L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 29 dicembre 2019

E' guerra vera è guerra totale, niente illusioni - Huawei ha investito investe e investirà in ricerca e sviluppo miliardi e miliardi una potenza di fuoco ineguagliabile al mondo non tralasciano le risorse umane

Perché Huawei è stata in grado di resistere alle pressioni statunitensi nel 2019?



Mentre gli attacchi dal paese più potente del mondo hanno trasformato il 2019 nell'anno più difficile di sempre per Huawei, il colosso cinese delle telecomunicazioni è ancora in piedi e sta andando bene.

Huawei era solita adottare un approccio di basso profilo per fare affari, ma il suo successo, soprattutto in termini di tecnologia 5G, lo ha trasformato in un obiettivo per l'amministrazione Trump, che vede l'azienda come una minaccia dalla forza high-tech della Cina. Per molti a Washington, attaccare Huawei è un mezzo per indebolire la Cina.

Dalla detenzione della dirigente senior Huawei Meng Wanzhou in Canada alla collocazione di Huawei nell'elenco delle entità del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, una serie di incidenti ha costretto Huawei al centro della scena della lotta tecnologica globale tra Stati Uniti e Cina. Per offrire al pubblico una migliore comprensione di Huawei e ottenere un ambiente commerciale equo per l'azienda, il fondatore Ren Zhengfei ha concesso un numero senza precedenti di interviste esclusive - 37 - a media nazionali e stranieri nell'ultimo anno.

Nel frattempo, il bullismo statunitense non ha impedito a Huawei di andare avanti. Finora nel settore del 5G di alto profilo, Huawei ha firmato 65 contratti commerciali a livello globale, con oltre 200.000 stazioni base spedite, collocandolo al primo posto tra i fornitori globali.

Per quanto riguarda il motivo per cui Huawei è in grado di affrontare le sfide più gravi, potrebbe avere qualcosa a che fare con il suo forte senso di crisi, che ha permesso a lungo di essere preparata per lo scenario peggiore. HiSilicon, il chip arm di Huawei, ha segretamente sviluppato i chip Kirin di backup per garantire la sicurezza dell'approvvigionamento.

Ora alcuni media nordamericani stanno attribuendo il successo di Huawei all'enorme supporto del governo, che è sbagliato e ignora completamente l'enorme investimento della società in risorse umane e finanziarie in ricerca e sviluppo (R&S) negli ultimi tre decenni. Anche di fronte ai venti politici, Huawei non ha mai smesso di investire in ricerca e sviluppo scientifico e tecnologico e prevede di investire più che mai.

Huawei ha investito $ 15 miliardi in ricerca e sviluppo nel 2018 e secondo le previsioni il suo sito Web investirà altri $ 100 miliardi nei prossimi cinque anni. Solo nel settore del 5G, la sua spesa in ricerca e sviluppo supererebbe quest'anno i 10 miliardi di yuan ($ 1,4 miliardi), con oltre 10.000 ingegneri ed esperti in ricerca e sviluppo nel 5G, ha dichiarato Yang Chaobin, presidente della linea di prodotti 5G di Huawei, a giugno.

Infine, nel 5G e in altri settori critici di alta tecnologia, la concorrenza tra le aziende tecnologiche cinesi rappresentate da Huawei e i loro colleghi con sede negli Stati Uniti sarà inevitabile. Nonostante una tregua commerciale tra i due paesi, un ulteriore disaccoppiamento ad alta tecnologia potrebbe portare a una tempesta ancora più intensa per Huawei. Ma la pressione politica non schiaccerà Huawei, figuriamoci alcune notizie fuorvianti.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del: 28/12/2019

Nessun commento:

Posta un commento