L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 20 novembre 2019

l'Economia del credito (o del debito) non sta bene - Incapaci di prendere lezioni dalla storia ci dirigiamo verso il baratro

PUNTI DI VISTA, 

 FRANCESCO SIMONCELLI, 
PUBBLICATO: 19 NOVEMBRE 13:00

PER INFO VISITA IL SITO: FRANCESCOSIMONCELLI.COM

Le lezioni a livello monetario da apprendere dalla GermaniaTempo stimato di lettura: 20 minuti

La Germania è passata attraverso due crolli della valuta durante la sua storia nel secolo scorso: nel 1920-23 e nel 1945-48.


La Germania è passata attraverso due crolli della valuta durante la sua storia nel secolo scorso: nel 1920-23 e nel 1945-48. L'architetto della ripresa dal primo, Hjalmar Schacht, scelse di collaborare con i nazisti dopo la Repubblica di Weimar e fallì. Nel secondo Ludwig Erhard rimase fedele alle sue idee di libero mercato ed ebbe successo. Sebbene le circostanze fossero diverse, i confronti tra i due eventi potrebbero fornire una guida per quei politici di fronte a situazioni monetarie simili.

Supponiamo che la prossima crisi del credito stia arrivando. Dati i livelli stratosferici del debito pubblico, è probabile che sia più grave di quella precedente nel 2008. Facciamo notare anche che sta arrivando nonostante il presunto stimolo dovuto ai tassi d'interesse bassi e negativi, quando ci aspetteremmo che fossero al massimo in questa fase del ciclo del credito; senza contare poi i $17.000 miliardi di obbligazioni a rendimenti negativi, una distorsione innaturale dei mercati. Supponiamo inoltre che McKinsey nel suo sondaggio bancario annuale di quest'anno abbia ragione quando afferma che il 60% delle banche del mondo sta consumando il proprio capitale prima di una crisi del credito. Aggiungeteci una recessione in via di sviluppo in Germania che quasi certamente porterà sia la Deutsche Bank che la Commerzbank a dover essere salvate dal governo tedesco. Inoltre l'FMI ha avvertito che $19.000 miliardi di debito societario rappresentano una crisi sistemica e che gli obblighi di prestito garantiti e l'esposizione diretta ai junk bond detenuti dalle banche commerciali statunitensi sono approssimativamente equivalenti alla somma del loro capitale.

Quindi possiamo affermare che si sta sviluppando una grave crisi del credito e che quasi sicuramente sarà molto più grande di quella della Lehman. Possiamo anche dire che la stampa di denaro da parte delle banche centrali per salvare sia il sistema bancario che le finanze pubbliche verrà aumentata, andando a 
destabilizzare il potere d'acquisto delle valute fiat. 
In tal caso i tassi d'interesse non potranno far altro che salire, poiché i prezzi di tutto inizieranno a crescere in modo incontrollato, indipendentemente dalle politiche sui tassi d'interesse delle banche centrali. E laddove dipendono da deficit di bilancio coperti da ulteriori emissioni di titoli di Stato, le finanze pubbliche finiranno in profonda crisi. Questa è una situazione che minaccerà la fine delle valute fiat basate solo sulla fiducia dei governi la cui spesa sta andando fuori controllo.

I fattori che determinano il ritmo del declino della valuta

La fine delle valute fiat potrebbe non essere immediata. Le lezioni del passato ci dicono che la popolazione può essere lenta di comprendonio quando si tratta di riconoscere ciò che sta accadendo ai propri soldi e risparmi. In passato è accaduto a singole valute fiat, ma la prossima volta sembra che sarà un destino comune affrontato da tutte le principali divise. In passato c'erano altre valute più solide, ma con un dollaro in calo al centro di tutto, le alternative ad un gruppo di valute fiat in rovina sono estremamente limitate. Le conseguenze per le popolazioni abituate ai pagamenti e ai servizi di assistenza sociale sono destinate ad essere drastiche.

È l'interazione tra i cambi e le valutazioni interne che determina il ritmo del declino di una valuta fiat. Il Peso argentino è un esempio contemporaneo di una valuta che viene ancora accettata nelle borse estere, ma è scartata da chi la dovrebbe effettivamente utilizzare. La prova è il tasso nel mercato nero: oltre 70 al dollaro USA rispetto al tasso di cambio ufficiale di 59A differenza degli argentini che valutano già i loro Peso in misura minore rispetto agli stranieri, le masse che utilizzano le principali divise vivono ancora nell'illusione che esse non siano fragili 
e devono ancora realizzare le conseguenze della creazione smodata di denaro dal nulla. 
Il tempo impiegato dalla gente comune e dagli scambi esteri per apprendere la dura realtà sull'accelerazione della svalutazione monetaria può variare enormemente.

Ma le valute fiat muoiono. A parte quelle di oggi che devono ancora farlo, stiamo parlando di un processo che è sempre accaduto e qualsiasi studente di economia dovrebbe essere in grado di rilevare i segni premonitori della loro scomparsa. La morte di una valuta fiat è dolorosa per tutti i soggetti coinvolti. È un fallimento nazionale, ma anche se è difficile vedere come, le nazioni e i loro popoli sopravvivono alla distruzione delle loro valute fiat.

La Germania lo ha sperimentato due volte nel secolo scorso. La prima volta ha aperto la strada ad una dittatura dieci anni dopo. La seconda ha avuto un'eredità più duratura, che ha reso la Germania una delle due nazioni economicamente più potenti negli ultimi anni... almeno fino a quando i burocrati ed i pianificatori centrali non hanno avuto la meglio, sacrificando il marco tedesco per l'euro. Per i politici che devono 
affrontare quella che sarà la più grande crisi del credito sin dagli anni '30, 
le lezioni dall'esperienza tedesca risulteranno preziose. In Gran Bretagna a Natale si formerà un nuovo governo e nei suoi primi anni probabilmente dovrà affrontare una crisi globale bancaria e del credito, la quale minaccerà anche il futuro della sterlina, Supponendo che Boris Johnson vinca e continui come Primo Ministro, sappiamo dai suoi scritti che comprende i mercati liberi, l'importanza della determinazione onesta dei prezzi, i mali dell'interventismo, della regolamentazione statale oppressiva e del capitalismo clientelare. È in minoranza in questi punti di vista, sebbene attorno a lui vi siano figure potenti che li condividono. Si trova in una posizione simile a quella di due cittadini tedeschi che dovettero affrontare un crollo della valuta con risultati diversi.

Se un tale evento si porterà dietro la sterlina, la classe politica non sarà in grado di fermarlo. Quindi Boris sarà un Hjalmar Schacht o un Ludwig Erhard, entrambi i quali hanno visto un crollo del marco in momenti diversi e dovettero gestire la ripresa successiva.

Il governo tedesco di Weimar

Durante l'inflazione di Weimar, un governo debole passò dal credere alla teoria di Knapp dello stato chartalista, che gli permise di 
stampare denaro a piacimento, 
ad apprendere troppo tardi i suoi errori. L'intero mondo occidentale in quel secolo intraprese questo viaggio, quindi l'esperienza della Germania ci offre una certa guida.

Prima che Hitler salisse al potere nel 1933, il governo di Weimar del dopoguerra continuò a governare molto tempo dopo che la popolazione ebbe sofferto la grande inflazione che si concluse nel 1923. I dieci anni seguenti dimostrarono che un certo sistema di governo può sopravvivere ad una catastrofe monetaria. A seguito dell'iperinflazione, il governo di Weimar si trovò ancora a dover rispondere alle richieste dei lavoratori, dei cartelli industriali, dei marxisti e dei capitalisti. E quando la Gran Bretagna abbandonò il gold standard nel 1931, la caduta della sterlina rese improvvisamente i prezzi all'export tedeschi troppo alti. Nel 1930 il cancelliere Brüning aveva già risposto alla crescente depressione in America restringendo il credito interno e invertendo gli aumenti salariali, quindi la svalutazione della sterlina fu un duro colpo. Insieme alle politiche deflazionistiche di Brüning, ciò portò ad una disoccupazione di massa e all'avanzamento del partito nazista, che alla fine prese il controllo dell'economia tedesca nel gennaio 1933, quando Hitler fu nominato Cancelliere. Questo assetto spianò la strada al modello di dittatura descritto da Hayek nel suo The Road to Serfdom. In futuro altre nazioni con valute crollate cercheranno di seguire un corso simile, caratterizzato inizialmente da un governo debole che successivamente cercherà di essere tutto per tutti.

Qualunque sia il carattere di quel governo, 
saranno necessarie severe restrizioni all'emissione di una nuova valuta sostitutiva affinché abbia credibilità. 
È molto probabile che una popolazione disperata dia il suo sostegno, motivo per cui Hjalmar Schacht ebbe successo alla fine del 1923 come Commissario valutario e Presidente della Reichsbank.

Quando stabilizzò il marco, il suo ufficio era l'ex-credenza di una donna delle pulizie. Come commissario valutario della Germania, il suo era un dipartimento di sole due persone con un telefono, compreso il suo segretario, Fräulein Steffeck; la prova che con la giusta autorità si può attuare una politica monetaria nazionale. La lezione della Repubblica di Weimar ci dice che una nuova valuta statale, finché gestita correttamente, può sopravvivere abbastanza a lungo da vedere una nazione superare il suo momento di crisi. La Germania entrò quindi negli "anni d'oro", un periodo di ripresa e crescita economica alimentato anche dall'espansione del credito bancario. Mentre la politica monetaria di Schacht ebbe successo, dal punto di vista politico si spostò verso il nazismo, diventando ministro dell'economia di Hitler nel 1934, sebbene continuasse a sostenere un libero mercato criticando le spese militari della Germania.

Mentre lavorava all'interno dell'establishment, l'etica di libero mercato di Schacht entrò in contrasto con il fascismo tedesco. Quest'ultimo permetteva la proprietà privata a condizione che lo stato ne dirigesse la produzione. Schacht era sia all'interno del regime nazista sia uno dei suoi più grandi critici, anche implicato in un complotto per deporre Hitler nel 1938. Tuttavia la sua credibilità internazionale era troppo grande affinché Hitler potesse licenziarlo, ma alla fine fu licenziato lo stesso nel 1943 Schacht era un uomo straordinario, un patriota tedesco che cercò di fare il meglio per il suo Paese nei momenti politici più difficili. Venne lasciato fuori dal processo di Norimberga.

Oggi è una figura dimenticata, ma dopo aver stabilizzato l'economia introducendo e mantenendo una politica monetaria sana, fornì una breve finestra che portò prosperità alla Germania alla fine degli anni venti, in parte alimentata anche dall'espansione di credito bancario sia in Germania che altrove. Il crollo di Wall Street, le politiche deflazionistiche del Cancelliere Brüning e l'uscita della sterlina dal gold standard nel 1931 furono gli eventi che aprirono le porte al fascismo tedesco e alla completa distruzione della sua economia in seguito alla sconfitta della Germania nella seconda guerra mondiale.

Dove Schacht fallì, un altro economista ebbe successo: Ludwig Erhard.

L'ascesa al potere di Erhard

Il padre di Erhard era un contadino che si era trasferito a Fürth, nella Baviera settentrionale, dove aveva aperto un negozio di abbigliamento di successo. Erhard figlio aveva un background stabile, anche se senza pretese, con solidi valori imprenditoriali. Sfortunatamente durante l'infanzia soffrì di paralisi infantile che lo costrinse ad indossare scarpe ortopediche per il resto della sua vita. Non era in grado di prendere parte ad attività sportive, aveva pochi amici ed era considerato una specie di solitario.

Due settimane prima che Hitler fosse reso invalido da un attacco al gas, nel settembre del 1918 Erhard fu gravemente ferito da una scheggia alleata. Furono necessarie sette operazioni per salvarlo e non poté uscire dall'ospedale fino alla primavera successiva. Era diventato ufficialmente invalido con una pensione, ma fu Hitler a radicalizzarsi mentre Erhard continuò ad avere una visione positiva e più equilibrata della vita. Informato dal successo di suo padre come piccolo commerciante, Erhard capì che i consumatori contavano soprattutto in un momento in cui i cartelli del settore dominavano l'economia tedesca. I dibattiti economici infuriavano tra la scuola storica tedesca, i liberali sostenitori dei cartelli, i marxisti e poi i nazisti. Ma rimase solo un sostenitore dei mercati liberi, comprendendo che nessuna forma di pianificazione statale potesse fornire ciò che i mercati chiedevano e stabilire i prezzi in modo realistico.

Per tutta la sua vita adulta mantenne un punto di vista di minoranza. Essendo un invalido di guerra, era troppo debole per lavorare nel negozio di suo padre e nel 1919 si iscrisse da un college commerciale nella vicina Norimberga. Fu l'inizio della sua carriera accademica, durante la quale sviluppò un interesse per il denaro e l'economia. Come economista, non divenne mai un uomo associato a qualche altro consenso. Non si unì ai liberali, che promuovevano i cartelli e lo stato, né abbracciò il socialismo. Credeva fermamente nella libertà per la persona comune. Respinse le mode della centralizzazione e della pianificazione statale.

A differenza di Schacht, Erhard non si unì ai nazisti. Rimase apolitico, ma aveva una visione chiara dei suoi obiettivi personali e si posizionò sempre per raggiungerli.

Alla fine della seconda guerra mondiale, la Germania fu divisa in quattro zone amministrative militari: russa, francese, americana e britannica. Quella che interessava ad Erhard era la parte americana, sotto il generale Lucius D Clay, incaricato dal comitato di sorveglianza (JCS 1067) di tenere a bada il tenore di vita del popolo tedesco affinché non superasse quello dei suoi vicini (un comando che alla fine ignorò). Inoltre dovevano essere adottate misure per garantire che la Germania non potesse avviare un'altra guerra e, di conseguenza, l'economia doveva essere decentralizzata, le industrie legate alla guerra smantellate e la leadership aziendale epurata dai nazisti.  Dal momento che copriva la Germania meridionale, la zona di occupazione degli Stati Uniti includeva la Baviera, lo stato di origine di Erhard, e quest'ultimo si fece rapidamente notare dagli americani come uno dei pochissimi economisti di libero mercato non contaminati dal nazismo. Inoltre il generale Clay tendeva personalmente verso la stessa filosofia ed Erhard fu nominato ministro dell'economia nel governo bavarese nel settembre 1945.

Inizialmente le zone di occupazione non erano autorizzate a commerciare tra loro, quindi Erhard si adoperò affinché le zone americane e britanniche potessero farlo. Gli inglesi erano molto diversi dagli americani, avendo tendenze alla centralizzazione e alla pianificazione in linea con le politiche di nazionalizzazione del governo Atlee. Tuttavia Erhard eliminò questi ostacoli, guadagnandosi la fiducia e il rispetto dell'esercito americano pur essendo a malapena tollerato da quello britannico.

Nell'ottobre 1947 un nuovo comitato, l'Ufficio speciale per il denaro e il credito, nominò Erhard presidente. In questa posizione voleva deregolamentare e liberalizzare l'economia il più presto possibile, oltre ad implementare una riforma monetaria. Il 16 giugno 1948 vennero stabiliti i piani di riforma della valuta: ogni tedesco avrebbe ricevuto immediatamente quaranta nuovi marchi tedeschi e altri due sarebbero seguiti in due mesi. Sarebbe stato salvato il cinque percento dei saldi di risparmio nei vecchi marchi e un ulteriore cinque percento entro novanta giorni. Tutti i saldi dei vecchi marchi sarebbero stati poi distrutti, pari all'ottanta percento della valuta allora in circolazione. L'obiettivo era quello di rafforzare il potere d'acquisto del nuovo marco e quest'ultimo divenne a corso legale il 21 giugno. Erhard usò i suoi poteri come presidente del VfW (Amministrazione dell'Economia) per porre fine al razionamento per la maggior parte degli articoli per la casa, bypassando le autorità britanniche e americane. Il generale Sir Brian Robertson, il capo del governo di occupazione britannico, si oppose con forza, perché in Gran Bretagna vigeva ancora il razionamento. Il generale Clay invece simpatizzava con Erhard, consapevole che se avesse consultato prima le autorità militari, gli inglesi avrebbero posto il veto.

La settimana seguente l'economia bizonale godette di un miracolo: le merci sembravano come spuntare fuori dal nulla nei negozi e i negozianti le vendevano in cambio del nuovo denaro. Il mercato nero scomparve ed i lavoratori non perdevano più tempo lontani dal lavoro cercando di ottenere merci sul mercato nero. Fu l'inizio della nuova economia tedesca.

Ci furono problemi a breve termine, ovvio. I prezzi salirono, mentre i salari erano ancora controllati, ma erano solo problemi transitori. Erhard dovette proseguire la lotta per garantire il libero mercato, mettendo fuori legge i cartelli. Fu una lotta che durò fino alla fine degli anni '50, ma quasi da solo, circondato da burocrati, pianificatori e altri nemici dei mercati liberi, con determinazione decisa rimise la Germania in carreggiata verso la prosperità economica. Fu chiamato il miracolo tedesco, quando invece non era niente del genere: era il popolo tedesco a godere di una maggiore libertà economica che mai. Quello che fecero con quella libertà è diventata l'eredità duratura di Erhard. 
Non c'è dubbio che i banchieri centrali creino le condizioni per la propria sconfitta. Sono interamente responsabili di un ciclo di espansione e contrazione del credito, che porta a quello che viene generalmente definito come il ciclo economico.

Il problema fondamentale con l'espansione monetaria e del credito è che sostituisce un'azione di mercato casuale con un'azione coordinata. Tutta la produzione e il consumo sono stimolati contemporaneamente dall'espansione monetaria. La distruzione creativa di Schumpeter viene amplificata e aggravata in una crisi ciclica. Inoltre attraverso il dollaro e il forum del G20, 
tutte le banche centrali ora espandono denaro e credito allo stesso tempo, garantendo che l'inevitabile crisi sarà sia ovunque che ingigantita ulteriormente attraverso relazioni commerciali comuni. I cicli del credito successivi diventano sempre più destabilizzanti, perché le distorsioni create dalla politica monetaria nelle crisi precedenti non vengono mai corrette.

Non si può dire con certezza se la prossima crisi del credito distruggerà le valute fiat, ma ulteriori espansioni del credito bancario e monetario saranno intraprese nel tentativo di impedire che la recessione si trasformi in un crollo così grande da indebolire il loro potere d'acquisto. Nell'area Euro finora l'espansione monetaria è stata più contenuta, ma ciò è dovuto al fatto che è stata assorbita principalmente dai governi e non dai relativi settori privati ​​non finanziari. E l'espansione monetaria del Giappone è finita quasi interamente nei conti dei risparmiatori ed è stata prestata al governo. La Cina ha avviato un'espansione monetaria diretta, la più grande di tutte le altre principali valute del mondo. Sarà un miracolo se non si verificherà un disastro monetario diffuso, ma contrariamente ai punti di vista di Cassandre e catastrofisti, la vita andrà avanti. La chiave della situazione successiva: sarà abbracciata la filosofia di libero mercato? Un presidente rieletto Trump e il primo ministro Johnson potrebbero trarre insegnamenti dalla Germania del ventesimo secolo, che ha mostrato cosa fare e cosa non fare.

Di Alasdair Macleod

Traduzione di Francesco Simoncelli

Nessun commento:

Posta un commento