L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 29 settembre 2020

Gli ebrei sionisti in piazza non vogliono/riescono a cogliere il nocciolo duro conficcato nella mente e nel cuore dell'occupazione della Palestina e della legittima resistenza, non terrorismo, che i palestinesi cercano disperatamente di mantenere nel tempo

Israele, la piazza anti-Netanyahu e la "grande rimozione": i palestinesi

Gideon Levy è l’icona vivente del giornalismo “radical” israeliano. Per la destra ultranazionalista è una perenne spina nel fianco

Proteste contro Netanyahu

Umberto De Giovannangeli 27 settembre 2020

Gideon Levy è l’icona vivente del giornalismo “radical” israeliano. Per la destra ultranazionalista è una perenne spina nel fianco, ormai ha perso il conto delle minacce di morte che ha ricevuto da que fronte. Nei palazzi del potere, di ogni colorazione politica, è considerato una “mina vagante” per l’indipendenza che ha sempre praticato e perché non ha mai fatto sconti a nessuno.

Di certo, Gideon Levy non è mai stato un fan di Benjamin Netanyahu. Per questo, le sue riflessioni sul presente, riportate su Haaretz, riprese da Globalist, faranno discutere. Perché Levy mette in evidenza la “grande rimozione” che caratterizza il movimento di protesta anti-Bibi: la questione palestinese.

La “grande rimozione”

“L'odio per Benjamin Netanyahu ha stabilito nuovi record. Ne merita una parte per la sua condotta, per le accuse di corruzione e per i suoi fallimenti, ma una parte è esagerata: scoppi d'ira isterici e infantili che si riflettono maggiormente sui suoi rivali.

‘Quale peccato abbiamo commesso per meritare una punizione così pesante?’ Nehemiah Shtrasler farnetica nello spirito religioso del crimine e della punizione alla vigilia dello Yom Kippur. Un altro collega di Haaretz, Uri Misgav, ha già evocato l'avvento di una guerra civile. E poi vi sono quelli chee paragonano il campo degli avversari più irriducibili di Netanyahu alle Pantere Nere degli anni Settanta. Ma le parole ‘despota’, ‘criminale’, ‘crudele’ e ‘la fine della democrazia’ si srotolano dalla lingua in modo intollerabilmente troppo facile. Netanyahu è Alexander Lukashenko, la Bielorussia è qui.

Crisi di sistema

Ma Shalev non liscia il pelo degli anti-Netanyahu. Non è il tipo, non lo ha mai fatto. E poi, non ha mai amato i capri espiatori, anche quando le sembianze, non certo politicamente gradevoli, di Benjamin “Bibi” Netanyahu. 

“Il cosiddetto dispotismo di Netanyahu non è dispotismo – annota Shalev -. È il risultato di una politica spaventata, silenziosa, strisciante e arrendevole nel suo partito, nel governo e nell'opposizione. Netanyahu è diventato l'unico decisore, quasi un governante solitario, ma la colpa è del sistema che permette che questo accada. In Bielorussia non c'è scelta. In Israele non c'è coraggio. Quando qualcuno si farà avanti, capace di opporsi a Netanyahu, cadrà e Israele riprenderà a essere una bella democrazia ai suoi occhi. Ma la risposta ai piccoli passi dispotici di Netanyahu avrebbe dovuto insegnare agli israeliani una lezione completamente diversa.

Quando sono stati fatti i primi passi contro la crisi del coronavirus, gli israeliani hanno avuto il primo assaggio di blocchi stradali, serrate, restrizioni alla circolazione, invasioni di case, disoccupazione di massa e paura dell'ignoto. È stato un assaggio della vita sotto l'occupazione, che è stata la routine dei palestinesi per almeno tre generazioni.

Ora arriva la seconda fase, quella dell'odio verso il responsabile, Netanyahu. Stanno assaporando il gusto dell'odio verso colui che vedono come il despota che ha preso il controllo della loro vita contro la loro volontà. Questo odio porta anche a un altro stadio, la minaccia di una rivolta violenta.

È vero che attualmente questa non è altro che una patetica, assurda, vuota minaccia senza alcuna possibilità di essere portata a termine - la sinistra israeliana è troppo viziata per lanciare una guerra civile e la sua angoscia non è abbastanza grave per cercare un cambiamento. Il fatto che la gente parli di una rivolta dovrebbe ricordare agli israeliani qualcosa, ma non lo vedono. Tutto il dispotismo suscita odio. Quando continua, suscita una violenta resistenza. Una resistenza crudele e violenta tende ad insorgere contro il dispotismo violento e crudele. Questo è legittimo. l presunto dispotismo di Netanyahu è ovviamente morbido come il velluto rispetto al dispotismo esercitato nei territori occupati. Le misure prese contro gli israeliani durante la crisi del coronavirus sono non violente e limitate nel tempo e nella sostanza. Sono giustificate e imposte legalmente da funzionari eletti scelti dagli israeliani in libere elezioni. Niente di tutto questo è il caso dei Territori. Le misure lì sono incommensurabilmente più totalitarie e crudeli; sono violente, non temporanee ma eterne, non hanno alcuna giustificazione e sono illegali. Soprattutto, sono imposte da un governo straniero e da militari che hanno preso con molta forza il controllo di un altro popolo. Ora si possono comprendere i motivi dell'odio, della resistenza, del sacrificio, del coraggio e della volontà di compiere passi crudeli e violenti contro Israele. Se Netanyahu suscita qui un tale odio, immaginate l'odio che Israele suscita per aver fatto ciò che fa ai palestinesi. Se, quasi legittimamente, il campo che combatte Netanyahu parla di rivolta, immaginate quanto sia legittima la resistenza violenta palestinese, quella che noi chiamiamo terrorismo, contro un regime dispotico, illegale che va avanti da decenni. Quando gli oppositori di Netanyahu lo chiamano despota e parlano di distruzione della democrazia, dovrebbero dare un'occhiata alla Cisgiordania e a Gaza. Forse ora più israeliani cominceranno a capire la comprensibile, inevitabile e al nostro orrore la legittima e giustificata resistenza violenta dei palestinesi. Così è quando ci si trova di fronte a un dispotismo criminale”.

Queste considerazioni avvengono nel ventennale dell’inizio della seconda intifada, l’”ntifada dei kamikaze”.

“Per Israele – rileva Levy - la seconda intifada si è trasformata nell'incubo dell'esplosione di autobus e kamikaze, anni di incessante orrore e terrore per i cittadini del Paese. Per i palestinesi sono stati anni di repressione brutale, di spargimenti di sangue, di assedi, di chiusure, di serrate, di posti di blocco, di checkpoint, di arresti di massa, ma anche di combattimenti e di sacrifici che non hanno portato da nessuna parte.

Vent'anni dopo, la loro situazione è peggiore, più disperata di quanto non fosse prima dell'eruzione dell'Intifada di Al-Aqsa: solo nella Nakba, la calamità del 1948, la loro situazione era ancora più dura e senza speranza. Ma non si trattava di un gioco a somma zero. Non è mai un gioco a somma zero: Il loro sangue e il nostro sangue sono stati dispensati, il loro sangue e il nostro sangue sono stati versati invano. Solo il prezzo che hanno pagato, come sempre, è stato di gran lunga superiore al ripido prezzo pagato dagli israeliani. Ci sono stati 138 attacchi suicidi e 1.038 israeliani uccisi dal 28 settembre 2000 all'8 febbraio 2005, secondo i dati del servizio di sicurezza Shin Bet; e 3.189 palestinesi uccisi, secondo i dati dell'organizzazione israeliana per i diritti umani B'Tselem. Inoltre, 4.100 case palestinesi sono state demolite e circa 6.000 palestinesi arrestati... Nel marzo 2001 abbiamo pubblicato le fotografie di 66 bambini palestinesi uccisi dopo lo scoppio della seconda intifada. All'epoca, l'ultima vittima è stato Obai Daraj, un bambino di 8 anni che giocava in casa quando un proiettile vagante è entrato nella sua stanza. In seguito è stato raggiunto da molte altre giovani vittime, sia israeliani che, soprattutto, palestinesi. Qualche settimana prima, il 6 febbraio, Ariel Sharon, la cui visita al Monte del Tempio aveva scatenato tutto, era stato eletto primo ministro di Israele”.

Vent’anni e migliaia di morti dopo, i palestinesi restano la “grande rimozione” anche per l’Israele che “assedia” oggi “King Bibi”. Per le “Pantere nere” israeliane Netanyahu è un “detenuto primo ministro”, “un corrotto impenitente”, un affossatore dello “stato di diritto”, il disastroso gestore della “guerra al coronavirus”...Di tutto e di peggio. Ma l’apartheid in Cisgiordania, l’assedio di Gaza, una prigione invivibile per i suoi due milioni di abitanti, sono assenti dalla protesta. La “grande rimozione”. Come se i palestinesi non esistessero. Per ciò che stanno soffrendo, non c’è spazio nella rivolta anti-Netanyahu.

Nessun commento:

Posta un commento