L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 1 marzo 2021

Militari statunitensi occupano terre siriane e rubano petrolio

SANA: militari USA trasferiscono 10 combattenti ISIS dalla loro base clandestina in Siria
© Sputnik . Mikhail Voskresenskiy
20:27 28.02.2021URL abbreviato

I terroristi sono stati trasferiti a bordo di due elicotteri dalla base americana nella città di Ash Shaddadi in una zona desertica vicino a Deir ez-Zor.

Gli Stati Uniti hanno trasferito dieci militanti del gruppo terroristico Stato islamico dalla loro base clandestina nel governatorato siriano di Al-Hasakah in una zona desertica nel governatorato di Deir ez-Zor. Lo riporta l'agenzia siriana SANA, citando fonti proprie.

In precedenza a gennaio l'agenzia SANA aveva riferito che i militari statunitensi avevano trasferito 70 combattenti dell'ISIS da un carcere alla propria base militare in Siria.

Le forze armate degli USA in cooperazione con le milizie arabo-curde "Forze democratiche siriane" (SDF) controllano in maniera illegale territori in nord e nord-est della Siria nei governatorati Deir ez-Zor, Al Hasakah e Raqqa, dove si trovano i più grandi giacimenti di petrolio e gas in Siria.

Damasco ha più volte definito la presenza dei militari americani nel suo territorio "occupazione e pirateria a livello statale con lo scopo di furto del petrolio".

© SPUTNIK . MIKHAIL VOSKRESENSKIY
Estrazione di petrolio in Siria

Petrolio e gas in Siria

Gran parte delle riserve siriane di petrolio e gas sono concentrate nel nord-est del paese. Secondo un rapporto del 2011 della US Energy information administration, nel 2010 la produzione siriana di petrolio è stata di 400mila barili al giorno, di cui circa un quarto è stato venduto all’estero.

Si stima che all’1 gennaio 2011 le riserve petrolifere del Paese siano pari a circa 2,5 miliardi di barili di petrolio.

Nessun commento:

Posta un commento