L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 19 novembre 2020

In Siria gli Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, ebrei sionisti, Qatar, Turchia hanno con armi, soldi, mercenari fomentato i terroristi tagliagola

Video. Israele conferma le sue incursioni nel Sud della Siria quando era controllato dai terroristi di Al Nusra


Il canale israeliano "Kan" ha rivelato che l'ex capo della direzione dell'intelligence israeliana, Tamir Heyman, e l'ex capo di stato maggiore, Gadi Eizenkot, hanno effettuato incursioni nel sud della Siria all'epoca controllato da vari gruppi armati, fra i quali, i terroristi di Al Nosra legati ad al Qaeda.

In un rapporto, il canale ha spiegato che 7 anni fa Heyman ed Eizenkot si sono infiltrati clandestinamente nella zona di separazione delle forze nel Golan siriano occupato nel sud della Siria, dove si sono incontrati con i terroristi del “Frente al- Nusra ”, che all'epoca operava in quella zona, parlando di assistenza medica ai terroristi feriti nei loro stessi ospedali.


All'inizio del 2019, Eizenkot ammise al quotidiano Sunday Times che Israele aveva fornito armi a gruppi terroristici in Siria e ha effettuato attacchi contro il territorio siriano a sostegno di questi terroristi.

Il canale israeliano ha notato che gli incontri del suddetto esercito israeliano con organizzazioni terroristiche non sono una novità.

Nel 2018, il Segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, pubblicò un rapporto in cui confermò il sostegno dell'entità israeliana alle organizzazioni terroristiche in Siria, tra cui il “Fronte al-Nusra”, oltre a indicare che la Forza L'Osservatore delle Nazioni Unite per il disimpegno (UNDOF) avevano rilevato in diverse occasioni le forze israeliane che offrono assistenza e mantengono i contatti con le organizzazioni terroristiche nell'area di separazione.

Nel settembre 2014, le Nazioni Unite rimossero diversi membri dell'UNDOF da varie posizioni dopo che i terroristi del "Fronte al-Nusra" hanno rapito più di 40 soldati delle Fiji e assediarono altri caschi blu filippini. Nel novembre 2016, l'organizzazione internazionale annunciò il ritorno di un gruppo delle sue forze alle loro posizioni in Siria.

Nell'agosto 2018, Tel Aviv annunciò la chiusura di un ospedale da campo che è stato installato nel Golan siriano occupato per offrire cure ai terroristi feriti, e questo dopo il crollo di gruppi mercenari di fronte alle operazioni dell'esercito siriano .

Nessun commento:

Posta un commento