L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 13 maggio 2020

Tutto il mondo è paese - Nonostante la costatazione che covid-19 muta MA il vaccino può funzionare in quanto il virus non è come quello dell'influenza (?!?!). Primo, un'affermazione che poggia ipotesi, viene sconfessato Zingaretti che obbliga a vaccinarsi per l'influenza dell'anno precedente dell'influenza dell'anno precedente inutilmente

Coronavirus, l’ipotesi di un ceppo mutante più contagioso in circa metà dei casi in Australia


A quanto riferisce il quotidiano The Australian i ricercatori stanno monitorando da settimane la diffusione nei vari stati

di F. Q. | 11 MAGGIO 2020

Gli scienziati continuano nello studio del virus per capire come e quanto muta. Circa metà dei casi di Covid 19 in Australia studiati dall’ente nazionale di ricerca Csiro (Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation) è stata individuata come dovuta a un ceppo mutante del virus che potrebbe essere più contagioso, confermando preoccupazioni di ricercatori internazionali per la diffusione di sue mutazioni, già presenti in due terzi dei casi di contagio nei paesi maggiormente colpiti. A quanto riferisce il quotidiano The Australian, il Csiro sta monitorando da settimane la diffusione nei vari stati d’Australia del nuovo ceppo, che ha identificato prima che un’equipe di scienziati internazionali descrivesse la mutazione in uno studio scientifico.


LEGGI ANCHE

Il Csiro è stato sin dall’inizio in prima linea nell’analizzare il genoma del virus Sars Cov 2. Il suo team patogeni pericolosi, guidato dal direttore di bioinformatica Seshadri Vasan, sta conducendo un monitoraggio dettagliato delle mutazioni del virus e della diffusione di nuovi ceppi in ciascuno degli stati australiani. Il nuovo ceppo è stato individuato in due terzi degli isolati virali in Victoria e Western Australia, in metà nel Territorio del Nord e in un terzo di essi in New South Wales e Queensland.


LEGGI ANCHE

Nonostante la presenza del nuovo ceppo in tutti gli stati, Vasan non ritiene che questo sia necessariamente più contagioso, come ipotizzato da scienziati internazionali, anche se saranno necessari studi di laboratorio per verificarlo. “L’emergenza di ceppi che si replicano con efficienza e causano patologie associate non è inaspettata”, spiega. Lo studioso ha inoltre ridimensionato l’impatto della scoperta della mutazione nello sviluppo di un vaccino efficace. “In base a ciò che conosciamo in questa fase, non crediamo che la mutazione ponga serie preoccupazioni sullo sviluppo del vaccino come avviene con l’influenza stagionale, per cui è necessario regolare il vaccino ogni anno per gli emisferi settentrionale e meridionale”, ha dichiarato.

Nessun commento:

Posta un commento