L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 1 dicembre 2019

se gli ebrei palestinesi sono un cancro da estirpare non è responsabilità di Jeremy Corbyn

Schierarsi con la lotta del popolo palestinese non è antisemitismo


30 novembre 2019

La scelta delle parole di Jeremy Corbyn sui sionisti potrebbe essere suscettibile di critiche. Ma il suo e di chiunque altro, diritto di opporsi al sionismo non lo è. Il sionismo è l'affermazione del primato della pretesa ebraica in Palestina sulla volontà espressa della maggioranza araba del 70% prima del 1948, e per il suo continuo espansionismo da allora. Israele, in quanto stato a maggioranza ebraica, non avrebbe potuto essere stabilito se non sui detriti della Palestina araba, sulla distruzione della sua società e sulla spoliazione e privazione del diritto alla popolazione indigena.

L'opposizione al sionismo per questi motivi è una posizione morale, non è né antisemita né razzista, ed è fondata sulla convinzione che la creazione di Israele abbia una profonda ingiustizia alle sue radici.

L'opposizione ebraica al sionismo ha una storia lunga e distinta. Inoltre, la narrativa storica palestinese è stata ampiamente accettata, in parte da storici israeliani ed ebrei, e oggi abbondano le voci ebraiche a sostegno dei diritti dei palestinesi. Usare l'accusa di antisionismo come strumento per mettere a tacere i critici dell'odierna Israele è l'ultima risorsa di coloro che cercano di distogliere l'attenzione dal percorso che Israele sembra aver scelto. Vuole avere entrambe le strade, da un lato, accusare di razzismo coloro che confondono l'antisionismo e l'antisemitismo. D'altra parte, accusa coloro che rifiutano questa confusione, di antisemitismo sulla base del fatto che l'antisionismo nega agli ebrei il diritto all'autodeterminazione. Per questo motivo, qualsiasi critica a Israele o al sionismo diventa un insulto al popolo ebraico. L'obiettivo insidioso della campagna "anti-sionista" è di mettere a tacere i palestinesi e i loro sostenitori e soffocarli con l'accusa di razzismo. Nessuno dovrebbe accettarlo.

La questione di sradicare l'antisemitismo dal Labour o altrove non è in discussione. Ma la simpatia per i palestinesi non è antisemitismo, e coloro che sono solidali con la lotta palestinese e i suoi morti non hanno motivo di scusarsi per questo. È opportuno che coloro che fingono di essere offesi da tali gesti ricordino che nessuna parte ha avuto il monopolio della virtù nei 100 anni di questo conflitto.

Farebbero bene a ricordare i bombardamenti terroristici ebrei dei mercati arabi nel 1938, i bombardamenti dell'hotel King David nel 1946, i massacri di Deir Yassin, Illut, Kafr Manda, Saliha, Jish, Safsaf, Hula e altri luoghi nel 1948, la pulizia etnica di Lyd e Ramla nel 1948, le uccisioni di massa a Gaza nel 1957, il massacro di prigionieri egiziani nel 1956 e nel 1967, l'attentato a una scuola per bambini egiziana a Bahr el-Baqar nel 1970, l'abbattimento di un aereo civile libico nel 1973, i bombardamenti di Beirut nel 1981, la complicità nei massacri di Sabra e Shatila del 1982, le uccisioni a Qana nel 1996 e gli attacchi ripetuti a Gaza dal 2005.

Comunque sia, dovrebbe essere chiaro che il caso palestinese non ha bisogno di nazisti o altre analogie.
Si regge saldamente sui propri motivi morali e politici. Coloro che sinceramente simpatizzano per la nostra causa dovrebbero capire che evocare i nazisti non è solo sbagliato, ma cattiva politica, poiché consente all'altra parte di offuscare i propri crimini mentre si nasconde sotto il manto dello sdegno nei propri confronti.

La Nakba non fu un olocausto e gli israeliani non sono nazisti. Punto. Ma Israele, le sue forze armate e l'Haganah pre-statale e le bande terroristiche ebraiche hanno tutti commesso crimini atroci e coloro che cercano di negare o ignorare questo non hanno il diritto di essere offesi da gesti di sostegno alle vittime palestinesi delle continue aggressioni israeliane, o per opposizione alle basi ideologiche di Israele.

Le radici sioniste del Partito Laburista sono profonde: i suoi intellettuali e leader di partito sono stati tutti profondamente immersi in un'etica sionista/socialista che è stata a lungo incline a difendere e servire l'impresa sionista sia pre che post-stato. L'adozione della pulizia etnica da parte del partito nel 1943 ("lascia che gli arabi siano incoraggiati a trasferirsi mentre gli ebrei entrano") ha inviato un forte segnale alla leadership ebraica in merito ai confini del possibile in Palestina. Oggi Corbyn è solo tra i leader laburisti per il suo aperto sostegno alla causa palestinese. Si tratta di una svolta storica straordinaria e di cui i palestinesi dovrebbero essere inequivocabilmente grati. Il problema è che ha singolarmente fallito nel presentare il caso a sua difesa. Sotto una raffica di attacchi alla questione dell'antisemitismo, si è ritirato e ha fatto marcia indietro, borbottando e armeggiando come se avesse qualcosa da nascondere, minando così la sua credibilità come leader e pacificatore.

Il vacillare di Corbyn in sua difesa non è un motivo per abbandonare la sua posizione di principio o per sopprimere il dibattito sul sionismo. In effetti, sollevando la questione del sionismo e delle sue basi morali, ha fatto un favore a tutti.

Ahmad Samih Khalidi è un membro associato senior del St Antony's College di Oxford e coautore di A Framework for a Palestinian National Security Dottrine

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Nessun commento:

Posta un commento