L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 30 aprile 2021

La tecnologia missilistica iraniana come principale deterrenza strategica

28 Aprile 2021 18:41

Pepe Escobar: A Vienna, il tema è il potere missilistico dell'Iran, non il nucleare

Sono ripresi a Vienna i negoziati per la ripresa dell'accordo sul nucleare iraniano nella formula tra Russia, Cina, Francia, Regno Unito e Germania e l'Iran, con gli Stati Uniti non direttamente coinvolti. Secondo l'analista Pepe Escobar, a Vienna si discute di un'altra questione: il potere missilistico dell'Iran, di cui Israele, secondo l'analista, ha già cominciato a provare le conseguenze nella risposta della Siria lanciando un missile in risposta agli attacchi israeliani, lo scorso 22 aprile, finito nei pressi del complesso nucleare di Dimona, oltrepassando le difese aeree di Tel Aviv.

di Pepe Escobar* - The Saker/AsiaTimes

Poche persone, a parte gli specialisti, possono aver sentito parlare della commissione mista JCPOA (Acronimo per indicare accordo sul nucleare iraniano NDT). Questo è il gruppo incaricato di una fatica di Sisifo: il tentativo di rilanciare l'accordo nucleare iraniano del 2015 attraverso una serie di negoziati a Vienna.

La squadra negoziale iraniana è tornata ieri a Vienna, guidata dal viceministro degli Esteri Seyed Abbas Araghchi. Le ombre cinesi iniziano con il fatto che gli iraniani negoziano con gli altri membri del P + 1 - Russia, Cina, Francia, Regno Unito e Germania - ma non direttamente con gli Stati Uniti.

È già qualcosa: dopotutto, è stata l'amministrazione Trump a far saltare in aria il JCPOA. C'è una delegazione americana a Vienna, ma parlano solo con gli europei.

Le ombre cinesi diventano un turbo quando ogni tavolino viennese conosce le linee rosse di Teheran: o si torna al JCPOA originale come era stato concordato a Vienna nel 2015 e poi ratificato dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, o niente.

Araghchi, mite ed educato, ha dovuto tornare sul leitmotiv ancora una volta per sottolineare che Teheran se ne andrà se i colloqui vireranno verso il "bullismo", la perdita di tempo o anche un ballo da sala passo dopo passo , che è tempo sprecato.

Né decisamente ottimista né pessimista, rimane, diciamo, cautamente ottimista, almeno in pubblico: “Non siamo delusi e faremo il nostro lavoro. Le nostre posizioni sono molto chiare e ferme. Le sanzioni devono essere revocate, verificate e poi l'Iran deve tornare ai suoi impegni ".

Quindi, almeno nella tesi, il dibattito è ancora acceso.

Araghchi: “Ci sono due tipi di sanzioni statunitensi contro l'Iran. In primo luogo, sanzioni categorizzate o cosiddette divisionali, come petrolio, banche e assicurazioni, spedizioni marittime, petrolchimiche, edilizie e automobilistiche, e in secondo luogo, sanzioni contro persone fisiche e giuridiche ".

La "seconda" è la questione chiave. Non c'è assolutamente alcuna garanzia che il Congresso degli Stati Uniti revocherà la maggior parte o almeno una parte significativa di queste sanzioni.

Tutti a Washington lo sanno - e la delegazione americana lo sa.

Quando il ministero degli Esteri a Teheran, ad esempio, afferma che è stato concordato il 60% o il 70%, questo è il codice per la revoca delle sanzioni divisorie. Quando si parla di "secondo", Araghchi deve essere evasivo: "Ci sono questioni complesse in questo settore che stiamo esaminando".

Ora confrontatelo con la valutazione di addetti ai lavori iraniani informati a Washington come l'esperto di politica nucleare Seyed Hossein Mousavian: sono più realisti dei pessimisti.

Ciò tiene conto delle linee rosse non negoziabili stabilite dallo stesso leader supremo Ayatollah Khamenei. Più pressioni continue da parte di Israele, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti, che sono tutti contrari al JCPOA.

Ma poi ci sono ombre in più. L'intelligence israeliana ha già notificato al gabinetto di sicurezza che un accordo sarà sicuramente raggiunto a Vienna.

Dopotutto, la narrazione di un accordo di successo è già stata costruita come una vittoria della politica estera dall'amministrazione Biden-Harris - o, come preferiscono i cinici, Obama-Biden 3.0.

Nel frattempo, la diplomazia iraniana rimane al limite. Il ministro degli Esteri Javad Zarif è in visita in Qatar e Iraq e ha già incontrato l'emiro del Qatar, lo sceicco Tamim al Thani.

Il presidente iraniano Hassan Rouhani, praticamente alla fine del suo mandato prima delle elezioni presidenziali di giugno, torna sempre allo stesso punto: niente più sanzioni statunitensi; La verifica dell'Iran; allora l'Iran tornerà ai suoi "obblighi nucleari".

Il ministero degli Esteri iraniano ha addirittura diffuso una scheda informativa piuttosto dettagliata , sottolineando ancora una volta la necessità di rimuovere “tutte le sanzioni imposte, reimposte e rietichettate dal 20 gennaio 2017”.

La finestra di opportunità per un accordo non durerà a lungo.

Agli intransigenti di Teheran non potrebbe importare di meno. Almeno l'80% dei membri del Parlamento di Teheran sono ora intransigenti.

Il prossimo presidente sarà sicuramente un intransigente. Gli sforzi del Team Rouhani sono stati etichettati come un fallimento dall'inizio della campagna di "massima pressione" di Trump. Gli intransigenti sono già in modalità post-JCPOA.

Quella fatidica Fateh

Quello che nessuno degli attori del gioco delle ombre può ammettere è che la rinascita del JCPOA impallidisce rispetto al vero problema: la potenza dei missili iraniani.

Nei negoziati originari del 2015 a Vienna - seguiteli nel mio e-book Persian Miniatures - Obama-Biden 2.0 ha fatto tutto ciò che era in loro potere per includere i missili nell'accordo.

Ogni granello di sabbia nel deserto del Negev sa che Israele non avrà esclusioni di colpi per mantenere il primato delle armi nucleari in Medio Oriente. Attraverso uno spettacolare kabuki, il fatto che Israele sia una potenza nucleare rimane “invisibile” alla maggior parte dell'opinione pubblica mondiale.

Mentre Khamenei ha emesso una fatwa affermando chiaramente che la produzione, lo stoccaggio e l'uso di armi di distruzione di massa - nucleare compreso - è haram (bandito dall'Islam), la leadership israeliana si sente libera di ordinare acrobazie come il sabotaggio tramite il Mossad del nucleare iraniano (civile), il complesso a Natanz.

Il capo della commissione per l'energia del parlamento iraniano, Fereydoun Abbasi Davani, ha persino accusato Washington e Londra di essere complici del sabotaggio di Natanz, poiché presumibilmente hanno fornito informazioni a Tel Aviv.

Eppure ora un missile solitario stava letteralmente esplodendo gran parte del gioco d'ombre.

Il 22 aprile, nel cuore della notte prima dell'alba, un missile siriano è esploso a soli 30 km dal reattore nucleare israeliano ultrasensibile di Dimona. Ufficialmente insistente per gli israeliani: questo è stato considerato un missile “vagante”.

Beh, non proprio.

Qui - il terzo video dall'alto - è il filmato dell'esplosione piuttosto significativa. Inoltre, è significativo che Tel Aviv sia rimasta assolutamente come una mummia quando si tratta di offrire una prova di identità missilistica. Era un vecchio SA-5 sovietico del 1967? O, piuttosto, più probabilmente, un Fateh-110 iraniano del 2012 a corto raggio da superficie a superficie, fabbricato in Siria come l'M-600 e posseduto anche da Hezbollah?

Un albero genealogico di Fateh può essere visto nel diagramma allegato. L'inestimabile Elijah Magnier ha posto alcune ottime domande sul quasi successo di Dimona. L'ho completato con una discussione piuttosto illuminante con i fisici, con il contributo di un esperto di intelligence militare.


Il Fateh-110 funziona come un classico missile balistico, fino al momento in cui la testata inizia a manovrare per eludere le difese ABM. La precisione è fino a 10 metri, nominalmente 6 metri. Quindi ha colpito esattamente dove avrebbe dovuto colpire. Israele ha ufficialmente confermato che il missile non è stato intercettato, dopo una traiettoria di circa 266 km.

Questo apre una nuova lattina di vermi. Ciò implica che la performance del tanto pubblicizzato e recentemente aggiornato Iron Dome è tutt'altro che stellare - per usare un eufemismo. Il Fateh volava così in basso che Iron Dome non poteva identificarlo.

L'inevitabile conclusione è che si trattava di una combinazione messaggio / avviso. Da Damasco. Con un timbro personale di Bashar al-Assad, che ha dovuto cancellare un lancio missilistico così delicato.

Un messaggio / avvertimento consegnato tramite la tecnologia missilistica iraniana pienamente disponibile per l'Asse della Resistenza, a dimostrazione che gli attori regionali hanno una seria capacità di occultamento.

È fondamentale ricordare che quando Teheran ha inviato una raffica di versioni di Fateh-313 deliberatamente più vecchie alla base statunitense Ayn al-Assad in Iraq, in risposta all'assassinio del Gen Soleimani nel gennaio 2020, i radar americani si spensero.

La tecnologia missilistica iraniana come principale deterrenza strategica. Questo è il gioco delle ombre che trasforma Vienna in uno spettacolo secondario.

*Giornalista investigativo e scrittore, esperto in analisi geopolitiche

Nessun commento:

Posta un commento