L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 24 febbraio 2021

Quando ci si fa comandare dalle ideologie a prescindere è difficile porsi sul piano del dialogo perchè NON LO SI VUOLE. E l'Occidente si è posto su questa china sulla Russia e Cina e Iran e Venezuela e ...

Cina, Russia e non solo. Davanti a noi anni di alta tensione. Scrive l’amb. Vento

Di Sergio Vento | 22/02/2021 - 


Sergio Vento, già ambasciatore a Parigi, Onu e Washington, analizza il confronto tra Biden, Merkel e Macron alla Munich Security Conference

Luci e ombre sono emerse dalla Münchner Sicherheitskonferenz. Wolfgang Ischinger, mio collega a Washington nel 2003-2005 che, quale esponente dell’ala più atlantica della diplomazia tedesca, aveva vissuto male l’opposizione del duo Jacques Chirac–Gerhard Schröder alla guerra in Iraq e ancor peggio il quadriennio di Donald Trump, ha assicurato una volenterosa regia alle retrouvailles della famiglia atlantica sotto il segno del “multilateralismo”, mantra in verità alquanto generico se il metodo non è accompagnato dalla sostanza degli interessi rispettivi e dal comune denominatore della volontà e della visione politica.

Sul terreno degli interessi, i nodi transatlantici sono conosciuti: dal duello Airbus-Boeing alla tassazione delle Gafa, dal Nord Stream 2 all’accordo di Natale con la Cina sugli investimenti fino al burden sharing nella Nato. Ed è sintomatico che a Monaco nessuno abbia auspicato un rilancio del negoziato sul Ttip fallito nel 2015 su agricoltura, servizi finanziari e tecnologici.

Il ritorno degli Stati Uniti nell’Accordo di Parigi sul clima appare piuttosto cosmetico mentre forse un rilancio dell’accordo nucleare con l’Iran e un certo rigore nei confronti di principe ereditario saudita Mohammad Bin Salman sullo Yemen, preceduto dalla significativa normalizzazione del rapporto con il Qatar, sembrano in effetti più promettenti per una convergenza transatlantica.

Viceversa, sui due temi “esistenziali”, cioè i rapporti con Russia e Cina, le perduranti distanze e incognite richiederanno un serio lavoro di approfondimento e di verifica da parte di Berlino e Parigi nei confronti di Washington da un lato, Mosca e Pechino dall’altro. Se Berlino prende le distanze dalla nozione di “autonomia strategica” dell’Europa cara al presidente francese Emmanuel Macron (che ne fa, unitamente all’impegno nel labirinto saheliano, anche un messaggio in vista di una non scontata rielezione nel 2022) e preferisce la nozione soft di rafforzamento del “pilastro europeo” della Nato, condivisa dall’Italia, è difficile che i successori di Angela Merkel si allontanino da quella “sindrome della Grande Svizzera” che caratterizza il mercantilismo tedesco anche nella dimensione eurasiatica.

L’esuberanza commerciale e strategica della Cina negli ultimi 25 anni è stata favorita dall’Occidente (frettolosa ammissione all’Organizzazione mondiale del commercio, lassismo in Africa, confusa concentrazione sulle vicende mediorientali con crescita dell’islamismo radicale). Parallelamente, l’euforia per la disintegrazione dell’Unione Sovietica ha fatto dimenticare il preesistente e sottostante “fattore russo”. Le dinamiche neoimperiali si alimentano con le radici nazionali, come è evidente anche nel caso della Turchia.

Anatemi e scomuniche sono la negazione della realpolitik e rischiano di condurre nel vicolo cieco di pericolose escalation. Ci aspettano anni di alta tensione.

Nessun commento:

Posta un commento