L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 4 ottobre 2020

Le donne sono parte integrante e funzionale nelle famiglie di 'ndrangheta

Volevano far passare per pazzo Emanuele Mancuso, inchiesta chiusa: 10 indagati (NOMI)

3 Ottobre 2020


La Dda di Catanzaro notifica l’avviso di conclusione indagini. Le pressioni della mamma: “Ritratta o non vedrai più tua figlia”. Le minacce del fratello: “Le parole si pagano”

di Mimmo Famularo – 

Donne di ‘ndrangheta. Madri, figlie, mogli. C’è chi si ribella e chi invece prosegue lungo la strada tracciata, non desiste e non si rassegna. Giovanna Ortensia Del Vecchio e Rita Rosaria Del Vecchio sono rispettivamente la madre e la zia di Emanuele Mancuso, ex rampollo dell’omonima famiglia di Limbadi, oggi collaboratore di giustizia. Ci sono anche i loro nomi tra le dieci persone destinatarie dell’avviso di conclusione indagini notificato nelle scorse ore dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro guidata dal procuratore Nicola Gratteri. Secondo l’accusa, in concorso tra di loro e insieme all’ex compagna del pentito Nency Vera Chimirri, avrebbero fatto pressioni, offerto denaro e perpetrato violenza psichica per indurre Emanuele Mancuso a ritrattare e ad uscire dal programma di protezione. “Torna con noi. Ti fai galera e poi ti diamo i soldi e te ne vai in Spagna ad aprirti un ristorante”. Hanno provato in tutti i modi le donne della famiglia Mancuso a far desistere Emanuele e a convincerlo a cambiare vita. Il piano era quello di farlo passare per pazzo agli occhi degli inquirenti.

I nomi dei dieci indagati

L’avviso di conclusione delle indagini preliminari con contestuale informazione di garanzia firmato dai sostituti procuratori antimafia Annamaria Frustaci, Antonio De Bernardo e Andrea Mancuso, riguarda Giuseppe Salvatore Mancuso, 31 anni, di Nicotera, fratello di Emanuele; Francesco Paolo Pugliese, 20 anni di Zungri; Luisa Maria Borrome, 41 anni originaria della Repubblica Domenica ma residente a Pescara; Giuseppe Pititto, 28 anni; Rosaria Rita Del Vecchio, 55 anni di Nicotera; Giovanna Ortensia Del Vecchio, 52 anni di Nicotera; Nency Vera Chimirri, 28 anni (compagna di Emanuele Mancuso); Antonino Maccarone, 33 anni di Limbadi; Pantaleone Mancuso, 59 anni, alias l’ingegnere (padre di Emanuele Mancuso); Desiree Antonella Mancuso, 28 anni di Nicotera (sorella di Emanuele Mancuso).

“Ritratta o non vedrai più tua figlia”.

Giovanna Ortensia e Rosaria Rita Del Vecchio

Mai un uomo dei Mancuso aveva deciso di saltare il fosso ed Emanuele è il figlio del boss Pantaleone, alias l’ingegnere, il quale appena saputo della collaborazione del figlio con Nicola Gratteri e i suoi magistrati è sparito dalla circolazione rendendosi irreperibile. Con lui anche l’altro figlio, Giuseppe Salvatore. E mentre gli uomini si erano dati alla fuga, le donne avrebbero provato con una fine strategia a convincere Emanuele Mancuso a tornare sui suoi passi. Per riuscire nell’intento avrebbero utilizzato l’ex compagna Nency Vera Chimirri e la bimba appena nata. Pressioni psicologiche durissime che lo hanno fatto barcollare fino a non farlo presentare ad un interrogatorio. Il rischio per lui non era la vita ma la possibilità di non rivedere più la figlia. Tutto però era monitorato dai Carabinieri e dalla Dda che hanno seguito la vicenda passo dopo passo. La mamma e la zia di Emanuele Mancuso, attualmente sottoposte all’obbligo di dimora nel comune di residenza, sono accusate di induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all’autorità giudiziaria. Tutto aggravato dal metodo mafioso.

Le minacce del fratello: “Le parole si pagano”

Complessivamente sono dieci gli indagati, coinvolti a vario titolo nella vicenda. Nell’inchiesta condotta sul campo dal Nucleo investigativo dei Carabinieri allora guidato dal maggiore Valerio Palmieri e dal suo vice il capitano Alessandro Bui, risultano coinvolti anche il padre del pentito, Pantaleone, detto l’ingegnere, e il fratello più grande Giuseppe Salvatore Mancuso, entrambi detenuti. Quest’ultimo, catturato dopo un periodo di latitanza a Zaccanopoli, dopo aver appreso delle intenzioni del fratello di collaborare con la giustizia ha inviato una lettera nella quale indicava al fratello il codice di comportamento da tenere all’interno del carcere intimandogli di non parlare della “famiglia” come stava facendo con un avvertimento: “Sappi che se combini qualche cazzata ci saranno delle conseguenze, immagina se ci incontreremo”. Emblematica l’ultima frase con la quale si conclude la lettera: “Le parole si pagano”. Emanuele aveva appena deciso di saltare il fosso. Ma chi aveva informato i Mancuso della sua decisione? Per gli inquirenti sarebbe stato personale della polizia penitenziaria allo stato rimasto ignoto. Subito dopo essere stato arrestato nell’operazione “Nemea” contro il clan Soriano, Emanuele Mancuso era stato portato in carcere a Siano e aveva espresso la volontà di collaborare con la giustizia. Giuseppe Salvatore Mancuso, unitamente al compagno di cella Giuseppe Pititto si sarebbero affacciati a turno dalla finestra del prigione intimandogli con tono minaccioso di ritornare indietro, di ritrattare perché altrimenti “avrebbe fatto la fine degli altri” aggiungendo che tutti i detenuti della sezione erano a conoscenza della notizia della sua collaborazione.

“Tuo figlio è uscito pazzo”

Giuseppe e Pantaleone Mancuso

Giuseppe Salvatore Mancuso avrebbe appreso del “pentimento” del fratello dal alcune “guardie” del penitenziario dove si trovava ristretto e, una volta avuta la notizia, avrebbe informato la madre Giovannina Ortensia Del Vecchio e, quest’ultima, il marito: “Tuo figlio si è fatto collaboratore… è uscito pazzo tuo figlio”. L’unico canale per comunicare in qualche modo e in maniera riservata con Emanuele Mancuso sarebbe stato Nency Vera Chimirri, l’ex compagna appena diventata mamma. E’ a lei che si rivolgono i familiari del pentito. Secondo l’accusa Giovannina Ortensia Del Vecchio e Rosaria Rita Del Vecchio avrebbero quindi “concordato la strategia operativa con la Chimirri stabilendo il comportamento che la donna avrebbe dovuto tenere per persuadere il detenuto a ritrattare e ad interrompere la collaborazione con la giustizia”. La strategia difensiva dei familiari era quella di farlo passare per pazzo. In cambio mamma e zia gli avrebbero offerto denaro, l’apertura di un bar o di un esercizio commerciale lontano dal contesto vibonese. A farlo vacillare è stato la minaccia di non fargli più vedere la figlia.

Il blitz nella località segreta

Pressioni, minacce velate e violenze psicologiche che sarebbero avvenute anche nel corso di colloqui telefonici richiesti da Emanuele per conoscere la situazione familiare. Addirittura madre e zia si sarebbero fatti rivelare la località protetta dove Mancuso era agli arresti domiciliari e la madre, insieme al genero Antonio Maccarone, sarebbero giunti a pochi metri dall’alloggio dove si trovava nella località protetta con lo scopo di prelevarlo dal luogo dove si trovava in detenzione domiciliare. Un tentativo vano per via del trasferimento d’urgenza del pentito in altra località. A fronte del patto che aveva fatto con la madre Emanuele Mancuso nel maggio del 2019 non si era sottoposto all’interrogatorio della Direzione distrettuale antimafia di Milano. Un piano sfumato con l’intervento decisivo e determinante dei Carabinieri. Così la collaborazione è ripresa a pieno regime e promette nuove, clamorose inchieste.

Il collegio difensivo

Fin qui le ipotesi di accusa di fronte alle quali, gli indagati assistiti dagli avvocati difensori, Francesco Capria, Francesco Sabatino, Alessandro Restuccia, Liborio Romito, Giuseppe Monteleone, Carmelo Naso e Massimo Riga, avranno 20 giorni di tempo per chiedere di essere sentiti dal magistrato titolare del fascicolo, depositare memorie difensive e compiere ogni altro atto utile per l’esercizio del diritto di difesa, prima che il magistrato vada oltre con una richiesta di rinvio a giudizio.

Nessun commento:

Posta un commento