L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 10 maggio 2021

Sale forte e chiara la volontà di isolare gli ebrei sionisti in Medio Oriente

08 Maggio 2021 18:00
Iran, appello dei Rabbini a cristiani e musulmani: Uniamoci contro il sionismo

La Redazione de l'AntiDiplomatico


Decine di migliaia di musulmani in Iran e in tutto il Medio Oriente hanno preso parte ieri alle manifestazioni per la "Giornata internazionale del Quds", una campagna annuale di manifestazioni sostenuta dall'Iran intesa a mostrare solidarietà ai palestinesi.

I leader ebrei iraniani si sono uniti alle proteste, invitando ebrei, musulmani e cristiani a "schierarsi contro" il sionismo.

Younes Hamami Lalehzar, uno dei più eminenti rabbini iraniani, ha espresso il suo sostegno alla Giornata internazionale del Quds (Gerusalemme) e ha accusato i leader israeliani di sfruttare l'antica religione del giudaismo per perseguire i propri obiettivi.

"I sionisti hanno sfruttato il giudaismo per raggiungere i propri obiettivi", ha detto Hamami Lalehzar , parlando all'agenzia di stampa Fars oggi.

“I sionisti hanno usato il giudaismo, che è una religione monoteista, come pretesto per giustificare all'interno del loro quadro politico qualsiasi strategia per raggiungere il loro obiettivo. Questo comportamento non è stato affatto accettato dagli ebrei del mondo, e dall'inizio del regime sionista fino ad oggi, c'è stata molta opposizione all'approccio dei sionisti e continua ancora ", ha ricordato.

Il rabbino, che lavora anche come medico e ha contribuito all'autore di libri di testo religiosi ufficiali per studenti delle scuole superiori speciali iraniane per la minoranza ebraica, ha sottolineato che l'ideologia del sionismo è un costrutto della fine del XIX secolo di movimenti nazionalisti più ampi in Europa, e questa ideologia è stata a lungo osteggiata da molte comunità religiose ebraiche. Ha sottolineato che affrontare il sionismo è un dovere religioso e umano, e ha paragonato la moderna resistenza a Israele alla lotta del profeta Mosè contro l'oppressione del faraone egiziano contro gli israeliti.

Hamami Lalehzar ha ricordato che gli ebrei religiosi trovano i "comportamenti brutali e i crimini del regime sionista" del tutto inaccettabili e hanno preso parte a campagne contro di esso, inclusa la Giornata internazionale del Quds.

“Denominare un giorno come il Quds Day ('Jerusalem Day') ha fatto sì che la questione della Palestina non fosse gettata nell'oblio. La mossa dell'Imam [Ruhollah] Khomeini [per creare il giorno della protesta] è in effetti una sorta di iniziativa che ricorda al mondo la questione della Palestina ogni anno in modo da pensare a una soluzione ", ha spiegato.

Hamami Lalehzar un altro eminente leader ebreo iraniano ha espresso esprimere sostegno per la Giornata internazionale del Quds. Ieri, il dottor Siyamak More Sedgh, l'unico parlamentare ebreo nel parlamento dell'Assemblea consultiva islamica iraniana, ha invitato tutti i credenti monoteisti a resistere al "regime sionista" e ha sottolineato che la Giornata di al Quds "non solo per il popolo palestinese, ma per tutte le persone oppresse del mondo ".

Un censimento del 2016 ha mostrato che l'Iran ospitava circa 9.800 ebrei, rendendo la loro la più grande comunità di ebrei del Medio Oriente al di fuori dello stesso Israele. Prima del 1979, oltre 100.000 ebrei vivevano in Iran, molti dei quali fuggivano dal paese per Israele all'indomani della rivoluzione islamica, solo per subire discriminazioni nel loro nuovo paese d'origine.

In Iran, la restante comunità ebraica gode della libertà di religione, gestisce sinagoghe, classi della Torah e istituzioni educative speciali, comprese le scuole elementari, medie e superiori. Il parlamento iraniano ha anche cinque seggi riservati alle minoranze religiose del Paese, compreso uno per gli ebrei. Inoltre , sebbene l'Iran abbia leggi severe contro la produzione, la vendita e il consumo di alcol, la sua comunità ebraica è autorizzata a produrre e consumare vino Sabbath.

Gli ebrei vivono in Iran da oltre 2.700 anni, con più libri nella Bibbia che fanno riferimento alla vita della Via nell'antica Persia. Nel 537 a.C., dopo aver liberato gli schiavi ebrei dai babilonesi, il re persiano Ciro il Grande permise a coloro che volevano tornare alle loro case nell'antica Giuda, mentre a coloro che scelsero di rimanere fu concessa la cittadinanza e permesso di ricostruire i loro santuari religiosi nella stessa Persia . Gli ebrei furono in grado di mantenere significative libertà religiose ed economiche anche dopo la conquista islamica della Persia nel VII secolo.

Nessun commento:

Posta un commento