L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 24 febbraio 2021

Gli ebrei sionisti perseguono sistematicamente nei tribunali militari i bambini

Le forze di occupazione israeliane hanno arrestato due fratelli palestinesi di 6 e 8 anni nella città di Hizma, a nord-est di Al-Quds (Gerusalemme).

L'agenzia di stampa statale palestinese Wafa , citando l'Hizma Media Center, riferisce che i soldati israeliani hanno arrestato, ieri, i bambini, identificati come Aws e Mohamed Qazi Nayib, mentre erano vicino alla loro casa nella città di Hizma.

Il centro ha spiegato che, recentemente, le truppe di occupazione hanno intensificato la campagna di arresti contro giovani e bambini palestinesi al fine di aumentare la repressione.

Israele è l'unico regime al mondo che detiene e persegue sistematicamente i bambini nei tribunali militari, privandoli dei loro diritti fondamentali e delle loro protezioni per un giusto processo. Secondo quanto riferito, Israele detiene e processa tra i 500 ei 700 bambini palestinesi ogni anno.

Un dossier compilato dalla ONG Defence for Children International (DCI) conferma che tre minori palestinesi su quattro detenuti dalle forze israeliane subiscono un qualche tipo di violenza fisica durante gli arresti o i processi.

Il DCI ha chiesto alle autorità del regime di Tel Aviv di prendere provvedimenti immediati per liberare tutti i bambini palestinesi detenuti nelle carceri israeliane a causa della rapida diffusione del COVID-19.

Sebbene diversi gruppi per i diritti umani abbiano avvertito del pericoloso aumento dei crimini perpetrati dal regime israeliano contro i detenuti palestinesi, in particolare i minori, non c'è stato alcun cambiamento nella politica israeliana e le persone in prigione continuano a essere vittime di torture e di pessime condizioni di affollamento.

Ancora più vergognoso è il silenzio della comunità internazionale su questo ennesimo crimine di Israele.

Nessun commento:

Posta un commento