L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 13 febbraio 2020

Continuare a sparare ai bambini palestinesi è quello che dicono e pensano gli ebrei-palestinesi sionisti

l portavoce dell'esercito israeliano annuncia: continuate a sparare ai bambini palestinesi


Leggendo il titolo dell'articolo che segue si potrebbe pensare che sia stato scritto dal BDS, da un portavoce dei vari partiti palestinese, invece no, questa toccante editoriale è stato scritto da un giornalista israeliano, Gideon Levy

I soldati israeliani sparano ai bambini. A volte li feriscono e a volte li uccidono. A volte i bambini finiscono in morte cerebrale, a volte disabili. A volte i bambini lanciano pietre contro i soldati, a volte Molotov. A volte per caso finiscono nel mezzo di uno scontro. Quasi mai mettono in pericolo la vita dei soldati.

A volte i soldati sparano intenzionalmente ai bambini, a volte per errore. A volte mirano alla testa dei bambini o alla parte superiore del corpo, a volte sparano in aria e mancano, colpendo i bambini alla testa. Ecco come va quando un corpo è piccolo.

A volte i soldati sparano con l'intento di uccidere, a volte di punire. A volte usano proiettili regolari e talvolta proiettili rivestiti di gomma, a volte a distanza, a volte in un'imboscata, a volte a distanza ravvicinata. A volte sparano per paura, rabbia, frustrazione e la sensazione di non avere altra opzione o una perdita di controllo, a volte a sangue freddo. I soldati non vedono mai più le loro vittime dopo. Se vedessero ciò che hanno causato, potrebbero smettere di sparare.

I soldati israeliani sono autorizzati a sparare ai bambini. Nessuno li punisce per aver sparato ai bambini. Quando un bambino palestinese viene ucciso, non è una notizia. Non c'è differenza tra il sangue di un bambino palestinese e il sangue di un adulto palestinese. Entrambi valgono poco. Quando un bambino ebreo viene ferito, tutto Israele trema, quando un bambino palestinese viene ferito, Israele fa finta di nulla. Troverà sempre, sempre una giustificazione per i soldati che sparano ai bambini palestinesi. Non troverà mai, mai una giustificazione per i bambini che lanciano pietre contro i soldati che fanno irruzione nel loro villaggio.

Per sei mesi un ragazzo di nome Abd el-Rahman Shatawi è stato in cura all'ospedale di riabilitazione di Beit Jala. Per 10 giorni un suo parente, Mohammed Shatawi, è stato all'Hadassah University Hospital, Ein Karem, a Gerusalemme. Entrambi provengono dal villaggio di Qaddum in Cisgiordania. I soldati israeliani hanno sparato a entrambi alla testa . Hanno sparato con proiettili regolari da una grande distanza ad Abd el-Rahman mentre si trovava all'ingresso della casa di un amico, hanno sparato un proiettile rivestito di gomma a Mohammed da una collina vicina mentre cercava di nascondersi da loro lungo la stessa collina. L'esercito ha dichiarato di aver sparato una pallottola di gomma.

Abd el-Rahman ha 10 anni e sembra piccolo per la sua età. Mohammed ha 14 anni e sembra più grande. Questi sono i bambini della realtà palestinese, entrambi in bilico tra la vita e la morte. La loro vita e quella dei loro genitori sono state distrutte. Il padre di Abd el-Rahman lo porta a casa da Beit Jala a Qaddum una volta alla settimana per un weekend nel villaggio, il padre di Mohammed non si allontana dalla porta dell'unità di terapia neuro-intensiva di Hadassah Ein Karem, dove è solo di fronte a suo figlio e il suo destino. Nessuno di questi bambini avrebbe dovuto essere colpito. Nessuno dei due avrebbe dovuto essere colpito alla testa.

Dopo che Abd el-Rahman è stato colpito, l'ufficio del portavoce dell'esercito ha dichiarato che "durante l'atatcco è stato ferito un minore palestinese". Dopo che Mohammed è stato colpito, il portavoce ha aggiunto: "È noto un reclamo su un palestinese che è stato ferito da un proiettile di gomma", l'ufficio conosce il reclamo. Il portavoce dell'esercito è la voce delle forze di difesa israeliane. L'IDF è un esercito popolare, quindi il portavoce dell'IDF parla anche per Israele.

Il portavoce pubblicano le loro dichiarazioni strazianti da una nuova torre per uffici a Ramat Aviv vicino a Tel Aviv, dove l'ufficio si è recentemente trasferito. Si riferiscono a un ragazzo di 10 anni come un "minorenne palestinese" e osservano che "la pretesa palestinese è nota" su un ragazzo che lotta per la sua vita perché i soldati gli hanno sparato alla testa. La disumanizzazione dei palestinesi ha raggiunto i portavoce dell'IDF. Persino i bambini non suscitano più sentimenti umani come il dispiacere o la misericordia, certamente non nell'IDF.

L'ufficio del portavoce dell'IDF fa bene il suo lavoro. Le sue dichiarazioni riflettono lo spirito del tempo e del luogo. Non c'è spazio per esprimere alcun rimpianto per aver sparato ai bambini in testa, non c'è spazio per la misericordia, le scuse, un'indagine o una punizione e certamente non per alcun risarcimento. Sparare a un bambino palestinese è considerato meno grave rispetto a sparare a un cane randagio, per il quale c'è ancora una possibilità che qualcuno faccia qualche indagine.

Il portavoce dell'IDF annuncia: continuate a sparare ai bambini palestinesi.

Fonte: Foto Alex Levac Haaretz
Notizia del: 12/02/2020

Nessun commento:

Posta un commento