L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 4 giugno 2021

L'Inflazione "momentanea" comincia a colpire, si accenna alla riduzione di miliardi che le banche centrali riversano nella finanza, e il Casinò Wall Street comincia a fibrillare. Le prove, come sempre iniziano dalla periferia, nel caso specifico dall'Australia

L'Asia annusa il tapering. Parte l'Australia, la Fed seguirà

Mercati leggermente positivi, petrolio ai massimi da un anno e mezzo. Gli investitori stanno soppesando le parole di Finck, fondatore di Blackrock, che ha avvisato di un rialzo consistente dei prezzi. Dollaro in risalita, futures sopra la parità

di Elena Dal Maso 03/06/2021 07:16


Asia moderatamente positiva, alle ore 7:20 italiane il Nikkei sale dello 0,45%, Hong Kong perde lo 0,4% e Shanghai guadagna invece lo 0,43% mentre l'oro cala dello 0,2% a 1.906 dollari per oncia e il petrolio Wti americano continua a salire, questa volta dello 0,6% a 69,26 dollari il barile. Le maggiori valute perdono in media lo 0,10% sul dollaro, con l'euro che passa di mano a 1,22, lo yen a 109,73, la sterlina a 1,4150. Il T bond Usa decennale vede il rendimento volatile all'1,592%. I futures su Wall Street, intanto, sono appena sopra la parità.

Shanghai sta salendo dopo la chiusura positiva della borsa americana, con il Pmi manifatturiero Usa che ha mostrato una crescita a maggio oltre il consenso. A livello locale, il Pmi servizi in Cina ha continuato a crescere sempre a maggio (sopra quota 50 è espansione) nonostante il rallentamento nel ritmo a causa della persistente pressione inflazionistica.

Il Caixin China General Services Pmi si è portato a 55,1 da un massimo di quattro mesi di 56,3 nel mese precedente, con i contagi all'estero che hanno danneggiato l'attività commerciale. Tuttavia l'ultima lettura ha indicato il 13° mese consecutivo di aumento nel settore, con la crescita dei nuovi ordini in calo ma robusta, mentre l'occupazione è in aumento per il terzo mese consecutivo. Nel frattempo, le pressioni sui prezzi si sono intensificate a causa dei persistenti vincoli sul fronte dell'offerta (il collo di bottiglia legato alle materie prime).

Fra le notizie economiche, la casa automobilistica tedesca Bmw ha annunciato che le sue fabbriche in Cina prevedono di raggiungere la neutralità delle emissioni di carbonio entro la fine di quest'anno, mentre le emissioni totali, sempre di carbonio, nella sua catena di produzione cinese, diminuiranno dell'80% entro il 2030. Sul lato Covid-19, l'Oms ha approvato un vaccino contro il coronavirus prodotto da Sinovac Biotech per l'elenco degli usi di emergenza, aprendo la strada a un secondo farmaco cinese da utilizzare nei Paesi in via di sviluppo.

Gli investitori ora andranno a leggere con attenzione il report settimanale sulla disoccupazione e i dati sui salari privati di maggio in pubblicazione oggi che saranno seguiti dai dati mensili sui posti di lavoro venerdì, con gli investitori alla ricerca di segnali di ripresa economica e aumento dell'inflazione. E sul tema costo della vita, i prezzi del petrolio hanno raggiunto il livello più alto dell'ultimo anno e mezzo guidati dalla decisione dei principali Paesi produttori di ripristinare l'offerta solo gradualmente.

Inoltre la Federal Reserve ha pubblicato il Beige Book, dove indica carenze di manodopera e pressioni inflazionistiche. A questo si lega il fatto che il fondatore di BlackRock, Larry Fink, ha avvertito che il mercato sta sottovalutando il rischio di un'inflazione più consistente, mentre il presidente della Philadelphia Fed Bank, Patrick Harker, ha spiegato "potrebbe essere il momento di pensare almeno a ridurre i nostri 120 miliardi di dollari mensili di acquisti in buoni del Tesoro e in mortgage-backed securities".

In Australia, la banca centrale dovrebbe iniziare a ridurre lo stimolo di emergenza pandemica a partire dal prossimo mese, quando gli investitori ritengono che il board annuncerà di non estendere il suo obiettivo di rendimento a tre anni oltre l'obbligazione di aprile 2024.

Nessun commento:

Posta un commento