L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 11 maggio 2020

La Svezia una strategia per affrontare il virus Rna

LA STRATEGIA ANTI-CORONAVIRUS SPIEGATA AGLI ITALIANI: DIFESA ONLINE CHIEDE, IL MINISTERO RISPONDE (PRIMA PARTE)


(di David Rossi)
11/05/20 

Questo è il primo di due articoli con cui il Ministero della Salute svedese spiega ai lettori di Difesa Online, attraverso un’intervista da noi proposta e da loro accettata, come stanno fronteggiando le sfide poste dal COVID-19, nel rispetto della loro Costituzione, con la massima fiducia (ricambiata) nell’intelligenza dei propri cittadini e con l’obiettivo di salvare quante più possibile la vita e la salute fisica e mentale degli Svedesi.

Non chiedeteci come si dicano “autocertificazione”, “DPCM” e “tenere i sani a casa” a Stoccolma, perché dubitiamo siano traducibili. Sappiamo però che molti italiani, anche nostri lettori, prendono per oro colato quanto riportato da alcuni commentatori nostrani sul caso svedese e che questi da due mesi non cessano di sganciare raffiche di articoli catastrofistici su quanto sta avvenendo in Svezia. Il motivo, diciamolo francamente, è anche psicologico e riguarda, per così dire, la tenuta del fronte interno italiano: onestamente, se loro (gli Svedesi) hanno ragione, noi italiani siamo davvero ben miseri.

Se pensate, senza esitazioni, che la Svezia abbia fatto la scelta peggiore e stia pagando un prezzo maggiore rispetto ai Paesi della regione, vi siete posti la questione se le nazioni nordiche (ma anche Russia, Germania ecc.) raccontino la verità quanto al numero di morti nelle case di cura per anziani? Non ricordate nemmeno come la Francia raccontasse solo metà della storia tralasciando fino a marzo inoltrato le stragi negli ospizi? Lo stesso faceva il Regno Unito, che ora ci precede nel triste conto dei morti.

In un'intervista con la rivista Nature, Anders Tegnell, epidemiologo svedese dell'Agenzia nazionale della sanità svedese e - secondo le parole dell'intervistatore - l'architetto dell'approccio svedese alla pandemia, ha affermato che “non c'è molta possibilità legale di chiudere intere città in Svezia usando le leggi attuali”. Lo spieghereste ai nostri lettori?

La costituzione svedese non consente al governo di dichiarare uno stato di emergenza. Secondo la costituzione svedese, la libera circolazione è un diritto fondamentale e la limitazione di tali diritti richiede una decisione del parlamento svedese.

I media italiani hanno riferito che al governo sono stati concessi poteri speciali e che potrebbe essere il primo passo per un cambiamento radicale di strategia. Ci diresti di più su questo apparente cambio di strategia di preparazione? Da noi è stato riportato tutto correttamente?

Il governo ha proposto una nuova legge che lo autorizza a decidere direttamente su alcune questioni relative alla lotta contro la pandemia che altrimenti richiederebbero una decisione del parlamento stesso. Ad esempio, consente al governo di regolare le riunioni pubbliche e di chiudere centri commerciali, negozi, ristoranti e teatri. La nuova base giuridica consente inoltre al governo di bloccare o limitare l’accesso a determinati mezzi di trasporto (traghetti, treni, ecc.) e di ridistribuire geograficamente medicinali e attrezzature mediche o tra operatori sanitari. I regolamenti adottati dal governo in conformità con questa legge devono essere immediatamente sottoposti al Parlamento svedese per esame. La proposta è stata approvata dal Parlamento svedese e la legislazione entrerà in vigore per tre mesi. 

Questo non è un cambio di strategia; questo è solo nel caso in cui il governo debba agire rapidamente per quanto riguarda le questioni relative alla lotta contro la pandemia e non può attendere che un disegno di legge passi da tutto l’iter in Parlamento.

I commentatori internazionali e l'opinione pubblica di molti paesi tendono a collocare le diverse strategie di Italia e Svezia come gli estremi opposti nella copia di COVID-19. È vero? Le misure adottate dal gabinetto italiano hanno influenzato in qualche modo i governanti della Svezia?

Non diremmo. La Svezia condivide gli stessi obiettivi di tutti gli altri paesi: salvare vite umane e proteggere la salute pubblica. Stiamo lavorando con le stesse sfide di altri paesi: la portata e la velocità della diffusione del virus e la pressione sul sistema sanitario nazionale. Stiamo utilizzando strumenti simili alla maggior parte degli altri paesi - promuovendo il distanziamento sociale, proteggendo le persone vulnerabili e i gruppi a rischio, effettuando test e rafforzando il nostro sistema sanitario per far fronte alla pandemia. Le decisioni prese dal governo svedese si basano sulla consulenza delle nostre agenzie di esperti e organizzazioni di esperti internazionali. Le misure vengono regolarmente perfezionate e adeguate in risposta agli sviluppi sul campo nel nostro paese. Le misure adottate in Svezia sono una risposta alla nostra locale situazione specifica.

La risposta svedese alla pandemia di COVID-19 si basa sia su raccomandazioni che su misure giuridicamente vincolanti. L'uso di raccomandazioni negli sforzi di sanità pubblica è una strategia normale in Svezia. Un esempio di ciò sono le vaccinazioni infantili. Il programma di vaccinazione per bambini della Svezia si basa sulle raccomandazioni delle autorità e non su un obbligo legale; tuttavia, oltre il 97% dei bambini svedesi viene vaccinato in linea con il programma raccomandato.

Secondo il World Values ​​Survey, esiste generalmente un alto livello di fiducia nella società svedese. Il sondaggio mostra un livello di fiducia sociale molto superiore alla media. C'è un alto livello di fiducia interpersonale, il che significa che gli svedesi si fidano l'uno dell'altro per agire in modo responsabile.

La popolazione svedese ha anche un alto livello di fiducia nelle autorità pubbliche e confida nel fatto che agiscono nell'interesse pubblico. Da parte loro, le autorità hanno anche un alto livello di fiducia nei cittadini per seguire i loro consigli. Applicato alla situazione attuale, ciò significa che esiste un alto livello di aderenza alle raccomandazioni dell'Agenzia di sanità pubblica della Svezia. Ad esempio, secondo un recente sondaggio, l'87% delle persone di età superiore ai 70 anni sta seguendo le raccomandazioni dell'Agenzia della sanità pubblica.

Numerosi media continuano a confrontare la Svezia con i suoi paesi nordici vicini, Danimarca e Norvegia, dove il numero di morti è inferiore. In un articolo, ho scritto che la diffusione di COVID-19 in Svezia può essere paragonata al Belgio e alla Svizzera (la cui popolazione è simile), non alla Danimarca o alla Norvegia. Qual è la vostra posizione su questo punto?

La Svezia condivide lo stesso obiettivo di tutti gli altri paesi: proteggere la vita e la salute della sua popolazione. Fondamentalmente, le misure della Svezia differiscono dagli altri paesi solo per due motivi: non stiamo chiudendo le scuole per i bambini più piccoli o le strutture di assistenza per i bambini e non abbiamo alcuna regolamentazione che costringa i cittadini a rimanere nelle loro case.

È troppo presto per confrontare il prezzo (del COVID-19) in termini di vite umane a livello internazionale e trarre conclusioni definitive. I paesi differiscono in termini di densità di popolazione, età media, geografia, stili di vita e molti altri fattori che influenzano la diffusione del virus. I paesi si trovano anche in diverse fasi della pandemia e in diverse fasi di mantenimento o rilassamento delle misure. 

Attualmente c'è un dibattito pubblico in Svezia sul perché ci siano più morti nel nostro Paese che fra i nostri vicini nordici. L'Agenzia di sanità pubblica svedese e altri esperti hanno proposto alcune spiegazioni. Il calendario delle vacanze scolastiche primaverili annuali in Svezia è stato citato come una possibile ragione: a fine febbraio circa 20.000 svedesi si sono recati in zone più meridionali dell'Europa dove la diffusione del virus era già molto elevata ma ancora del tutto sconosciuta.

Anche il fatto che il virus si sia diffuso rapidamente nelle case di cura degli anziani a Stoccolma è stato indicato come un potenziale fattore. Le case di cura speciali per le persone anziane (NdR: le RSA in Italia) sono istituzioni in cui i residenti sono di solito nell'ultima fase della loro vita. È quindi un gruppo molto fragile che vive in ambienti che mirano ad essere simili alla casa; sono costruiti per incoraggiare i contatti sociali, non per essere istituzioni ospedaliere che incoraggiano l'isolamento.

Un terzo fattore menzionato riguarda le differenze globali nel modo in cui sono registrate le cause di morte. Esistono diversi standard per la registrazione dei decessi nelle strutture di cura per le persone anziane e alcuni paesi hanno dovuto adeguare drasticamente il loro numero verso l'alto quando hanno preso in considerazione i decessi nelle strutture di cura per le persone anziane.

La Svezia è nota per aver registrato le cause della morte in modo particolarmente rigoroso e registriamo l'associazione con COVID-19 per tutte le vittime della malattia, indipendentemente dalla vecchiaia e dalle malattie sottostanti. Questo non è il caso in molti altri paesi e la Svezia registra quindi un numero relativamente maggiore di decessi per COVID-19 rispetto a molti altri paesi.

Tuttavia, l'Agenzia di sanità pubblica svedese ha dichiarato che, sebbene questi fattori possano aver influenzato il bilancio delle vittime in Svezia, è ancora troppo presto per eventuali conclusioni chiare e confronti relativi alla pandemia di COVID-19. Probabilmente ci vorrà molto tempo prima che possiamo valutarlo accuratamente.

Alla fine, il mondo dovrà concordare su come registrare i decessi, su come rilevare casi non registrati e su come valutare gli effetti generali sulla salute del COVID-19 sull'intera popolazione. Sarà importante imparare da tutto ciò, in modo da prepararci per possibili futuri focolai di virus simili. Ma in questo momento, l'obiettivo principale del governo svedese è salvare vite umane e mitigare gli effetti di COVID-19.

(continua)

Foto: Government Offices of Sweden

Nessun commento:

Posta un commento