L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 17 maggio 2020

La connessione LiFi insidia il WiFi

Aura Light Italia lancia una connessione più veloce, basata sul LiFi


Pubblicato il 14 maggio 2020

Si chiama Light Fidelity (LiFi), ed è una tecnologia innovativa basata su trasmissione dati mediante onde luminose, in grado di offrire una connettività migliore in termini di velocità, sicurezza e sostenibilità rispetto alle connessioni wi-fi, tramite onde elettromagnetiche. Nel nostro Paese sarà Aura Light Italia, la prima società a installare in Italia soluzioni dotate di sistemi LiFi.

In questo modo l’azienda – che realizza da sempre progetti incentrati sullo Human Centric Lighting, che si adattano, cioè, al ritmo circadiano e favoriscono la concentrazione nell’ambiente lavorativo – sarà in grado di connettere le persone tra loro negli spazi pubblici, nei luoghi di lavoro e nelle abitazioni, convertendo le sorgenti luminose in hotspot di raccolta e trasmissione dati.

In particolare, Aura Light Italia avrà a disposizione una gamma di prodotti e soluzioni della francese Oledcomm, che potrà fornire e installare in base alle diverse esigenze.

Il LiFi è particolarmente adatto all’utilizzo in importanti settori come la scuola, la telemedicina, il biomedico e l’avionico ma anche a sostegno della Industria 4.0 (IoT).

Il primo prodotto che Aura Light Italia ha integrato e installato è stato il LiFi MAX. Questo sistema è il più potente trasmettitore al mondo che sfrutta la tecnologia Li-Fi, è in grado di offrire una connessione attraverso la luce contemporaneamente a un numero massimo di 16 utenti in una stanza di 28 m² (replicabile stanza per stanza).

LiFi: i vantaggi

La tecnolgia basata sulla luce offre, innanzitutto, velocità in quanto viaggia su frequenze elevate che veicolano molte informazioni (velocità prossime future fino a 1GB/sec).

Tra le sue prerogative c’è pure la sicurezza, dal momento che i dati trasmessi dalla luce non possono essere “hackerati” in alcun modo.

Infine garantisce sostenibilità e salute: l’utilizzo delle lampade a LED, infatti, assicura il risparmio energetico e le onde luminose utilizzate per la trasmissione dei dati non causano problemi dal punto di vista della salute delle persone a differenze delle trasmissioni wi/fi che utilizzano onde elettromagnetiche.

“Crediamo nella tecnologia LiFi” – ha commentato Ulrik Bertelsen, Amministratore Delegato di Aura Light Italia. – “La luce, grazie ai Led, non è solo un veicolo per trasferire una quantità sempre maggiore di dati ma è anche un driver di benessere in grado di favorire la sincronizzazione del nostro orologio biologico. Siamo di fronte a una rivoluzione tecnologica che porterà benefici sia in termini di qualità della connessione sia dal punto vista della salute grazie all’assenza di campi elettromagnetici”.

Nessun commento:

Posta un commento