L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 31 agosto 2020

Berlino - divieto, concessione divieto è una tattica per sbilanciare chi vuole manifestare contro il lockdown strumento per terrorizzare i popoli e riorganizzare l'economia in modo che continui, almeno per un altro pò, a dare profitti al capitale

Berlino. Manifestanti anche domenica. Arresti

Maurizio Blondet 30 Agosto 2020 

(da Daniele Pozati – titolo del Berliner Zeitung
Arresti alla Colonna della Vittoria: ancora Corona protesta a Berlino 

Domenica al Großer Stern si sono radunati anche centinaia di fan dei “pensatori laterali”, questa volta senza registrazione alla demo. La polizia è intervenuta.

BerlinoI sostenitori di “pensatori non convenzionali” e i critici della regolamentazione avevano nuovamente registrato diverse manifestazioni per questa domenica, e anche dimostrazioni spontanee hanno marciato per la città. Secondo la polizia, un “numero di persone nella fascia inferiore a quattro cifre” si è riunito la mattina presto presso la Colonna della Vittoria – senza una registrazione dimostrativa.

Alcune persone hanno cercato di piantare delle tende nell’area verde direttamente intorno alla Colonna della Vittoria. “Questo è stato impedito”, ha detto domenica pomeriggio Martin Halweg, portavoce della polizia di Berlino, il Berliner Zeitung. Sul posto erano presenti circa 200 servizi di emergenza.


[15:38, 30/8/2020] Pozz Dan Rt: L’esercito tedesco ha negato l’intervento di carri armati e mezzi antisommossa. In effetti si è trattato di un operazione alla Obama: militarizzazione della polizia.

[15:39, 30/8/2020] Pozz Dan Rt: Questa foto rende l’idea dei mezzo che sfilavano ieri a ora di pranzo per il centro di Berlino

[15:43, 30/8/2020] Pozz Dan Rt: Inoltre la manifestazione era iniziata già alle 10:00 con il lento confluire dei manifestanti verso l’angolo tra Friedrichstraße e Torstraße, da dove avrebbe dovuto partire, alle 11:30, il primo corteo in direzione della Porta di Brandeburgo, in Pariser Platz – da dove ha avuto luogo la seconda parte della manifestazione, iniziata ben prima delle 15:30, direi già da mezzogiorno, ed entrata nel vivo, con i discorsi dal palco montato di fronte alla Porta di Brandeburgo, e con i manifestanti lungo la Strasse del 17 giugno, fino alla Siegessäule
[15:44, 30/8/2020] Pozz Dan Rt: Questo era l’ordinato afflusso dei manifestanti intorno alle 10:00 nella Friedrichstraße
[15:47, 30/8/2020] Pozz Dan Rt: In questo punto, nel tratto della Friedrichstraße che incrocia Torstraße, DA QUI avrebbe dovuto partire, alle 11:30, la prima parte della manifestazione, con il corteo lungo il centro cittadino e fino alla Porta di Brandeburgo.
[15:49, 30/8/2020] Pozz Dan Rt: E qui la polizia ha bloccato il passaggio, creando una congestione che si poteva evitare solo facendo partire già alle 11 il corteo. Ma evidentemente proprio il corteo si voleva evitare, forse perché avrebbe dato la misura dell’enorme afflusso di manifestanti, in grado di creare fiumane umane lungo le principali vie del centro
[15:50, 30/8/2020] Pozz Dan Rt: Non a caso già venerdì i telegiornali tedeschi si dicevano preoccupati dalla lunghezza del corteo… riflettendo sicuramente le preoccupazioni delle autorità

Nessun commento:

Posta un commento