L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 22 aprile 2020

Gli ebrei-palestinesi sempre accanto ai mercenari terroristi tagliagola attaccano umanamente i territori siriani


Siria, attacco aereo di Israele: almeno 9 morti
© AP Photo / Ariel Schalit
17:23 21.04.2020(aggiornato 17:36 21.04.2020)

Il raid è avvenuto la notte scorsa forze di difesa anti-aerea di Damasco avevano respinto dei raid aerei sulle città di Homs e Palmira.

Un attacco aereo, presumibilmente condotto dall'aviazione israeliana, ha causato la morte di almeno 9 militari. A riferirlo è l'agenzia Reuters.

L'azione militare è avvenuta nella notte tra il 20 e il 21 aprile tra le città di Homs e Palmira, con le forze di difesa anti-aerea di Damasco che sono riusciti ad abbattere tutti i bersagli nei pressi di quest'ultima città.

Come riferisce il Jerusalem Post, il blitz aveva come bersaglio la base di Tiyas, conosciuta anche come Base Aerea T-4.
L'agenzia di stampa siriana SANA ha definito l'attacco "un'aggressione israeliana", sebbene le forze armate dello Stato ebraico si siano finora astenuti dal commentare l'accaduto.

In precedenza Damasco aveva accusato ripetutamente Israele per aver condotto dei raid aerei illegali sulla Repubblica Araba, chiedendo alla comunità internazionale di fare pressione su Tel Aviv per impedire la perpetrazione di tali atti ostili.

Nessun commento:

Posta un commento