L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 23 luglio 2020

Cuba il gigante nell'affrontare il covid-19

Covid 19. Nono giorno senza decessi a Cuba

-21/07/2020


Il ministero cubano della sanità pubblica (Minsap) ha riferito che l’isola dei Caraibi non registra morti per Covid 19 da nove giorni. Il responsabile nazionale dell’Epidemiologia, dott. Francisco Durán, ha dichiarato che gli operatori sanitari cubani continuano a cercare possibili casi di contagio e si occupano dei pazienti ricoverati in ospedale con l’uso di trattamenti e farmaci fabbricati localmente.

Successivamente, Durán ha spiegato che durante l’ultimo giorno a Cuba sono stati effettuati 2.746 test per la rilevazione del nuovo coronavirus, raggiungendo ad oggi 232.103 test, con l’obiettivo di identificare e sottoporre le persone infette ai trattamenti.
Allo stesso modo, l’epidemiologo cubano ha rivelato che nelle ultime 24 ore sono stati individuati tre pazienti con Covid 19, per un totale di 2.449 casi positivi, dalla prima diagnosi fatta lo scorso marzo.

E dunque i casi individuati nelle ultime ore rappresentano “il numero più basso” dallo scoppio della malattia.

Dei tre nuovi casi sull’isola dei Caraibi, un paziente ha contratto l’infezione all’estero, mentre sono 136 i pazienti contagiati ricoverati negli ospedali cubani, 39 dei quali malati. Altre 146 persone sono monitorate dall’assistenza sanitaria di base.

La sanità di Cuba ha riferito che dall’ultimo bilancio, due pazienti sono stati dimessi dall’ospedale, per un totale di 2.321 guariti dalla malattia.
Durán ha indicato che un paziente di 64 anni della provincia dell’Avana è entrato in una condizione critica stabile, che continua a ricevere l’attenzione del personale sanitario.

Fonte: TeleSur

Nessun commento:

Posta un commento