L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 13 febbraio 2021

Neanche Kennedy riesce a fermare la narrazione ufficiale sull'influenza covid

Robert Kennedy Jr. bandito dal social Instagram

Instagram ha rimosso l’account del nipote di JKF per le sue affermazioni contro i vaccini

-11 Febbraio 2021


Il nipote del presidente JFK, Robert Kennedy Jr., è stato bandito dal social Instagram. Il motivo? Kennedy jr. è un attivista anti-vaccini che ha propagandato false affermazioni sull’efficacia e la sicurezza dei vaccini e negli ultimi tempi ha iniziato una crociata contro il vaccino anti-covid.
Robert Kennedy Jr. e le teorie sui vaccini

Con l’avvento della pandemia di coronavirus la vita delle persone è stata completamente stravolta. Ora, con l’arrivo del vaccino anti-covid, si spera di iniziare a vedere la luce in fondo al tunnel. Tuttavia molte persone sono scettiche contro l’efficacia e la sicurezza dei vaccini. Tra queste vi è anche Robert Kennedy jr., figlio di Robert Kennedy, nonché nipote del presidente JFK. Kennedy è da molto tempo un attivista anti-vaccino ed è fondatore dell’organizzazione no-profit Children’s Health Defense, un importante gruppo anti-vaccinazione. Kennedy ha inoltre regolarmente sostenuto connessioni, screditate dagli esperti, tra vaccino e autismo nei bambini.

Robert Jr. ha anche fatto pressioni sul Congresso per concedere ai genitori l’esenzione dall’obbligo di vaccinare i propri figli e nel 2017 aveva incontrato l’allora presidente Trump per costituire una task force contro i vaccini. Kennedy è anche criticato per aver propagandato le sue assurde teorie su vaccini nelle comunità afroamericane scoraggiando così le persone di quella comunità, molto colpita dalla pandemia, a fare il vaccino. 

Perché Instagram ha bandito Kennedy?

Kennedy, attraverso i social network, ha diffuso diverse teorie infondate su vaccini. Così Instagram ha annunciato di aver rimosso l’account di Robert Kennedy jr. per le sue false affermazioni sui vaccini e sul coronavirus durante la pandemia. Un portavoce di Facebook ha dichiarato a The Hill: “Abbiamo rimosso questo account per aver condiviso ripetutamente affermazioni smentite sul coronavirus o sui vaccini”. La pagina Facebook di Kennedy è rimasta attiva fino a giovedì mattina. I suoi post più recenti includevano pubblicazioni dell’organizzazione no profit che criticava un vaccino HPV, i vaccini Covid-19 di Moderna e Pfizer e altro ancora. Kennedy aveva 800.000 follower su Instagram e oltre 300.000 follower su Facebook.

Nessun commento:

Posta un commento