L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 25 novembre 2019

Vox è

Domenica, 24 novembre 2019 - 14:25:00
Vox Italia, Fusaro:"Governo euroinomane. Nazionalizzare Ilva, Alitalia e Fiat"

Intervista al filosofo Diego Fusaro nel giorno del lancio di Vox Italia a Milanodi Lorenzo Lamperti


Nel giorno del lancio di Vox Italia a Milano, con l'evento del Palazzo delle Stelline (DETTAGLI E FOTO QUI) di cui il direttore di Affaritaliani.it Angelo Maria Perrino è il moderatore, il filosofo Diego Fusaro anticipa in un'intervista al primo quotidiano online i contenuti programmatici del nuovo partito che prende il via proprio dalle sue idee. E interviene sui temi politici più scottanti e attuali.



Diego Fusaro, Beppe Grillo ha blindato la leadership di Di Maio e ha richiesto che il governo duri altri tre anni. Che cosa significa questo? E in che direzione andrà il Conte bis?


VOX ITALIA, LO SPECIALE DI AFFARITALIANI





Significa non tanto che il Movimento Cinque Stelle si sposterà sempre più a sinistra quanto il fatto che il goveno Conte bis diventerà sempre più europeista ed euroinomane. E sa perché? Per garantirsi esternamente quella tenuta che dal consenso popolare non ha e non avrebbe mai. E' un ulteriore spostamento nella direzione dei burocrati europei e un'ennesima presa di distanza dal sentire della gente e dal nazionalpopolare. Basti vedere che cosa sta succedendo col Mes...

Matteo Salvini ha tenuto aperta la porta al M5s qualora decida di lasciare il Pd. Torna in discussione il centrodestra?

Da un lato la mossa di Salvini mi sembra interessante e degna di essere appoggiata. Il sospetto è però non tanto che il M5s possa cambiare idea, quanto che proprio 
la Lega abbia cambiato idea. 
Basti pensare al "why not?" di Salvini su Draghi presidente della Repubblica e le posizioni filoeuropeiste più recenti del Carroccio. Mi pare difficile che la saldatura gialloverde possa davvero tornare e soprattutto farlo con gli auspici iniziali, anche se sarebbe una cosa positiva.

Vox Italia intende proprio riempire quel vuoto lasciato dall'esperienza del governo gialloverde poi fallita?

Esatto. Vox Italia è sovranista, socialista, democratico e internazionalista. Il nostro obiettivo è costituire un fronte sovranista, populista e socialista. Nel panorama politico attuale abbiamo da una parte i globalisti cosmopoliti fucsia come PD e M5s e dall'altra una destra bluette e capitalista come quella di Lega e Forza Italia. Manca invece un sovranismo socialista che sia dalla parte del lavoro e non da quella del capitale. Noi siamo sovranisti internazionalisti nel senso che ci prefiggiamo di sviluppare un fronte sovranista gramsciano e socialista a livello internazionale. Siamo populisti perché riteniamo che la sovranità appartenga al popolo e non ai mercati e siamo sovranisti perché pensiamo che il principio di sovranità nazionale sia alla base del welfarismo. Sparigliamo le carte della politica per proporre una vera linea sovranista, populista e socialista.

Tornando al governo Conte, come giudica le sue mosse in ambito industriale, per esempio su ex Ilva e Alitalia? E qual è la linea di Vox al riguardo?

Il governo Conte si sta muovendo malissimo e in maniera scomposta. Io sono convinto ci voglia una nazionalizzazione degli assetti strategici della produzione industriale a partire dall'Ilva, da Alitalia e anche dalla Fiat. Anche perché i debiti di queste società sono sempre stati nazionalizzati e fatti pagare al popolo italiano, mentre solo i profitti sono rimasti privatizzati. E' ora di cambiare questa situazione.

Grillo ha incontrato due volte l'ambasciatore cinese. Come giudica l'apertura di credito del M5s verso Pechino?

Appoggio pienamente l'apertura euroasiatista verso Cina e Russia e verso laddove non ci sia l'influenza atlantista di Washington, come per esempio in Bolivia dove è in atto un colpo di Stato liberista sul quale le sinistre sardiniche non dicono nulla. Evo Morales ha guidato un governo socialista e patriottico che rappresenta per me un modello di resistenza di fronte al cosmopolitismo atlantista. Per cui dico che aprire alla Cina va benissimo, anche se credo che con questo governo non si uscirà mai dall'atlantismo. D'altronde lo stesso Conte nel suo discorso di agosto disse che l'Italia rimarrà puntualmente sotto l'ombrello euroatlantico.

In che modo giudica il movimento delle "sardine"?

Rientrano nell'ambito, così come Greta Thunberg, delle rivolte che si fingono spontanee e dal basso e che, in realtà, sono gestite dalla global class dominante a beneficio di sé e dei propri interessi. Le classiche rivolte colorate tese a rinsaldare il rapporto di forza dominante. Il tutto portando avanti quell'antifascismo in assenza di fascismo tipico delle sinistre fucsia.

Nessun commento:

Posta un commento