L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 30 maggio 2021

comunicazione di servizio di BYOBLU


Vogliamo ridarvi la barchetta!

È difficile pensare che esista qualcosa di cui la gente ha così tanto bisogno, e di cui si fida così tanto, da finanziarla direttamente, con le proprie tasche. Il mondo è abituato a far girare tutto intorno ai soldi. Chi fonda un’azienda, lo fa per guadagnare. Chi fonda una televisione lo fa per avere il controllo, per esercitare un potere, investe decine di milioni di euro, senza badare a spese. E non gli importa di essere in perdita, perché i soldi che apparentemente perde da una parte, li guadagna - dieci volte tanto - dall’altra, attraverso il controllo sulla politica.

Così, vai a spiegare a una banca perché ci sono migliaia di persone che mandano soldi spontaneamente a qualcuno. Non ci credono. Non ci sono abituati. È gente che ha sempre trattato con faccendieri, affaristi, speculatori. Bisogna capirli. È tutto il mondo che va cambiato, un pezzo alla volta. E si inizia da qui, da una televisione libera, lontana da quegli affaristi, da quegli speculatori, da quei faccendieri che, per dirla alla Baglioni, da piccoli “son stati marinai dietro agli occhiali storti e tristi, su una barchetta coi gusci delle noci”, ma poi hanno capito che l’unica loro speranza era dominare per non essere dominati, e quella ferita gli ha fatto così tanto male che ancora piangono e non lo sanno. Non bisogna averne paura: bisogna rimettergli gli occhialetti storti sul naso e ridargli la barchetta, e un rivoletto d’acqua. Così si cambia il mondo, tornando a crederci.

Dal primo aprile 2021 ad oggi abbiamo speso oltre mezzo milione di euro. Le spese più grosse sono state quelle per acquistare il canale: 150mila euro più qualche decina di migliaia di euro in burocrazia e spese legali. Poi ci sono quasi 90mila euro di spese di trasmissione, tra maggio e l’anticipo di giugno (sono 50mila euro al mese per illuminare tutte le case d’Italia). Il resto sono stipendi, tasse e contributi, consulenze legali, attrezzature, anticipi per la nuova sede, per le scenografie, i cablaggi… È tanto? Nelle televisioni che vogliamo sfidare, con mezzo milione ci fanno mezza puntata di uno spettacolo serale. Le trimestrali Mediaset relative a gennaio, febbraio, marzo 2021 parlano di 115 milioni di euro soltanto di spese per il personale. Riuscite ad immaginare quanto Davide si stia dando da fare per sfidare Golia? Uscirà a breve il bilancio del 2020, e poi faremo il provvisorio del 2021.

Se non vogliamo spegnere i ripetitori abbiamo bisogno ancora di una mano. Per essere chiari, la televisione ideale è quella che non ha bisogno della pubblicità, ma che dipende esclusivamente dal sostegno dei cittadini. Tuttavia bisogna anche essere pragmatici: le persone sono senza lavoro. Il motivo che ci spinge a dare loro voce è anche e soprattutto perché sono fragili. Un piccolo contributo a testa è sufficiente, ma per qualcuno anche quel poco può essere tanto. Così, per sostenere la tv dei cittadini ci stiamo impegnando a fondo per trovare piccole medie imprese, etiche e coerenti con il nostro messaggio, che abbiano voglia di acquistare spazi pubblicitari. E quando ci riusciremo, il nostro sogno è quello di devolvere le donazioni a tutti quei blogger indipendenti che fanno un’informazione coraggiosa e che ne hanno bisogno per continuare a farla.

Ma nel frattempo dobbiamo aumentare i giornalisti (ne abbiamo solo cinque, che lavorano per venti), assumere un direttore di palinsesto, realizzare programmi di approfondimento degni della prima serata, far partire il marketplace (è tutto pronto, questione di giorni), realizzare infrastrutture per proteggere il sito dagli attacchi informatici... A proposito: lo sapete che da qualche settimana siamo attaccati pesantemente da botnet che si appoggiano sulle maggiori webfarm europee e Usa, tra cui quelle di Amazon e di Microsoft? Sono attacchi molto costosi, perché quelle botnet (reti di computer compromessi) si pagano un tanto all’ora, e loro attaccano ogni ora di ogni giorno, con lo scopo di rendere il sito impossibile da leggere, cambiando sempre strategia e area geografica di provenienza per rendere difficile difendersi. Avranno speso già decine di migliaia di euro. Dovei li prendono, loro, i soldi? Noi qualche idea ce l’abbiamo…

Una televisione dei cittadini fondata interamente dal basso non è mai esistita. Se esiste oggi, è solo grazie a voi. Avete partecipato a una delle più grandi imprese della storia. Ed è sui libri di storia che ne parleranno, quando la veemenza degli interessi sporchi che divorano il presente si sarà placata e, diradatosi il fumo, il mondo sarà pronto per guardarsi con lucidità alle spalle. Il cammino, quindi, è lungo, e noi dobbiamo diventare sempre più interessanti ed utili. Oppure chiudere. Ma se chiuderemo, beh …sarà un vero peccato! Quando ricapiterà un’altra occasione simile: quella di avere una televisione semplicemente di tutti, per tutti?

E allora coraggio, dateci una mano, che siamo a tanto così dal farcela!
AIUTACI CON UN BONIFICO

Conto intestato a: BYOBLU EDIZIONI SRL SEMPLIFICATA

IBAN: IT90V0326801600052100569510

Causale: Donazione libera per la Tv dei Cittadini

Importo: quello che potete

Se invece volete donare con PayPal o con carta di credito: premete su questo bottone:


p.s. stiamo aspettando la decisione del giudice sul ricorso d’urgenza per far riaprire il canale Youtube di Byoblu, con oltre mezzo milione di iscritti. L’udienza si è tenuta martedì 25 maggio. Youtube aveva ben quattro legali e ha presentato 50 pagine di memoria. Vi terremo aggiornati.

Nessun commento:

Posta un commento