L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 22 novembre 2020

L'albero della storia è sempre verde (Lenin). Il Grande Reset Occidentale, equiparata ad una guerra mondiale, attraverso il covid/lockdown/coprifuoco, distrugge merci, capitali, uomini e mezzi di produzione. Eliminare la sovrabbondanza dell' O F F E R T A e con la massa monetaria in giro create dalle banche centrali per supportare l'Azione Criminale, l'inflazione è obbligata ad aumentare e sarà proporzionale al grado di distruzione a cui giungeremo. MA c'è la grande incognita della Cina che ha risposto con la Strategia della Doppia Circolazione. NULLA SARA' COME PRIMA

Perché tornerà l’inflazione

21 novembre 2020


Stiamo per entrare in una nuova era di inflazione inaspettatamente alta? Che cosa scrive Martin Wolf sul Financial Times

Stiamo per entrare in una nuova era di inflazione inaspettatamente alta, invece dell’inflazione al di sotto dell’obiettivo a cui siamo abituati? Molti respingono questo punto di vista. Ma il ragazzo che gridava al lupo aveva ragione l’ultima volta. Un libro appena uscito afferma che, come risultato dell’odierna generosità fiscale e monetaria, “come all'indomani di molte guerre, ci sarà un’impennata dell’inflazione, molto probabilmente superiore al 5 per cento, o addirittura dell’ordine del 10 per cento nel 2021”. Questo cambierebbe tutto – scrive Martin Wolf sul FT.

La previsione viene da The Great Demographic Reversal di Charles Goodhart, uno stimato accademico, e Manoj Pradhan, già alla Morgan Stanley. Le loro profezie di un’imminente catastrofe inflazionistica è in realtà meno significativa del loro quadro analitico. Questi autori sostengono che l’economia mondiale sta per cambiare i regimi. L’ultima volta che questo è successo è stato negli anni Ottanta. I grandi cambiamenti di quattro decenni fa non erano tanto il desiderio di portare l’inflazione sotto controllo, quanto la globalizzazione e l’ingresso della Cina nell’economia mondiale. Quell’epoca, sostengono, che era un’epoca di bassa inflazione e di alto, crescente indebitamento, sta ora finendo. Presto ne seguirà l’inverso.

Negli anni ’80 e ’90 si sono aperte le economie della Cina, dell’ex impero sovietico e di altri paesi in via di sviluppo. È stato concordato l’Uruguay Round, che ha portato alla nascita dell’Organizzazione Mondiale del Commercio, alla quale la Cina ha aderito nel 2001. L’integrazione economica internazionale è progredita rapidamente, in particolare attraverso il commercio, ma anche attraverso gli investimenti diretti dei paesi ad alto reddito. L’offerta globale di manodopera per la produzione di beni commerciabili è aumentata enormemente. Le grandi economie commerciali avevano tassi di natalità in calo e popolazioni ancora giovani, rafforzate dall’ingresso delle donne nelle loro forze di lavoro. Così la forza lavoro è cresciuta più rapidamente della popolazione e la produzione pro capite è aumentata più rapidamente di quella per lavoratore.

Tutto questo insieme, sostengono Goodhart e Pradhan, ha causato un calo del potere di mercato del lavoro nei paesi ad alto reddito, maggiori quote di profitto nel prodotto interno lordo, aumento della disuguaglianza interna, diminuzione della disuguaglianza globale, un “eccesso di risparmio”, deboli pressioni inflazionistiche e diminuzione dei tassi di interesse reali. C’è stata un’impennata dell’indebitamento.

Ora, sostengono, tutto questo sta andando al contrario. La globalizzazione è sotto attacco e nessun’altra economia può replicare quello che ha fatto la Cina. L’invecchiamento della popolazione colpisce la crescita della forza lavoro e aggrava le pressioni fiscali. Non da ultimo, affermano che, poiché il numero dei consumatori aumenta rispetto a quello dei produttori (Grande Reset Occidentale), la pressione inflazionistica aumenterà. Inoltre, man mano che la forza lavoro si riduce e la globalizzazione si indebolisce, il potere di mercato del lavoro riemergerà, esacerbando queste pressioni inflazionistiche.

Questi cambiamenti, aggiungono, creeranno enormi dilemmi politici, soprattutto se si considerano i bilanci estesi dei governi e delle società non finanziarie. Se il rapporto tra disoccupazione e inflazione dovesse cambiare in modo così negativo come suggeriscono gli autori, le banche centrali si irrigidirebbero quanto necessario per contenere l’inflazione? Come gestirebbero le autorità le ondate di inadempienze? Come riporterebbero i governi sotto controllo i loro deficit in un mondo di crescita strutturalmente bassa (in parte a causa dell’invecchiamento della popolazione), di tassi di interesse più elevati e di pressioni per aumentare la spesa? Se non lo facessero, le banche centrali continuerebbero a stampare denaro o permetterebbero l’insolvenza nazionale? In breve, ci troviamo di fronte a una ripetizione degli anni ’70, in circostanze peggiori?

Gli autori hanno ragione a sostenere che l’economia mondiale sta subendo grandi cambiamenti strutturali. L’invecchiamento della popolazione e l’indebolimento della globalizzazione nella produzione di beni sono ben avviati. Inoltre, questo processo include la Cina (si e no, la risposta è nella Strategia della Doppia Circolazione). Questa combinazione trasformerà le nostre economie.

Ma è anche vitale ricordare quanto poco sappiamo di come questi cambiamenti potrebbero verificarsi nel mondo reale. E se nel 1980 avessimo saputo che la Cina avrebbe aperto la sua economia al mondo e avrebbe lanciato il più grande boom di investimenti della storia mondiale, culminato con un tasso di investimento del 50% del PIL? Quanti avrebbero previsto che la situazione macroeconomica di qualche decennio più tardi sarebbe stata caratterizzata da un eccesso di risparmio, bassi tassi d’interesse reali, politiche monetarie ultra-liberali e debito eccessivo? La maggior parte di loro avrebbe sicuramente ipotizzato che la Cina in pieno boom stava per importare massicciamente risparmi per quindi aumentare i tassi d’interesse reali e la domanda netta di esportazioni.

Allo stesso modo, i signori Goodhart e Pradhan possono avere ragione sul fatto che, nel loro nuovo coraggioso mondo, il desiderio di risparmiare tenderà a diminuire più velocemente di quello di investire, l’eccesso di risparmio si trasformerà in una carenza, e i tassi di interesse reali saliranno alle stelle. Ma la differenza tra il risparmio desiderato e l’investimento è sottile. È abbastanza possibile, invece, che, con la lenta crescita economica e il continuo calo del prezzo relativo dei beni strumentali, gli utili non distribuiti delle imprese continueranno a superare gli investimenti nelle economie ad alto reddito. Anche il settore delle imprese cinesi potrebbe seguirne l’esempio. Se così fosse, la domanda potrebbe rimanere debole e i tassi di interesse reali bassi per lungo tempo, rafforzati dall’enorme debito del settore privato in tutte queste economie.

Non è nemmeno chiaro se la globalizzazione sia stata il principale motore storico dei cambiamenti nei mercati del lavoro. Era solo uno degli elementi di una serie di trasformazioni: le nuove tecnologie, il modello di governance aziendale basato sulla massimizzazione del valore per gli azionisti, il ruolo crescente della finanza e il crescente potere monopolistico.

I dubbi su queste tesi sono giustificati. Ma è anche pericoloso estrapolare il presente nel futuro. Nel 1965, pochi immaginavano che il keynesianesimo del dopoguerra sarebbe morto in breve tempo. Anche il mondo del “più basso per più tempo” potrebbe scomparire. Sono in corso grandi cambiamenti. Dobbiamo pensare con rigore a come il nostro futuro possa essere diverso dal passato.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

Nessun commento:

Posta un commento