L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 29 maggio 2021

Italia dove i politici "locali" taglieggiano in maniera sistematica gli automobilisti

L’Italia è il paese con più autovelox in Europa



28 Maggio 2021 alle 13:30
Di: Alberto Carmone

Secondo uno studio europeo, il nostro Paese è tra i più severi del Vecchio Continente verso gli automobilisti

C'è chi lo sospettava, ma ora ci sono anche i dati “ufficiali”: l’Italia è il paese europeo con più autovelox in assoluto. Sono 8073 (al momento) i rilevatori di velocità presenti nello Stivale, più del doppio dei 4014 del Regno Unito, la seconda classificata di questa speciale graduatoria.

A comunicare i risultati è uno studio elaborato da Zutobi, un ente di ricerca europeo che ha messo insieme i dati raccolti da Speeding Europe, SCBD e Auto Europe.
I paesi più "severi"

Analizzando i dati, Zutobi ha creato un “indice di severità” dei diversi paesi che tiene in considerazione vari parametri come i limiti di velocità, gli importi medi delle multe associati a diverse infrazioni, il numero di autovelox e il limite massimo di alcool tollerato.

Nella classifica è emerso che l’Italia è la seconda nazione europea più severa dopo la Norvegia. Come si diceva, il nostro Paese si distingue per l’elevatissimo numero di autovelox (segnalati comunque su diverse app) e per le multe per guida in stato d’ebbrezza (in media 1500 euro per ogni infrazione).

La Norvegia rimane, però, inarrivabile. La nazione scandinava fa pagare 711 euro di media per eccesso di velocità (contro i 143 euro in Italia) e impone un limite di velocità in autostrada di 110 km/h (il più basso in Europa insieme all’Albania).

In proporzione all’Italia e ad altri Paesi sono elevatissimi anche gli importi delle multe per guida sotto effetto di alcol (5783 euro) e per il mancato rispetto del semaforo rosso (756 euro rispetto ai 200 euro in Italia). Il paradosso è che in Norvegia sono presenti appena 311 autovelox, meno di 1/20 di quelli italiani.

Posizione Paese Multa per ecc. di velocità (euro) Limite di velocità (km/h) Numero di autovelox Guida in stato d'ebbrezza (euro) Limite di alcool nel sangue Utilizzo dello smartphone (euro) Passaggio con semaforo rosso (euro) Punteggio complessivo Zutobi

Occhio al reddito medio

Tra i paesi con la “manica larga” troviamo soprattutto la Repubblica Ceca e l’Albania. Nella prima, ad esempio, la multa per eccesso di velocità è di soli 19 euro, la più bassa in tutto il continente.

Attenzione però, leggendo questi dati bisogna tenere presente che gli importi nelle varie nazioni sono rapportati al reddito medio percepito dai cittadini. Secondo lo studio, in Italia esso si attesta a 28.932 euro, mentre in Norvegia è di 57.831 euro e in Albania è di appena 4.365 euro. Per questo motivo, le multe sono ragionevolmente proporzionate.

Per fare un esempio, l’importo di 160 euro per l’utilizzo del cellulare al volante è punito con una sanzione di 160 euro in Italia e di 8 euro in Albania. Mettendo a rapporto le due situazioni emerge che per gli italiani, la sanzione incide per lo 0,6%, mentre in Albania per lo 0,2%. In termini relativi, quindi, la differenza è molto meno accentuata.

Infine, se ritenete di essere stati multati ingiustamente, vi ricordiamo di dare uno sguardo alla nostra guida su come contestare un'infrazione.

Posizione Paese Multa per ecc. di velocità (euro) Limite di velocità (km/h) Numero di autovelox Guida in stato d'ebbrezza (euro) Limite di alcool nel sangue Utilizzo dello smartphone (euro) Passaggio con semaforo rosso (euro) Punteggio complessivo Zutobi

https://it.motor1.com/news/510043/italia-autovelox-record-dati-europa/

Nessun commento:

Posta un commento