L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 21 novembre 2020

La domanda di bitcoin è maggiore dell'offerta e la moneta sale di valore

20 NOV 2020
Non solo Wall Street: un quant trader spiega perché il prezzo di Bitcoin sta salendo

Sam Trabucco di Alameda Research identifica quattro fattori che stanno spingendo il prezzo di Bitcoin verso il suo massimo storico

NEWS MERCATI

Sam Trabucco, quantitative trader presso Alameda Research, crede che quattro fattori generali stiano spingendo verso l’alto il prezzo di Bitcoin (BTC).

I catalizzatori sono l’adozione in crescita, le whale, gli afflussi da altri prodotti verso Bitcoin e l’influenza da altri mercati.

Alameda Research è un’importante società crypto attiva nel trading di un'ampia varietà di criptovalute e prodotti derivati, con un volume giornaliero compreso tra 600 milioni e 1,5 miliardi di dollari.

Grafico settimanale di Bitcoin. Fonte: TradingView.com

L’accumulo e l’adozione complessivi stanno aumentando

Nel corso dell’ultimo mese, Cointelegraph ha segnalato più volte il trend di accumulo delle whale.

I cluster di whale si formano quando le whale comprano Bitcoin e non vendono immediatamente. Tipicamente, questo indica che hanno acquistato BTC, li hanno inviati ai propri wallet personali e non hanno spostato i fondi.

L’accumulo di Bitcoin da parte delle whale potrebbe aver coinciso con un pullback causato da vendita di realizzo nel mercato delle altcoin. In particolare, quando il settore della finanza decentralizzata ha assistito a una correzione generale, Bitcoin ha tracciato un rialzo significativo.

Basandosi su vari trend e dati, Trabucco ha spiegato che i quattro fattori menzionati hanno probabilmente contribuito alla crescita di Bitcoin negli ultimi mesi:
“Allora, prima di tutto, perché ‘verso l’alto’? Se ne è parlato molto, alcune ragioni per il rialzo di BTC che ho visto includono una forte pressione di acquisto istituzionale, una maggiore adozione, le ‘whale’, i deflussi da prodotti di tendenza tornati in BTC, l’influenza da altri mercati, ecc.”

Oltre a questi fattori, Cointelegraph ha riferito che le riserve di Bitcoin sugli exchange stanno diminuendo ad un ritmo elevato.

Le riserve sugli exchange calano quando gli investitori ritirano sempre più fondi dagli exchange. Dato che spesso le criptovalute vengono depositate su queste piattaforme con l’intenzione di venderle, questo trend suggerisce che ci siano meno venditori nel mercato e un’offerta disponibile di BTC più limitata.

La convergenza di fattori fondamentali e tecnici positivi con un generale calo della pressione di vendita potrebbe sostenere lo slancio di Bitcoin.

Anche l’influenza macro potrebbe favorire Bitcoin

Secondo Trabucco, sia la vittoria prevista di Joe Biden che la prospettiva dei vaccini di Moderna e Pfizer sono fattori positivi per Bitcoin.

Il supporto per la criptovaluta da parte di varie società tecnologiche come PayPal, banche, politici, investitori ad alto patrimonio netto e miliardari sta probabilmente spingendo il prezzo di BTC, sostiene il trader:

“A mio avviso è probabilmente una combinazione. Credo che la vittoria di Biden e l’annuncio dei vaccini siano stati elementi positivi per asset come SPY che hanno correlazioni a breve e lungo termine con BTC nell’era del COVID, aiutando il rialzo.

Inoltre, ci sono davvero molte compagnie/entità tradizionali (banche, hedge fund, persone ricche, leader di pensiero, società tecnologiche, senatori del Wyoming, ecc.) che stanno segnalando il proprio supporto per BTC, influenzandone positivamente il prezzo sia direttamente (comprando) che indirettamente (sentiment).”

Nel breve termine, l’ostacolo per Bitcoin rimane la zona di resistenza a 18.500$. Oltre questo livello, c’è ben poca resistenza prima di un nuovo massimo storico. Dopodiché, BTC entrerà nelle acque inesplorate della price discovery.

Dato che la bull run post-halving successiva all’evento del 2016 è durata 15 mesi, ci sono buone possibilità che Bitcoin possa raggiungere un massimo tra la metà e gli ultimi mesi del 2021, come sostengono alcuni analisti.

In tal caso, la prospettiva a medio termine di Bitcoin rimane promettente, soprattutto considerando che molti fattori macro e tecnici supportano il sentiment di mercato.

Nessun commento:

Posta un commento