L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 12 febbraio 2020

Nessuno dubbio fin dalla sua nascita la 'ndrangheta ha aggiustato processi con sentenze favorevoli

Toghe sporche in Calabria, dopo il giudice Petrini anche l'avvocato Saraco decide di parlare

Il professionista è accusato di aver consegnato denaro al magistrato di Catanzaro per ottenere sentenze favorevoli alla sua famiglia coinvolta nell'inchiesta Itaca Free Boat. In un primo momento davanti al gip aveva negato gli episodi corruttivi, uno dei quali ha visto la consegna di un assegno da 100mila euro

di Luana Costa 
12 febbraio 2020 16:57

Francesco Saraco ed Emilio Santoro in una foto scattata dagli inquirenti

Rompe gli indugi anche Francesco Saraco, avvocato catanzarese, coinvolto nell'inchiesta Genesi, e decide di collaborare con la Procura di Salerno, titolare del fascicolo d'indagine sulle toghe corrotte che sta scuotendo gli uffici giudiziari del capoluogo. In particolare, Francesco Saraco è accusato di aver corrisposto somme di denaro all'ex presidente di sezione della Corte d'Appello Marco Petrini per ottenere il dissequestro dei beni della sua famiglia coinvolta nell'inchiesta Itaca Free Boat ma anche di aver consegnato ad Emilio Santoro, faccendiere del giudice, un assegno di 100mila euro per garantire al padre, Antonio Saraco, una sentenza di assoluzione in secondo grado sempre nell'ambito dello stesso processo.


All'inizio Saraco ha negato

Oggi l'avvocato catanzarese ha deciso di collaborare benché nel corso dell'interrogatorio di garanzia, avvenuto lo scorso 17 gennaio, avesse smentito ogni circostanza che avrebbe potuto confermare i vari episodi corruttivi. Ad esempio, dinnanzi al Gip del Tribunale di Salerno, Giovanna Pacifico, aveva dichiarato di aver visto Petrini non più di due o tre volte. "A Santoro - spiegava - non ho mai dato somme di denaro, ricordo una sola volta di avergli prestato 150 euro. Eravamo nel mio ufficio". Aveva negato anche qualsiasi forma di rapporto con il magistrato, ora sospeso, Marco Petrini: «Una volta sono stato sotto l'abitazione di Petrini con Santoro, quest'ultimo mi disse di aspettare per salutarlo ma io sono andato via dopo un po'».

L'assegno da 100mila euro

E sembra aver perso la memoria anche sull'assegno di 100mila euro a firma di sua padre, Antonio Saraco, consegnata ad Emilio Santoro per ottenere una sentenza di assoluzione in secondo grado. Circostanza già confermata da Marco Petrini nel corso della sua collaborazione: «Mai sentito di un assegno di 100mila euro - negava Saraco -. Non ho mai parlato di Petrini dei procedimenti penali di mio padre».


I primi a parlare sono stati Santoro e Petrini

Dal 17 gennaio ad oggi però qualcosa è evidentemente cambiato. Dopo la serie di collaborazioni avviate dapprima da Emilio Santoro e dopo da Marco Petrini, anche l'avvocato ha deciso di spiegare ai pubblici ministeri di Salerno ogni circostanza delle vicende che lo vedono ormai travolto.

La precisazione della famiglia dell'avvocato

In seguito a quanto scritto nel presente articolo, la famiglia Saraco ha inviato una precisazione che riportiamo:
«Il titolo, come stabilito dalla stessa accusa, è firmato dall’avv Saraco e non dal Saraco Antonio, ed è stato poi modificato con l’indicazione di un nome errato Mario invece che Emilio: non bancabile;
L’avv. Saraco aveva depositato richiesta di poter parlare con la procura prima dell’interrogatorio del Petrini, mentre voi avete in modo riduttivo detto che ha parlato dopo gli altri due coindagati. Sarebbe bene precisare visto che si trae una figura del tutto riduttiva del Saraco rispetto agli altri coindagati».

Nessun commento:

Posta un commento