L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 29 gennaio 2020

26,500 milioni, ventisei/500 milioni di morti il prezzo pagato dai sovietici nella seconda guerra mondiale

Der Spiegel si scusa dopo aver scritto che le truppe americane e non quelle sovietiche avevano liberato Auschwitz


Der Spiegel ha pubblicato le scuse per la sua recente pubblicazione secondo cui furono le truppe statunitensi a liberare il campo di concentramento di Auschwitz dalle truppe naziste.

“Abbiamo fatto questo errore estremamente imbarazzante giovedì sera […] per il quale possiamo solo scusarci. Lo abbiamo corretto venerdì mattina [dicendo che Auschwitz è stato liberato dall'Armata Rossa]. Partiamo dal presupposto che lo screenshot di giovedì sta circolando come una punizione giusta”, ha sottolineato Der Spiegel in un tweet alla fine della scorsa settimana.

Questa dichiarazione segue una pubblicazione della rivista nella quale mostrava un'immagine o sulla sua pagina Twitter, sostenendo che l'esercito americano ("Amerikanischen Armee") fu quello che liberò Auschwitz durante la seconda guerra mondiale.


Giusto per ribaderlo a liberare il campo di concentramento di Auschwitz furono i soldati dela 100a divisione di fanteria e la 60a armata del 1° fronte ucraino dell'Armata Rossa sovietica. Nessun militare americano ha preso parte alla liberazione.

Notizia del: 28/01/2020

Nessun commento:

Posta un commento