particolari: si chiamano autoespansivi (più comunemente "proiettili esplosivi", anche se non esplodono) e sono proibiti dalle convenzioni internazionali. Sono proiettili che hanno al posto della punta un buco che arriva fino a due terzi del prouettile. Quando il proiettile viene sparato, l'aria viene compressa in questo buco. Quando colpisce un bersaglio (per esempio la gamba di un palestinese) l'aria cerca di uscire, ma è ostacolata dal fatto che c'è il tessuto umano. E quindi quest'aria compressa fa troppa pressione sul proiettile e lo spacca, aprendolo come un fiore. Un fiore di sangue, perchè chiaramente i danni che fa un proiettile così largo sono enormi. Per questo spesso i soldati israeliani mirano alle gambe: se si viene colpiti da un proiettile del genere alla gamba, ammesso che si sopravviva all'intensissimo dolore (che può provocare un infarto, tanto è violento) e alla perdita di sangue, spesso l'unica cosa che si può fare è amputare la gamba, perchè il danno è eccessivo e sono in corso infezioni. 

E anche di questo non se ne parla. Ah, ma se un palestinese starnutisce a Gerusalemme, subito si parla di attentato terroristico contro gli israeliani. E adesso, grazie alla Commissione Segre, un articolo come il mio può essere tacciato di antisemitismo. Ricordiamocelo, perchè questa è la democrazia, baby. E' quando i più forti, i più ricchi e i più potenti schiacciano gli altri e vengono anche applauditi per come lo fanno bene.

http://www.julienews.it/notizia/editoriali/lancio-di-missili-da-gaza-verso-israele-la-vogliamo-smettere-di-raccontare-balle/384329_editoriali_11.html

Nessun commento:

Posta un commento