L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 22 febbraio 2020

Nuove conferme che le armi statunitensi sono in mano ai mercenari terroristi tagliagola

Siria, Armi Usa ai "ribelli moderati": i conti non tornano. Rapporto Pentagono


L'ispettorato generale del Pentagono ha denunciato con un rapporto che gli alti comandi della missione Usa in Siria non sono stati in grado di giustificare correttamente i 715,8 milioni in armi destinate all '"opposizione siriana controllata" (i famigerati “ribelli moderati” per intendersi) negli anni 2017 e 2018.

Secondo il rapporto datato 13 febbraio, il comando della Special Task Joint Operation Force-Operation Inherent Resolve (SOJTF-OIR) che fa parte della Combined Joint Task Force-OIR (CJTF-OIR) - la missione dell'esercito nord-americano in Siria – non ha mantenuto un elenco completo di tutte le attrezzature acquistate e ricevute. Inoltre le armi sono state immagazzinate in modo improprio, facilitando il loro deterioramento e furto.


Il rapporto rileva, inoltre, che il personale della 1 ° Theater Sustainment Command (TSC) "non ha correttamente immagazzinato o protetto le attrezzature CTEF-S [contro lo stato islamico dell'Iraq e il treno e equipaggiamenti della Siria] presso il magazzino BPC [Building Partners Capacity] in Kuwait in conformità con i regolamenti dell'esercito o le procedure operative standard. Ad esempio, il personale TSC ha immagazzinato le armi all'esterno in container di metallo, esponendo le apparecchiature a elementi ambientali difficili, come calore e umidità. "

"Ciò si è verificato perché il personale SOJTF-OIR non ha ceduto o smaltito apparecchiature CTEF-S, il che ha portato al sovraffollamento nel magazzino del BPC in Kuwait", ha scritto lunedì l'ispettore generale del Dipartimento della Difesa, una volta che il rapporto è stato reso pubblico. “Inoltre, secondo i registri dell'inventario il 1 ° personale TSC ha immagazzinato 4.144 armi di categoria II (armi sensibili), come mitragliatrici e lanciagranate, all'esterno in container di metallo e non in una struttura che soddisfacesse i requisiti per la conservazione della categoria di armi ".

L'IG osserva inoltre che l'incapacità di contabilizzare le apparecchiature già acquistate rende ancora più difficile l'utilizzo di 173,2 milioni di dollari destinati alle attrezzature per i ribelli siriani nell'anno fiscale 2020. Secondo un rapporto del Congressional Research Service (CRS) aggiornato il 12 febbraio, il programma ha visto stanziare più di $ 2,3 miliardi tra gli anni fiscali 2015 e 2021.

E’ noto come l'Operazione Timber Sycamore della CIA, un programma costato oltre 1 miliardo di dollari prima che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump lo ha chiuso nel 2017, aveva addestrato migliaia di combattenti e incanalato armi ai gruppi collegati ad al-Qaeda come il Fronte di al-Nusra. Riorganizzato come Hay’at Tahrir ash-Sham, il gruppo è ora supportato dalla Turchia nel Governatorato di Idlib contro le forze governative russe e siriane.

Il Centro di riconciliazione russo per la Siria ha dichiarato all'inizio di questa settimana che le forze statunitensi nella Siria nord-orientale stavano "riempiendo il territorio ad est del fiume Eufrate con armi e munizioni", rilevando l'arrivo di 13 convogli militari nella regione dall'Iraq dall'inizio del anno. L'ammiraglio russo Oleg Zhuravlev, che dirige il centro, ha notato che le armi vengono utilizzate sia negli scontri tra gruppi militanti rivali sia contro le forze sostenute dalla Turchia nel nord della Siria.

Notizia del: 20/02/2020

Nessun commento:

Posta un commento