L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 28 aprile 2021

La "mascherata" deve continuare soprattutto deve educare le giovani generazioni alla sottomissione

Dopo la sentenza contro l’obbligo della maschera: le autorità perquisiscono l’appartamento e l’ufficio del giudice

Il  virus non è mai stato un problema sanitario…

da Deutsche Wirtschafts Nachrichten

Un giudice di Weimar aveva pronunciato una sentenza contro il requisito della maschera nelle scuole all’inizio di aprile 2021. Ora è stata effettuata una perquisizione nei suoi locali privati ​​e ufficiali. Il suo cellulare è stato confiscato.

Il tribunale distrettuale di Weimar ha stabilito l’8 aprile 2021 che il requisito della maschera, le distanze minime e i test rapidi non sono consentiti nelle scuole. Tutte queste cose “rappresenterebbero una minaccia per il benessere mentale, fisico o emotivo del bambino”.

Il giudice distrettuale responsabile di questa sentenza , Christian Dettmar, è stato poi aspramente criticato dai media e dai politici. Il giudizio si basa su tre relazioni del Prof.Dr. med. Ines Kappstein, Prof.Dr. Christof Kuhbandner e il Prof.Dr. rer. biol. ronzio. Ulrike Kämmerer.

Il 26 aprile 2021, gli investigatori hanno esaminato l’ufficio, l’abitazione e l’auto del magistrato su ordine del pubblico ministero. Secondo l’ufficio del pubblico ministero di Erfurt, vi è il sospetto di una perversione della legge. Il BILD: ‘ Vi è un sospetto iniziale che il giudice non fosse competente e quindi non autorizzato a emettere un tale ordine – il tribunale amministrativo, tuttavia, era responsabile. Secondo Grünseisen, vi è un primo sospetto se esiste la possibilità di un reato penale. Anche la perversione della legge è una violazione molto grave “.

Il “Deutschlandfunk” riporta: “La scorsa settimana il tribunale amministrativo di Weimar ha dichiarato legale   l’obbligo  della maschera in classe. I giudici hanno indicato di considerare la controversa sentenza del giudice di famiglia “manifestamente illegale”. I tribunali familiari non hanno il potere di emettere ordini alle autorità”.

Le organizzazioni per i diritti umani e vari paesi vogliono una sospensione temporanea di alcune regole per la protezione della proprietà intellettuale in modo che i vaccini corona possano essere prodotti in modo rapido ed economico. Ma la lobby farmaceutica lo sta impedendo con tutti i mezzi.
…. oltre 100 lobbisti sono stati mobilitati per contattare i legislatori e i membri del governo Biden…
(Graffito di Salvatore Benintende)


https://www.maurizioblondet.it/dopo-la-sentenza-contro-lobbligo-della-maschera-le-autorita-perquisiscono-lappartamento-e-lufficio-del-giudice/

Nessun commento:

Posta un commento