L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 1 ottobre 2020

I raffreddori e l'influenza diventano covid-19 e questo è lo strumento scelto per distruggere l'OFFERTA di prodotti e servizi in SOVRAPPRODUZIONE e non gli ne frega niente di mentire spudoratamente obbediscono, le pecore belanti, all'odine partito dalla Strategia della Paura

"Non è giuridicamente valido". Madrid si ribella alle nuove restrizioni anti Covid del governo spagnolo


"Non è stato approvato per consenso", quindi "non è legalmente valido". L'assessore alla Salute della Comunità di Madrid, Enrique Ruiz Escudero, ha dichiarato questo mercoledì che il documento del Consiglio interterritoriale dibattuto nel Consiglio Interterritoriale del Sistema Sanitario Nazionale (CISNS), che prevede l'espansione delle limitazioni anti-Covid, non verrà considerato in vigore dalla città di Madrid perché non approvato in modo legittimo. 

Al termine della conferenza stampa offerta dal ministro della Salute, Salvador Illa, Escudero lo ha accusato di mentire. "Il ministro ha detto che è stata presa una decisione collegiale ed è falso. Ha detto che le autorità di Madrid erano soddisfatte dell'incontro di martedì ed è falso", ha proseguito.

Escudero ha anche sottolineato come il documento "contiene decisioni che riguardano le libertà fondamentali e le libertà di milioni di persone. Il ministro ha approfittato della riunione per imporre decisioni che riguardano molti spagnoli", ha denunciato.

Il piano del governo interesserebbe non solo i residenti di Madrid, ma tutti coloro che vivono in città con più di 100.000 abitanti. Pertanto, in queste città (67 in tutto il Paese, in cui vivono più di 18 milioni di persone) si dovrebbero adottare misure restrittive quando si raggiungono i seguenti tre parametri: Un'incidenza cumulativa negli ultimi 14 giorni di oltre 500 casi ogni 100.000 abitanti, Più del 10% di risultati positivi nei test diagnostici eseguiti, occupazione dei letti in terapia intensiva superiore al 35%.

Nel caso della regione di Madrid, l'incidenza accumulata è prossima a 800, la positività supera il 20% e l'occupazione in terapia intensiva è già superiore al 40%, quindi nella capitale del paese e nei grandi comuni del sud le limitazioni dovrebbero essere attuate immediatamente. Come confermato da Illa, le località che soddisfano questi criteri devono limitare gli spostamenti dei propri cittadini, che non potranno entrare o uscire dai propri comuni; oltre a ridurre la capacità e le ore dei locali commerciali, limitare le riunioni a un massimo di sei persone e rafforzare il proprio sistema sanitario.

Al contrario, l'assessore alla salute del comune di Madrid Escudero ha sostenuto che la situazione intorno alla pandemia "sta cominciando a essere sotto controllo" nel comune di Madrid. Nel caso in cui la decisione dovesse essere pubblicata in Gazzetta Ufficiale e divenire ufficiale, "le misure da prendere saranno valutate dall'Ordine degli Avvocati", ha affermato l'assessore aprendo quindi le porte ad un possibile ricorso contro il governo nazionale.

Nessun commento:

Posta un commento