L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 25 maggio 2020

L'emersione della compressione sociale-economica è iniziata

Rapine nella capitale la disperazione inizia a diffondersi

-23 Maggio 2020


Da quando siamo tornati tutti in libertà, a Roma si sono verificati diverse rapine, l’ultima è stata resa pubblica soltanto ieri. Incomincia a dilagare la disperazione, forse perché inizia ad aumentare lo sconforto e la disoccupazione.

Una donna di 53 anni mentre si trovava in viale dell’Oceano Atlantico nel quartiere Eur, mentre passeggiava sul marciapiede ad un certo punto decide di attraversare la strada, improvvisamente è stata avvicinata alle spalle da un uomo in macchina che allungando un braccio dal finestrino le ha tirato la borsa. La donna dopo poco è stata soccorsa dai passanti, sopraggiunta poi la volante della polizia, la cinquantatreenne di origini rumene, è stata trasportata d’urgenza all’ospedale Sant’Eugenio, riportando lesioni al volto e in altre parti del corpo, non risulta in pericolo di vita.

Un altro caso si è verificato sempre giovedi’ ad Ostia, due giovani di età di 17 e 21 anni sono stati minacciati da un gruppo di giovani sudamericani che li hanno costretti a consegnare una catenina.

L’ultimo episodio di aggressione a scopo di rapina, si è verificato nei giorni scorsi sul trenino della stazione Termini che conduce a Pantano Borghese.

La vittima una signora di cinquanta anni che viaggiava a bordo del treno, è stata afferrata per il collo da due banditi presumibilmente stranieri, le hanno rubato il portafoglio e poi sono scappati abbandonando il treno.

Nessun commento:

Posta un commento