L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 9 febbraio 2021

Putin a Davos con precisa chiaroveggenza ha avvertito il mondo che c'è la possibilità della DISTRUZIONE totale, di fermarsi perchè in una situazione di tensione portata all'estremo basta un nulla per creare l'incidente. Serve portare in Norvegia la minaccia nucleare alla Russia?

Verso la Mutua Annichilazione Assicurata

Maurizio Blondet 9 Febbraio 2021 


La notizia appare su tutti i giornali, con le stesse parole: evidentemente hanno ricopiato lo stesso comunicato-stampa :

“Gli Stati Uniti stanno dispiegando per la prima volta bombardieri B-1 in Norvegia, lanciando un messaggio chiaro alla Russia: sono pronti a difendere gli alleati contro qualsiasi aggressione del Cremlino in una regione, quella artica, strategicamente importante

“Il Dipartimento della Difesa ha accolto con profonda preoccupazione le mosse militari russe tese a bloccare il potenziale accesso all’Artico. “I recenti investimenti russi nell’Artico includono una rete di mezzi aerei offensivi e sistemi missilistici costieri”, ha avvertito Barbara Barrett, segretaria dell’Air Force…

“Gli Stati Uniti valutano che la Russia consideri il mantenimento del proprio accesso all’Artico sempre più vitale, con quasi il 25% del suo prodotto interno lordo proveniente da idrocarburi a nord del Circolo Polare Artico”.

Nessun commento e nessun pluralismo di opinione: è la democrazia secondo Biden. il quale, mentre all’interno sta scatenando l’FBI alla caccia ai MAGA (i seguaci di Trump nelle amministrazioni), ha anche autorizzato a schierare bombardieri B-1B con capacità nucleare in Norvegia: una prima storica per capacità nucleare, che altera radicalmente l’equilibrio atomico a favore del Pentagono.

E’ un rovesciamento storico della dottrina della deterrenza, il MAD, Mutua Distruzione Assicurata: si ricorre alla Bomba solo se il Nemico la lancia per primo. L’ammiraglio Charles Richard, capo del comando strategico degli Stati Uniti, che dirige l’armamento atomico delle tre armi, ha avvertito della “possibilità molto reale” che gli Stati Uniti “possano aver bisogno di usare armi nucleari contro Cina e Stati Uniti. Russia”. Come sempre, l’aggressore incolpa delle sue intenzioni l’aggredito: “”C’è una reale possibilità che una crisi regionale con la Russia o la Cina possa degenerare rapidamente in un conflitto che coinvolge armi nucleari, se [Russia o Cina] percepiscono che una sconfitta convenzionale minaccerebbe il regime o lo Stato”, ha scritto l’ammiraglio: “Dobbiamo iniziare ammettendo che il nostro presupposto fondamentale – che la deterrenza strategica funzionerà anche in tempi di crisi e conflitto – verrà messo alla prova, come mai prima d’ora”.

La nuova aggressività è dettata da panico, una condizione psicanalitica piuttosto che strategica , che Richard ammette : l’esercito americano si è “concentrato sull’antiterrorismo” [ossia alle guerre per Sion, ndr.] per due decenni, ignorando “la dimensione nucleare”. Nel frattempo Mosca ha costruito sistemi “nuovi e innovativi” , come i missili ipersonici a planata; ed anche la Cina sta compiendo “passi tecnologici” e, come la Russia, ha provocato aerei e forze statunitensi e alleate che operano nello spazio aereo e nelle acque internazionali. L’arsenale nucleare cinese potrebbe raddoppiare, triplicare o quadruplicare nel prossimo decennio, ha suggerito, “gli Stati Uniti devono agire oggi per posizionarsi per il futuro”.

Nei fatti, “Gli Stati Uniti non escluderanno il primo attacco nucleare, perché altrimenti gli alleati non si fiderebbero di loro”. Lo ha detto davvero il sottosegretario alla Difesa David Trachtenberg per l’Armed Service Committee del Senato udienza giovedì. Sul primo uso del nucleare bisogna mantenere la “ambiguità costruttiva” , altrimenti “minerebbe la deterrenza estesa degli Stati Uniti e danneggerebbe la sanità delle nostre alleanze perché metterebbe in discussione la certezza che gli Stati Uniti interverranno “. alla difesa degli alleati in circostanze estreme”. Questa incertezza potrebbe spingere questi paesi ad armarsi di armi nucleari, ha detto.

Gli alleati da rassicurare sono ovviamente quelli recenti, baltici, scandinavi, polacchi, perché la Germania non ha fatto alcuna richiesta del genere immaginario riportata, anzi cerca di integrarsi alla Cina…

Queste asserzioni sono di estrema gravità, segnala l’analista strategico Philippe Grasset:Soprattutto, nessuno dovrebbe manifestare esplicitamente la propria intenzione di utilizzare l’energia nucleare come un semplice fase in un conflitto … Tutti sanno che un simile confronto diventerebbe immediatamente nucleare, ma nessuno dovrebbe dirlo nel linguaggio dello scontro della comunicazione”. A conclusione di un qualsiasi conflitto non ci sarebbe alcuna vittoria, ma l’annichilimento sicuro:

“Se c’è una guerra nucleare tra gli Stati Uniti e la Russia, sarà una guerra nucleare generale, il che significa che non solo entrambe le nazioni saranno annientate, ma anche il mondo sarà distrutto come lo conosciamo attualmente”, ha detto l’ex ispettore Onu per il disarmo Scott Ritter.

Grasset evoca la tremenda frase di Putin nell’importantissimo discorso che ha tenuto al Forum di Davos (dopo 12 anni di assenza):

Certo, un conflitto globale di tale intensità è impossibile in linea di principio, in ogni caso lo spero. È su questa impossibilità teorica che fondo le mie speranze, perché sarebbe la fine dell’umanità. “•

Commenta l’analista: “L’arrivo di Biden, salutato all’unanimità da tutti i democratici politicamente corretti nel mondo, potrebbe benissimo celare un domani molto amaro e angosciante, molto vicino”. Nel potere statunitense oggi regna una situazione di demenza terminale: non si vede infatti come convenga alla ex superpotenza nello stesso tempo attuare il Grand Reset (detto Quarta Rivoluzione Industriale – internet delle cose , tagli alle energie non green, Build Back Better ) con il suo enorme costo umano interno, la purga poliziesca quasi staliniana ai seguaci di Trump negli apparati pubblici forze armate comprese, e moltiplicare provocazioni belliciste irreversibili a Russia e Cina insieme, saldandole inutilmente in un’alleanza non necessaria, per la voglia di troncare a Mosca le forniture energetiche verso la Germania e la UE.


Di colpo, le parti sono rovesciate: sovietica è diventata l’America dei miliardari.

Ovviamente Mosca ha dovuto rispondere. Alcuni titoli di Avia.Pro


“La Russia sta adottando misure in relazione al trasferimento di bombardieri americani B-1B in Norvegia e sta inviando un aereo A-50 AWACS (sigla 93966) da Ivanovo all’aeroporto settentrionale di Olenya vicino a Murmansk. Подробнее на: https://avia.pro/news/v-arktike-nazrevaet-seryoznyy-konflikt-rossiya-perebrasyvaet-na-sever-svoi-samolyoty

La Russia ha schierato almeno 5 caccia MiG-31 nell’Artico
Подробнее на: 

“Sullo sfondo del crescente confronto tra Russia e Stati Uniti nell’Artico, l’esercito russo ha schierato i suoi caccia intercettori MiG-31 sull’arcipelago di Novaya Zemlya. Il numero esatto di aerei da combattimento schierati in questa regione settentrionale della Russia è sconosciuto, tuttavia, a giudicare dalle foto, stiamo parlando di almeno cinque aerei da combattimento, le cui capacità sono sufficienti a respingere quasi tutti gli attacchi da nord.
l nuovissimo complesso di difesa aerea russa sarà equipaggiato con 6 missili antiaerei ipersonici

“L’esercito americano ha iniziato a costruire la sua base aerea in Siria

Nessun commento:

Posta un commento