L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 26 settembre 2020

Gli Stati Uniti hanno invaso la Siria per rubargli il petrolio

Gli USA rubano 36 camion cisterna di petrolio in Siria. I siriani protestano per la presenza turca e americana


La Siria nord-orientale, sede della stragrande maggioranza del petrolio del paese, è anche il luogo in cui si concentrano la maggior parte delle truppe statunitensi. Damasco ha ripetutamente accusato le forze statunitensi ed i suoi alleati curdi rubare il petrolio della nazione, con l'intelligence che ha confermato la spedizione di decine di milioni di dollari di oro nero fuori dal paese ogni mese.

Un convoglio di 35 autocisterne dalla regione di Jazira, nel nord-est della Siria, è uscito dal paese verso il nord dell'Iraq, ha riferito l' agenzia di stampa araba siriana , citando fonti locali. Il convoglio avrebbe lasciato la provincia di Hasaka mercoledì sera.

Insieme all'esportazione illegale di petrolio siriano, si dice che le forze statunitensi abbiano portato sei veicoli militari che trasportavano 50 soldati dall'Iraq in Siria, con le forze che rinforzavano la presenza degli Stati Uniti nell'improvviso aeroporto di Kharab al-Jeer nel nord-est di Hasaka.

Intanto, i residenti del villaggio di Tal Sateeh sono scesi in piazza ieri nella campagna di Qamishli, portando bandiere nazionali, ritratti del presidente siriano e cartelli che chiedevano che le forze turche e di "occupazione sionista statunitense" si ritirassero immediatamente dalla regione, e di smettirla di saccheggiare la loro terra, il petrolio e il grano.

People of Tal Sateeh village in #Qamishli countryside, #Hasakah, on Thursday organized a gathering against #US and #Turkish occupations, calling on the two occupiers to leave #Syria.



Le proteste dei residenti locali sono aumentate da un mese dopo che un soldato dell'esercito siriano è stato ucciso a un posto di blocco vicino al villaggio di Tal Al-Zahab.

Gli Stati Uniti hanno rafforzato la loro presenza in Siria nelle ultime settimane, nonostante le promesse del presidente Trump di ritirarsi dal paese dilaniato dalla guerra alla fine dell'anno scorso.

Nessun commento:

Posta un commento