L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 26 marzo 2020

Acquisto dei titoli senza limite sul mercato primario o secondario?

BCE, mossa senza precedenti: ok al QE senza limiti di acquisti

26 Marzo 2020 - 09:06 

Novità dalla BCE: con il nuovo QE si potranno acquistare titoli senza alcun limite. Tutti i dettagli della mossa senza precedenti


Grandi novità dalla BCE.

In virtù di una decisione senza precedenti, concordata per fronteggiare al meglio l’emergenza coronavirus, l’istituto di Christine Lagarde ha deciso di svincolarsi dai limiti sugli acquisti, mettendo così il turbo al nuovo QE.

Qualche giorno fa, in una riunione d’emergenza imprevista, le novità della BCE hanno lasciato a bocca aperta e hanno spianato la strada a un nuovo Quantitative Easing da 750 miliardi di euro. Oggi, l’istituto ha fornito ulteriori dettagli e comunicato nuove sorprese in merito a quello stesso programma.

Novità BCE: QE senza limiti di acquisti. Cosa significa?

Una delle regole più note della Banca Centrale Europea, volta a limitare gli acquisiti sul debito dei singoli Paesi, è stata sospesa con l’obiettivo di dare allo stesso istituto margini di manovra più ampi per rispondere all’emergenza coronavirus.

Nel 2018 era stata la stessa Corte di giustizia UE ad indicare i citati vincoli che oggi sono però venuti meno.

Con la novità comunicata la BCE potrà agire nell’ambito del QE da 750 miliardi acquistando titoli di Stato senza il limite del 33% per ogni singolo Paese.

Una decisione già in parte anticipata nel meeting straordinario dello scorso 18 marzo, durante il quale la Lagarde aveva aperto alla revisione dei vincoli in questione senza però fornire ulteriori dettagli in merito.

Tra le novità oggi comunicate dalla BCE come non annoverare anche quelle di natura temporale. In altre parole l’istituto di Lagarde acquisterà debito con scadenze inferiori ai 70 giorni (termine ridotto dai precedenti 12 mesi).

Nessun commento:

Posta un commento