L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 6 febbraio 2021

A Davos, il punto più alto dell'analisi politica/economica/sociale è stato l'intervento di Putin con il grande limite che siamo obbligati a convivere con le multinazionali che tentato e parzialmente ci riescono, a comandare direttamente eliminando la mediazione politica

La posta in gioco della pandemia

di Riccardo Paccosi
1 febbraio 2021

Putin conferma quale sia la posta in gioco della pandemia: la volontà delle multinazionali di sostituirsi agli Stati

All'incirca dal mese di novembre, sto scrivendo ripetutamente che il senso politico ultimo della pandemia si è ormai palesato, ch'è visibile a chiunque tranne alla massa di zombie assoggettati alla narrazione dominante.

La pandemia, ho scritto a più riprese, è il terreno su cui si sta giocando la partita dell'ingresso diretto delle multinazionali nella governance tanto globale quanto delle singole nazioni.

Non più influenza e potere d'indirizzo come nei decenni scorsi, ma diretta funzione amministrativa e normativa della sfera pubblica. Tutto questo è ravvisabile nelle trattative in corso fra stati-nazione e corporation intorno ai vaccini, intorno al tracciamento biometrico, intorno ai social media.

Ed è riscontrabile, altresì e nella formulazione più esplicita possibile, in saggi teorico-strategici quali "COVID 19 - The Great Reset" di Klaus Schwab.

E questo - ho scritto sempre in questi mesi - è infine il motivo per cui le corporation, fin dall'inizio dell'emergenza ovvero da quasi un anno, stanno ripetendo in maniera martellante, tramite i loro opinion leader e tramite spot pubblicitari, che "non si tornerà più al mondo di prima", ovvero che il distanziamento sociale rimarrà per sempre.

Infatti, tutte le trattative economico-normative fra governi nazionali e aziende multinazionali volte a far sì che le seconde possano amministrare la società attraverso i propri strumenti tecnologici, sono ancora aperte. Un'eventuale soluzione sanitaria dall'emergenza, manderebbe all'aria tutto.

La necessità di portare avanti la strategia d'ingresso diretto delle corporation nella governance della società, fa dunque sì che l'emergenza debba essere permanente. Questo obiettivo viene perseguito dalle èlite economiche attraverso tre strumenti:

a) attravero il possesso dei media tradizionali, tutti allineati a costruire una narrazione altamente allarmistica, volta a minimizzare i costi sociali ed economici dei lockdown, impegnata nella criminalizzazione di ogni pensiero dissenziente bollato come "negazionismo";

b) attraverso il possesso dei social media, volti a tenere sotto controllo e quando è il caso reprimere le posizioni avverse;

c) attraverso la casta dei tele-virologi, ovvero figure tecniche che, facendo da consulenti dei governi e avendo garantita una presenza onnipervasiva sui media, svolgono intermediazione a favore delle corporation e stimolano l'opinione pubblica ad accettare la prospettiva del distanziamento permanente.

Partecipando al World Economic Forum - una partecipazione peraltro anomala e il cui senso politico andrebbe quindi decifrato - Vladimir Putin ha esposto una lettura fortemente convergente con quella sopra esposta.

"Ci sono alcuni giganti economici che sono già, de facto, in competizione con gli Stati.

Dov’è il confine tra un business globale di successo, servizi richiesti e consolidamento dei big data – e tentativi di governare la società in modo aspro e unilaterale, sostituire istituzioni democratiche legittime, limitare il diritto naturale delle persone di decidere da soli come vivere, cosa scegliere? quale posizione esprimere liberamente?"

Oltre a mettere a fuoco il problema delle multinazionali, Putin ha altresì tracciato un quadro allarmante sostenendo di "sperare che una guerra mondiale non sia possibile in linea di principio" ma che i rischi di uso unilaterale della forza militare sono in aumento e che sussiste dunque il rischio di "un collasso dello sviluppo globale che potrebbe sfociare in una guerra di tutti contro tutti."

Il discorso di Putin non esprime una prospettiva contro la globalizzazione in quanto tale o anti-liberista bensì manifesta, esattamente come nel caso di Trump, una visione politica che vorrebbe far ancora coesistere paradigma neoliberale e sovranità nazionali.

Il punto è che questa coesistenza, oggi, è probabilmente impossibile.

Per questo, a mio parere, figure come Trump o Putin possono essere ascoltate con interesse in quanto forze ostacolanti e rallentanti determinati processi del capitalismo globalista, ma non essere viste - come spesso accade - come i latori di un'autentica prospettiva di alternativa sociale e sistemica.

Ad ogni modo, un discorso così apertamente contrapposto alla narrazione dominante nei paesi occidentali, fa inevitabilmente tornare alla memoria un'altra esternazione del presidente russo, ovvero quella pronunciata in occasione del Forum di Valdai nel settembre 2013. In quel contesto, infatti, Putin delineò una visione alternativa ai capisaldi del liberalismo occidentale quali multiculturalismo e superamento degli stati-nazione.

Pochi mesi dopo quel discorso, gli Stati Uniti e l'Unione Europea promossero la sommossa anti-russa in Ucraina capeggiata dalle formazioni neonaziste e incrementarono i finanziamenti al terrorismo jihadista in Siria, facendo così tornare il mondo alla Guerra Fredda e al riarmo nucleare.

Pertanto, senza bisogno di pensare a una relazione diretta causa-effetto col discorso di Davos, è lecito supporre che, analogamente a quanto accaduto nel 2014, nei prossimi mesi vedremo incrementarsi la campagna dei media occidentali a favore del fascista xenofobo e antisemita Navalny e, soprattutto, assisteremo al preoccupante spettacolo delle fiamme della guerra in Siria che tornano a divampare.

Contrastare in tutti i modi la propaganda anti-russa dei governi e dei media occidentali, dunque, non implica considerare Putin e il sistema di governo russo come un modello da seguire (come invece pensano i cerebrolesi della sinistra o, per ragioni opposte, i rossobruni affascinati dall'autoritarismo).

Significa, invece, comprendere che le stesse èlite che vogliono sottomettere la nuda vita alla tecnologia e gettare fuori dal mercato del lavoro un terzo della popolazione, sono le stesse che vogliono incendiare il mondo con la guerra.

Il campo atlantista occidentale - e soprattutto la parte ideologicamente progressista di quest'ultimo - rappresenta la più grande minaccia per l'umanità dalla fine della Seconda Guerra Mondiale.

E spetta ai popoli che ci vivono - oggi tenuti reclusi e privati dei loro diritti costituzionali - il compito di abbatterlo.

Nessun commento:

Posta un commento