L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 1 luglio 2021

Fanno di tutto affinché le popolazioni si prestino a fare da cavie ai vaccini sperimentali. Una domanda è d'obbligo, PERCHE'?

Il falso vaccinato del ministro



Probabilmente pochi di noi conoscono Günther Jauch che è invece un notissimo conduttore televisivo tedesco, nominato addirittura “genero ideale” dalle telespettatrici, insomma una specie di analogo di Pippo Baudo degli anni ’80. Ora il ministro della salute, il famigerato Jens Spahn, ex impiegatuccio di banca, titolare di una laurea breve in scienze politiche e coinvolto in parecchi scandali di corruzione, persino sulle mascherine, ha arruolato di forza il celebre conduttore come testimonial dei vaccini dichiarando che “Anche Günther Jauch è vaccinato è il nostro jolly nella guardia contro le pandemie.” E come se questo non bastasse il ministero ha pubblicato sul proprio account principale una foto del conduttore con un cerotto nel presunto sito di un’iniezione E siccome Jauch è stato conduttore dell’edizione tedesca di Chi vuol essere milionario l’immagine traino scherza su questo fattore e in un riquadro compare la domanda ” Sarò vaccinato?” che prevede quattro risposte che prevedono solo il sì.

Il problema è però che il conduttore non si è affatto vaccinato: all’inizio di aprile ha avuto un lieve influenza con tampone positivo e ed è stato ovviamente dichiarato caso covid, così che non potrebbe farsi la puntura nemmeno volendo prima dell’ottobre prossimo. E’ del tutto chiaro che il personaggio si è prestato – probabilmente non gratis, forse dietro compenso, forse sotto minaccia di non lavorare più alla tv pubblica – per la campagna vaccinale del ministero così come altri burattini della farsa pandemica . Ma se qualcuno comincia ad indignarsi aspetti perché questa è solo una parte della storia, il bello deve ancora venire: al momento della brevissima influenza Covid del presentatore sempre il ministero aveva sfruttato questo evento per rinfocolare la campagna di paura. Dunque sapeva benissimo che Juach non era vaccinato e tutto ciò che è accaduto è solo una miserabile messa in scena. C’è da chiedersi cosa non lo sia in questa commedia pandemica e davvero come si faccia ad aver confuso a tal punto la testa della gente che scorda tutto da un mese all’altro. .

il giornalista Felix Dachsel ha attaccato questa ennesima menzogna “Come può il ministero continuare a diffondere notizie così palesemente false e il ministro Jens Spahn a ritwittarle?”Purtroppo abbiamo commesso un errore – risponde il dicastero – ma Günther Jauch” vuole “essere vaccinato”. Il tutto mentre il conduttore tace. Non c’è dubbio che c’è da fidarsi della parola di questi gaglioffi. Ora è chiaro che se non ci fosse stato il piccolo particolare del Covid primaverile sfruttato a fini di paura, la cosa sarebbe tranquillamente passata per vera come probabilmente è accaduto per molti mercenari del vaccino, di certo non solo in Germania. E chissà con quanto spreco di buona e innocua acqua distillata

Nessun commento:

Posta un commento