L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 28 luglio 2020

anche il Recovery Fund sarà legna che alimenterà l'Italexit che spazzerà via tutte le varie colorazioni delle euroimbecillità italiane

Un’Europa in decomposizione?

di Jacques Sapir
22 luglio 2020

Vi presentiamo un intervento di Jacques Sapir sui risultati dell’ultimo Eurogruppo, concentrandosi sulle divisioni ed i giochi di potere fra gruppi di paesi. Buona lettura

Il denaro non è la causa

Il dibattito si è concentrato sulla quantità di “sussidi” nel pacchetto di stimolo post-Covid. Qui dobbiamo ricordare la storia del “piano di risanamento” europeo. Frutto di una proposta franco-tedesca di 1.500 miliardi di euro, di cui 750 miliardi di sussidi, un importo che poteva già essere considerato insufficiente, il piano è stato riscritto dalla Commissione con una riduzione a 750 miliardi, di cui 500 miliardi di sussidi . Ciò che è stato appena deciso all’inizio del 21 luglio è un piano di 750 miliardi di euro di cui 390 in sussidi. Rispetto al progetto iniziale, vi è quindi una riduzione del 48% dell’importo delle sovvenzioni.

La posizione dei “frugali” era nota. Volevano che questi fondi fosse un prestito più che una sovvenzione a fondo perduto, e i prestiti dovevano essere rimborsati. Se doveva esserci un sussidio, doveva essere accompagnato da un fermo impegno da parte dei paesi che li hanno ottenuti per allinearsi con l’UE e attuare drastiche riforme strutturali.

In effetti, senza ottenere il diritto di veto che stavano chiedendo, i paesi “frugali” hanno ottenuto una vittoria indiscutibile, sia nella riduzione della quantità di sussidi sia nella creazione di un meccanismo di controllo allo stesso tempo. maggioranza qualificata. Lasciateli convincere uno o due paesi e avranno quel diritto di veto di fatto.

Dietro queste condizioni si profilava l’ombra del MES, il meccanismo europeo di stabilità, la cui attuazione ha causato una vera tragedia in Grecia. Al contrario, la posizione della Francia e di paesi come l’Italia e la Spagna consiste nel dire che gli Stati devono essere lasciati liberi di utilizzare questi sussidi, che sono nella loro natura ciclica, collegati al danno causato da il Covid-19. Arriviamo quindi agli importi che abbiamo indicato nella nostra colonna del 28 maggio su RT France. L’importo di 390 miliardi di euro sarà comunque irrisorio se paragonato alle esigenze dell’economia di questi paesi.

Inoltre, il “frugale” ha ottenuto un aumento dello sconto sul loro contributo all’UE. Guardando i numeri e le condizioni, non è difficile vedere chi è arrivato in cima. Ma, come è stato detto, il problema non è negli importi ma nei principi.

Coerenze di alcuni, incoerenze di altri

Le ragioni di questo in mezzo sono profonde. José Manuel Barroso, a suo tempo, ha elogiato l’Unione europea, definendola una costruzione sui generis. In effetti, la Germania non vuole perdere gli immensi vantaggi che deriva dall’Unione e dall’euro, né perdere la sua sovranità riacquistata negli anni novanta, né andare contro la sentenza del 2009 del Corte costituzionale di Karlsruhe secondo la quale la democrazia poteva essere nazionale solo di fronte all’inesistenza di un “popolo europeo”.

La Francia, da parte sua, ha intrapreso a lungo questa via di mezzo, convinta che con una forte UE avrebbe potuto riguadagnare il suo splendore politico passato pur influenzando il solo consenso all’abbandono minore di la sua sovranità. Una politica che si sta rivelando disastrosa, sia economicamente che politicamente. Aggiungiamo che sarebbe un insulto alla diplomazia tedesca non immaginare un possibile doppio gioco di quest’ultimo, che cederà in parte alla Francia per riguadagnare il controllo in un sostegno nascosto dal “frugale”.

La posizione del “frugale” è quindi molto più coerente di quella di Germania e Francia. Quest’ultima probabilmente adottò una politica di apparente federalismo solo perché sapevano che sarebbe stato odioso per i paesi dell’Europa centrale e orientale, che non hanno mai più recuperato la loro sovranità, negata dal 1945 al 1990 dall’URSS , per abbandonarla di nuovo. Ponendo condizioni sui sussidi che sanno perfettamente inaccettabili, sia per paesi come l’Italia o la Spagna sia per la Polonia, l’Ungheria, la Slovacchia o la Repubblica ceca, i “frugali” stanno dimostrando assurdità dell’impossibilità di un federalismo europeo.

La posizione della Germania e della Francia, che è simile al federalismo invisibile, si scontra quindi con le sue contraddizioni. La pressione esercitata da questi due paesi su stati più piccoli e più deboli non sarà di aiuto. Nella migliore delle ipotesi, potevano solo suscitare in loro sentimenti anti-UE. Questo accordo e le condizioni alle quali è stato ottenuto lasceranno traccia. Emmanuel Macron parla di un accordo storico. Non ha torto, ma non nel modo in cui lo capisce. Questo accordo è storico perché dimostra che è stata raggiunta una nuova tappa nella rottura dell’Unione europea.

In definitiva, questo accordo realizzato con forbici e colla è una dimensione tagliata male, una forma minima di accordo. La Francia dovrà senza dubbio pagare un prezzo elevato. Ma la dimostrazione pubblica sarà stata fatta delle differenze irriducibili all’interno dell’UE e della morte del progetto che quest’ultimo potrebbe aver prodotto. La struttura sopravviverà alla sua ragion d’essere per qualche tempo. Tuttavia, le lezioni devono essere tratte da esso, e prima è, meglio è.

Nessun commento:

Posta un commento