L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 7 maggio 2021

Carabinieri, Polizia, Vigili urbani, Guardia di Finanza, diversi blindati. Militari in assetto anti sommossa. E pure un’ambulanza. Il tutto per apporre i sigilli alla Torteria della signora Rosanna

La magistratura si riscatta dalla vergogna

Maurizio Blondet 7 Maggio 2021

A Chivasso intervengono i blindati per chiudere una Torteria. “Ha violato le norme anti Covid”

(video) – Secolo d’Italia
Per chiudere la Torteria di Chivasso della signora Rosanna la Procura di Ivrea usa le maniere fortissime.

Carabinieri, Polizia, Vigili urbani, Guardia di Finanza, diversi blindati. Militari in assetto anti sommossa. E pure un’ambulanza. Il tutto per apporre i sigilli alla Torteria della signora Rosanna.

Nelle scorse settimane il locale piemontese era infatti salito alla ribalta delle cronache perché per protesta contro le chiusure aveva organizzato ogni sabato degli aperitivi “disobbedienti”.


“Erano circa 250 e sono arrivati con i giornalisti al seguito. Il circo al completo contro un’onesta cittadina”.


Pasquale Stanzione in audizione davanti alle Commissioni Affari Costituzionali, Giustizia e Affari sociali: “La norma presenta varie carenze”

Il Governo non ha consultato l’Autorità Garante per la protezione dei dati sui due decreti leggi con cui ha introdotto il green pass e l’obbligo vaccinale per i sanitari. Ma l’esecutivo è obbligato dal GDPR a coinvolgere il Garante Privacy: violazione di legge del Governo e rischi privacy non considerati dal Consiglio dei ministri sul certificato verde e vaccini obbligatori per medici e operatori sanitari.

Hanno vaccinato anche il fragile.


Nessun commento:

Posta un commento