L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 28 maggio 2021

La caccia ai novantunenni continua, dovunque si trovino. La correlazione si può dimostrare con l'autopsia ma questa viene negata a meno che viene fatta richiesta scritta che viene rilasciata dopo dieci giorni quando ormai non serve più. Il procuratore potrebbe richiederla subito MA deve ubbidire alla narrazione ufficiale sui vaccini

Il signor G. morto senza correlazione



Il signor G., 91 anni, era allegro e insolitamente in forma per la sua età: era in grado di badare alla casa, si prendeva quasi quotidianamente cura della moglie che stava in un casa di cura a Vienna perché bisognosa di assistenza continua e faceva ginnastica per tre quarti d’ora al giorno. Così ha condotto una vita sana, nonostante l’età , fino al giorno in cui è stato vaccinato con Moderna. La figlia del signor G. aveva cercato di dissuaderlo, ma lui voleva visitare sua moglie senza complicazioni, senza dover fare ogni volta il tampone e dover osservare la distanza “di sicurezza” , senza poterle prendere nemmeno la mano. Così il 1° aprile scorso il sig. G. si è fatto vaccinare intorno alle 12:45 e sua figlia è andata a trovarlo due ore e mezza dopo l’iniezione trovandolo in condizioni discrete, anche se afflitto da stanchezza. Ma alle 23, 30 quando ha telefonato per la buonanotte ha visto che il padre poteva solo balbettare. E’ arrivata che ormai era in fin di vita e solo i soccorsi sono riusciti a rianimarlo: in ospedale la diagnosi è stata una trombosi dell’arteria principale che porta al cervello. Il signor G. ha poi trascorso gli ultimi giorni della sua vita completamente paralizzato, poteva solo muovere gli occhi e il braccio destro e dopo sei giorni è morto.

Impossibile non trovare una correlazione, ma qui si è subito messo in moto un processo kafkiano volto a impedire che il vaccino fosse ufficialmente messo sotto accusa: “La vaccinazione è direttamente correlata alla morte del signor G.”, ha affermato il dott. Michael Brunner, avvocato di famiglia nel chiedere all’ufficio del pubblico ministero di ordinare quanto prima un’autopsia con analisi della coagulazione del sangue. Ma il pm ha sostenuto che l’esame autoptico poteva essere fatto solo dietro presentazione di una richiesta scritta, rendendo di fatto impossibile l’autopsia stessa visto che sarebbero occorsi dieci giorni per l’iter burocratico, troppi per un risultato significativo sulla coagulazione del sangue. Di fronte a questo comma 22 il magistrato con quell’ottusa sicumera che non è certo una rarità nella sua professione ha sentenziato: “i benefici della vaccinazione predominano infine il rischio”. Insomma da ometto di scarsa intelligenza si è erto a detentore di una verità che nessuno può avere, ma che lui crede posseggano i miserabili speculatori di Big Pharma. Sempre che non esegua ordini dall’altro che poi sarebbero comunque i bassifondi del potere.

Il dottor Christian Fiala interrogato sulla vicenda dopo che la figlia di signor G. ha reso pubblica la vicenda ha detto: “Da un punto di vista medico, la morte dell’uomo sano e in forma è chiaramente cronologicamente correlata alla vaccinazione e l’anamnesi non rivela nessun’altra ragione per l’ictus. “Il signor G. non è stato vaccinato a causa della sua salute, ma solo a causa della campagna pubblica di terrore per sfuggire alle restrizioni governative sulla visita alla moglie, sebbene queste misure non siano clinicamente significative. Inoltre, è noto che la probabilità di spiacevoli effetti collaterali al 50-60%. Questi effetti collaterali possono essere pericolosi, soprattutto per le persone anziane.”

Ora il problema è di capire quanti . signor G. ci sono per il mondo, quanti casi avversi non rientrano nelle segnalazioni perché qualche autorità ha deciso che non bisogna far sapere o perché qualche medico teme una sanzione o perché i familiari non vogliono intraprendere un’ardua battaglia contro la cupola pandemica e vaccinista o semplicemente perché non hanno compreso la situazione. Secondo il parere dell’associazione farmaceutica Pharmig, solo il 6 per cento dei casi arriva alle statistiche. Ma i dati reali li conosceremo solo quando crollerà il castello di omertà che una elite al tramonto ha costruito attorno a un virus nella speranza che sia lui a salvarla dai disastri che ha combinato.

Nessun commento:

Posta un commento