L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 1 maggio 2020

Gli Stati Uniti rinforzano l'invasione della Siria

Gli Stati Uniti inviano altri 70 camion con rinforzi militari in Siria per consolidare l'occupazione delle aree ricche di petrolio


Gli Stati Uniti hanno inviato un nuovo convoglio di 70 camion con rinforzi militari nelle loro basi nel nord-est della Siria, ricco di petrolio.

I camion carichi di attrezzature per la guerra e la logistica sono entrati ieri nel territorio siriano attraverso il valico di frontiera Al-Walid (nel nord dell'Iraq) e si sono diretti verso le basi statunitensi di Tal Baydar e Al-Qasrak, situate nella provincia Hasaka.

Ieri, l'Osservatorio siriano per i diritti umani (OSDH) ha riferito che gli Stati Uniti ha fornito i nuovi rinforzi militari ai suoi combattenti alleati, cioè le milizie chiamate forze democratiche siriane (SDS).

Negli ultimi mesi, gli Stati Uniti hanno aumentato il dispiegamento di attrezzature militari nelle basi che ha costruito illegalmente e senza autorizzazione da parte del governo siriano nelle aree orientali del paese arabo, ricche di risorse petrolifere.

La scorsa settimana, gli Stati Uniti Ha inviato altri 50 camion carichi di materiale logistico alle sue strutture nel nord-est del paese arabo, dove si dice stia formando gruppi armati per proteggere le forze della coalizione che guida, così come i pozzi di petrolio nelle città di Hasaka e Qamishli.

Gli Stati Uniti hanno un migliaio di militari schierati in Siria per combattere presumibilmente il gruppo terroristico ISIS(Daesh, in arabo), l'unica cosa che non sta facendo nel territorio siriano secondo Damasco.

Nessun commento:

Posta un commento