L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 26 gennaio 2020

Siria - Gli Stati Uniti da una parte stanziano milioni per distorcere le notizie dall'altra vogliono più sanzioni per affamare l'economia dei popoli

Gli Stati Uniti stanziano 35 milioni di dollari per fomentare la loro propaganda e controllare i media locali in Siria


Antisionismo Non È Antisemitismo

Anche se i media occidentali hanno una storia piena di menzogne Siria (e sulla Libia, sull'Iraq ...), il Dipartimento di Stato americano pomperà altri 35 milioni di dollari nella futura propaganda di guerra sulla Siria, con il pretesto di promuovere rapporti onesti.
Fonte articolo

Una sovvenzione del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, "Sostegno ai media indipendenti in Siria", non ha fatto mistero nel dichiarare che uno dei suoi obiettivi principali è "far avanzare gli obiettivi della politica del governo degli Stati Uniti in Siria".

Questa è probabilmente l'unica clausola onesta nella descrizione della sovvenzione: che alla fine riguarda gli obiettivi egemonici degli Stati Uniti in Siria.

La descrizione prosegue affermando che questi obiettivi includono la sconfitta dell'ISIS, sebbene la coalizione guidata dagli USA illegale abbia attaccato numerose posizioni dell'esercito siriano in numerose occasioni, garantendo l'avanzamento (non la sconfitta) dell'ISIS in quelle aree. Uno dei casi più eclatanti è stato il ripetuto attacco di settembre 2016 contro l'esercito siriano nella provincia di Deir ez-Zor, che ha visto l'ISIS conquistare la regione.

L'assassinio americano del generale iraniano Qasem Soleimani, riconosciuto nella regione come l'uomo responsabile della quasi sconfitta dell'ISIS, è un altro esempio notevole degli obiettivi statunitensi di prolungare, non sconfiggere, l'ISIS nella regione.

Con la loro concessione, gli Stati Uniti hanno in programma di "far avanzare i diritti umani e promuovere la tolleranza e il dialogo tra le comunità etniche e religiose", che è morbosamente ridicolo dato che gli Stati Uniti hanno sostenuto wahhabiti e altri estremisti i cui precedenti sui diritti umani includono ingabbiamento, tortura, stupri e civili affamati ed esecuzioni pubbliche.

Non sarebbe una politica americana se la concessione del Dipartimento di Stato non includesse la menzione di contrastare la "disinformazione russa" e di porre fine alla presenza di "forze e delegati iraniani in Siria".

Tuttavia, rimuovere le forze iraniane non è nel diritto dell'America; La Siria ha invitato l'Iran, la Russia e altri alleati a combattere effettivamente il terrorismo in Siria, al contrario delle forze di occupazione a guida statunitense. E come discusso, non è la Russia che ha la storia di disinformazione sulla Siria, tale l'onore va all'America e agli alleati.

Gli occidentali in coro promossero le accuse di Siria / Russia che impedivano cibo e aiuti nell'est di Aleppo (anche Reuters riferì che "ribelli" avevano accumulato aiuti) e Madaya e Ghouta orientale ( nessuna era vera). I media occidentali hanno venduto la storia del bombardamento di Russia / Siria nella casa di Omran Daqneesh ( non accaduto), dell'ospedale al-Quds "ridotto in macerie" dai bombardamenti russo / siriani ( non accaduto) e una litania di altre storie di propaganda di guerra grottesche .

Improvvisamente siamo fatti trovare giornalisti credibili che integrano con al-Qaeda in calce ai loro crimini, e dei media che hanno in molte occasioni utilizzati foto non nemmeno in Siria per accompagnare le storie di propaganda di guerra sensazionalistici. 

La CNN e i media occidentali hanno sbagliato su Omran Daqneesh, ma nemmeno si è vista alcuna ritrattazione per questa bugia.

Eppure gli Stati Uniti vogliono che le persone credano che le voci indipendenti e i media russi e siriani che hanno effettivamente riferito in modo reale e onesto su queste e altre questioni ... non sono credibili. 

Gli Stati Uniti vogliono che la gente viva in una finta bolla di notizie, dove le narrazioni sono controllate dai mercanti di guerra. E, stranamente, l'America apparentemente vuole che i siriani siano sottoposti ai media che riferiscono di fronte alla realtà che stanno vivendo. Come se dopo nove anni di durature bugie dei media occidentali (e del Golfo) i siriani improvvisamente credessero a loro e decidessero di rovesciare il presidente che avevano eletto (e sostenuto)? 

Le bombe della verità OPCW

Le nazioni occidentali accusano la Russia di disinformazione riguardo al fatto che la Siria abbia usato un'arma chimica a Douma, Ghouta orientale.

Nell'aprile 2018, i media occidentali hanno lanciato e promosso le bugie dei caschi bianchi, versando lacrime di coccodrillo sui civili presumibilmente esposti a un agente chimico, ignorando allo stesso tempo o deridendo le testimonianze di 17 siriani di Douma (incluso il ragazzo protagonista nel video dei caschi bianchi). 

Si scopre che il corpo incaricato di esaminare questa accusa omessa dal suo rapporto finale ha scoperto le scoperte chiave che creano enormi buchi nella narrativa ufficiale (occidentale) intorno a Douma. Non uno, ma molte rivelazioni sono trapelate sulle omissioni critiche del rapporto OPCW. 

Gli unici a prenderlo sul serio sono principalmente Russia, Siria e ricercatori indipendenti . Di fronte a queste recenti rivelazioni, la maggior parte dei media occidentali è stata finora in gran parte silenziosa .

Allo stesso modo, i media occidentali non hanno esaminato il panel di dicembre 2018 che dettagliava risultati dannosi sull'associazione (e appartenenza) dei caschi bianchi con gruppi terroristici in Siria e sul loro coinvolgimento nella messa in scena di attacchi chimici e nel prelievo di organi ...

Nella ricerca del Dipartimento di Stato per un resoconto veritiero, uno dei problemi da proteggere apparentemente a tutti i costi sono ovviamente i caschi bianchi (e le bufale chimiche che aiutano a mettere in scena).

Chiunque abbia studiato seriamente i caschi bianchi, tanto meno preoccupato di intervistare civili siriani sul falso gruppo di salvataggio, sa che i loro filmati e le loro affermazioni sono credibili come le parole dell'infermiera Nayirah, Colin Powell o le voci di Wikipedia .

Ai giornalisti che si sono presi la briga di intervistare il personale medico a Douma a seguito della bufala chimica, è stato detto che i medici stavano curando i pazienti con normali ferite in tempo di guerra quando "sconosciuti" (compresi i membri dei White Helmets) sono entrati urlando per un attacco chimico, creando un panico (e dimostrando la mancanza di abilità mediche) e le riprese della scena con Hassan Diab, allora 11enne.

Diab era uno dei siriani licenziati dai media occidentali quando ha testimoniato all'OPCW di non essere stato oggetto di un attacco chimico ma che era stato usato dai caschi bianchi. Per i media occidentali, solo alcuni bambini sono credibili ( sfruttati ) ... quando si adattano alla loro narrativa.

Uno di questi giovani, Mohamed, divenne famoso durante la liberazione di Ghouta orientale. Come il bambino di Aleppo Bana prima di lui, l'adolescente del Ghouta aveva un account a suo nome su Twitter (la logistica poco chiara che ho sollevato nel mio ultimo articolo ) ed era impegnato a combattere le accuse .

Per inciso, Ghouta (al silenzio dei media che ha rivendicato preoccupazione nel 2018) si sta ricostruendo , in pace.

In ogni caso, ho la sensazione che le persone siano stanche di mentire ai media occidentali, a truffe chimiche e alle buffonate dei caschi bianchi. Certamente vedo apologeti di propaganda sempre chiamati fuori su Twitter più di prima, e le persone sono estremamente scettici di accuse di armi chimiche.

Come disse Vassily Nebenzia del rapporto ufficiale dell'OPCW su Douma: "Humpty-Dumpty, come sappiamo," si è seduto su un muro, ha avuto una grande caduta e tutti i cavalli del re, tutti gli uomini del re, non hanno potuto rimettere insieme Humpty " . Voglio dire, è esattamente quello che è successo al rapporto FFM. Esattamente."

Notizia del: 24/01/2020

Nessun commento:

Posta un commento