L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 3 maggio 2020

I carabinieri mandati a Mantova a fermare la sieroterapia. Gli affaristi dei vaccini tremano, il governo trema la Strategia della Paura e del Caos non deve essere arrestata, gli italiani devono continuare a essere prigionieri in casa. Complottista è chi vuole nascondere la verità

Covid 19 - Attenzione! Stanno tentando di boicottare la terapia al plasma. Mandati i NAS dei Carabinieri a Mantova


03/05/2020 - Attenzione! Credo che sia in corso un tentativo di bloccare e boicottare la terapia che da circa un mese viene praticata presso l'ospedale Carlo Pomadi Mantova sui pazienti malati di Covid 19 e che sta avendo un grande successo.

La notizia e' diventata virale su internet e sta mettendo in allarme tutti coloro che vogliono propinarci un vaccino in modo obbligatorio?

Dalle ultime notizie sembra che all'ospedale siano stati mandati i NAS dei Carabinieri per appurare quello che sta accadendo.

Un tentativo di intimidazione?

Evidentemente non bisogna curare le persone ma bisogna tenerle nel terrore!

Ricordiamo che in settimana c'e' stato un duro scontro tra Burioni ed il primario dell'ospedale mantovano su questa terapia. Notizia ripresa anche dalle Iene.

La terapia con il plasma iperimmune, utilizzato in pazienti con Covid-19 in condizioni critiche, è diventata molto popolare sui social, suscitando diverse polemiche fra gli addetti ai lavori sulla sua efficacia. «Il plasma iperimmune ci ha permesso di migliorare ancora di più i nostri risultati. È democratico. Del popolo. Per il popolo. Nessun intermediario. Nessun interesse. Solo tanto studio e dedizione. Soprattutto è sicuro. Nessun evento avverso. Nessun effetto collaterale», rivendica su Facebook Giuseppe De Donno, direttore della Pneumologia dell'Ospedale Carlo Poma di Mantova, dove è stata condotta la sperimentazione. Uno studio alla ricerca di una cura per Covid-19, portato avanti congiuntamente al Policlinico San Matteo di Pavia da marzo.


1 commento:

  1. Sono tutte bufale.
    La terapia al plasma viene utilizzata per le persone già ammalate e sembra che stia avendo degli ottimi risultati. Il vaccino invece, quando sarà ufficialmente individuato, servirà per prevenire e non per curare. Quindi l ipotesi che le case farmaceutiche stiano, tremando come sostiene qualcuno, non è vera!!
    La terapia del plasma non inficia l eventuale vaccino. SONO DUE COSE DIVERSE.

    RispondiElimina