L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 3 aprile 2021

Il 5 marzo in una telefonata alla responsabile europea Catherine Ashton il ministro degli Esteri estone puntava il dito contro i leader di Maidan, che avrebbero organizzato la mattanza per far cadere il regime, come è avvenuto

L'altra verità su piazza Maidan: cecchini ucraini arruolati per portare il paese alla guerra civile

02 Aprile 2021 14:54
La Russia definisce spaventosa la situazione in Donbass a causa delle provocazioni ucraine

La Redazione de l'AntiDiplomatico


Aumenta l’aggressività di NATO e USA verso la Russia. Le nuove provocazioni sono portate attraverso l’Ucraina, ma Mosca fa sapere che non resterà a guardare. In caso di dispiegamento di truppe Usa sul territorio ucraino o di un rafforzamento delle truppe Nato nei Paesi limitrofi, saranno necessarie ulteriori misure per garantire la sicurezza della Russia: lo ha dichiarato il portavoce di Putin, Dmitri Peskov, ripreso dall'agenzia Interfax. "Naturalmente questo sviluppo porterebbe a un ulteriore aumento delle tensioni nei pressi dei confini russi. E certamente questo richiederà ulteriori misure da parte della Russia per garantire la sua sicurezza", ha affermato Peskov secondo Interfax.

"La Russia non minaccia nessuno, e non ha mai minacciato nessuno", ha aggiunto Peskov, ripreso dalla Tass.

Ieri il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accusato la Russia di ammassare truppe al confine e gli Usa hanno si sono detti "assolutamente preoccupati dalla recente impennata delle azioni aggressive e delle provocazioni russe in Ucraina orientale". "Ciò a cui siamo contrari sono le azioni aggressive che hanno l'obiettivo di intimidire, di minacciare, i nostri partner ucraini", ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price, ripreso ieri dall'Afp. "Flettere i muscoli con esercitazioni militari e possibili provocazioni lungo il confine sono giochi tradizionali per la Russia", ha dichiarato da parte sua Zelensky.

Ma il punto ‘critico’ è quello del Donbass dove si teme un’escalation. A tal proposito Dmitry Peskov ha parlato di una situazione spaventosa a causa delle continue provocazioni da parte delle forze armate ucraine.

"La nostra posizione (sul Donbass) è assolutamente costruttiva", ha detto Peskov in risposta a una domanda. "Non ci abbandoniamo a un pio desiderio. Purtroppo, le realtà lungo la linea del fronte è spaventosa. Sono numerose le provocazioni delle forze armate ucraine. Non sono casuali. Ce ne sono state molte".

Alla domanda sulla proposta del capo delegato ucraino Leonid Kravchuk "per l'osservanza del cessate il fuoco completo e globale" a partire dal 1 aprile, Peskov ha detto che la Russia non è una parte in conflitto.

"La tregua riguarda solo le forze su entrambi i lati della linea di disimpegno", ha detto Peskov.

Le tensioni nel Donbass sono aumentate il 26 marzo, quando quattro militari ucraini sono stati uccisi nei pressi del villaggio di Shumy. Kiev ha incolpato della loro morte le forze della Repubblica Popolare di Donetsk.

Donetsk ha negato la sua responsabilità per eventuali bombardamenti. Successivamente, la Repubblica di Donetsk ha dichiarato che i soldati ucraini sono stati uccisi da una mina durante l'ispezione dei campi minati.

Il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov aveva affermato in precedenza che il Cremlino era preoccupato che la parte ucraina potesse intraprendere azioni provocatorie nel sud-est dell'Ucraina, creando così il rischio di una guerra civile.

Mercoledì, Boris Gryzlov, rappresentante presidenziale russo nel Gruppo di contatto per una soluzione del conflitto nell'est dell'Ucraina, ha definito irresponsabile e cinica la posizione di Kiev sulla questione della sicurezza nella zona del conflitto nel Donbass.

Nessun commento:

Posta un commento