L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 26 novembre 2019

Mose - L'abbuffata delle grandi opere

L’amnesia sulla voragine del Mose

di Elena Gerebizza

L’ossessione per la grande opera ci ha fatto perdere trent’anni per mettere in atto delle soluzioni reali per Venezia e il paese intero. Il #Mose deve essere completato, dicono il sindaco, il presidente della Regione e ora anche Conte, l’avvocato degli italiani, ma il Mose salverà Venezia? Assai poco probabile, vista la funzione principale per cui è nato, ovvero generare un sistema di corruzione che ha investito decine di imprenditori, esperti professionisti e funzionari pubblici, un sistema articolato e distribuito trasversalmente nella politica italiana degli anni Ottanta

Venezia sommersa. Una marea così alta chi è vivo oggi forse non l’aveva mai vista. Due persone sono morte. Il presidente Giuseppe Conte parla di necessità di fare squadra, di “sistema Italia” che deve intervenire per risolvere i problemi che “Venezia si trascina da tempo”. Intanto il presidente della regione Veneto Luca Zaia e il sindaco Luigi Brugnaro chiedono lo stato di emergenza, che il Consiglio dei Ministri discute giovedì pomeriggio, mentre a Venezia si attende una nuova ondata di alta marea.

In uno stato di amnesia collettiva, la politica dimentica – o disconosce – le diverse ragioni per cui Venezia si trova oggi in questa situazione di emergenza drammatica.

Una di queste è che quando negli anni Ottanta si è iniziato a parlare di Mose, non sono mancate le critiche rispetto al progetto in senso stretto: un’opera faraonica e tecnicamente complessa che sarebbe costata miliardi allo Stato italiano (quasi 6 miliardi di euro ad oggi). La sua complessità, secondo molti, sarebbe stata anche il suo punto debole: nel corso degli anni sono state tante le voci di esperti che hanno sollevato dubbi sulla possibilità reale del Mose di svolgere la propria funzione in maniera efficace, ovvero proteggere Venezia dall’innalzamento del livello del mare.

Il tempo, il monitoraggio costante dei comitati locali, le denunce e in finale l’inchiesta e il processo sul Mose portato avanti dalla procura di Venezia hanno fatto emergere altri elementi per comprendere che in realtà c’era stato, forse, un malinteso sulla “principale” funzione del Mose, palese ma non esplicita. Ovvero generare un sistema di fondi neri articolato e distribuito trasversalmente alla politica italiana, al tempo stesso carburante non solo del Mose ma anche di quella “corruzione sistemica” di cui ha parlato la Procura, che ha il suo perno nel sistema delle grandi opere al di là del Mose (dal Passante di Mestre all’Expo di Milano, per citarne alcune) che in un circuito a spirale continua permette l’autogenerazione del sistema stesso.

La procura parlò di un Sistema Veneto con ramificazioni nazionali e internazionali, un “sistema corruttivo” che ha coinvolto decine di professionisti, imprenditori, funzionari pubblici e politici in posizioni chiave, che è riuscito negli anni a beneficiare di finanziamenti da parte dello Stato italiano e non solo. Tra il 29 aprile 2011 e 13 febbraio 2014 il Consorzio Venezia Nuova ha ricevuto prestiti per 1,5 miliardi di euro dalla Banca europea degli investimenti, la banca dell’UE. Oltre un quarto dei finanziamenti pubblici al progetto. La Bei dal canto suo non si è interrogata su quale fosse stato il reale utilizzo dei fondi erogati: il Consorzio sta ripagando i prestiti (con i fondi pubblici italiani) e quindi non c’è danno erariale per le casse dell’UE. Una valutazione discutibile, che accompagna quella della politica italiana articolata dalla voce di Matteo Renzi, e di altri dopo di lui, che hanno detto semplicemente che il Mose si deve completare.

Viene da chiedersi se parlare di “scandali”, come ha fatto Giuseppe Conte mercoledì, sia riduttivo del peso storico che la corruzione ha avuto nella storia del Mose, e del lascito che al netto degli arresti rimane anche oggi. Se sono stati usati materiali scadenti, se alcune delle paratie si sono arrugginite prima ancora dell’entrata in funzione del progetto, se il vento forte è un limite (ma a Venezia il vento forte non è un’anomalia) forse a monte c’è un problema che non può essere ignorato.

Ora il Consorzio Venezia Nuova è commissariato, e il Mose non è completato. A ottobre l’ultima prova tecnica non ha avuto buon esito, a conferma che forse completarlo non risolverà il problema di Venezia.

L’ossessione per la grande opera ci ha fatto perdere trent’anni per iniziare a mettere in atto delle soluzioni reali per Venezia e per il paese intero. Il Mose rischia di passare alla storia come l’ennesima grande opera parte del problema e non della soluzione, lasciando un fardello significativo per Venezia e per il paese intero: 20 o più milioni all’anno di costi di manutenzione sono tante, troppe risorse pubbliche che potrebbero essere destinate diversamente. Mentre si fa poco o niente per affrontare sia la corruzione (sistemica) che i cambiamenti climatici.

Nessun commento:

Posta un commento